Giovedì, 13 Aprile 2017 22:00

Primo ko casalingo per l'Hockey Tergeste, esulta Torino

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Una fase della gara contro il Real Torino Una fase della gara contro il Real Torino

La Tergeste subisce la prima sconfitta casalinga alla penultima giornata di campionato per mano del Real Torino.

Una partita strana che si poteva e si doveva vincere, vista la vittoria per 5-4 nel girone di andata, e invece...
È una sconfitta che dà fastidio, soprattutto per come è venuta, anche se bisogna dare merito al Torino che nel secondo tempo, sotto di due reti, a sette minuti dal termine ha trovato altri tre gol, dimostrando di volere la vittoria più dei biancorossi. Non a caso i piemontesi vengono chiamati “Bogianen”, che è sinonimo di caparbietà, tenacia e risolutezza.
Nella prima frazione è partito bene il Torino che dopo 13’55” ha trovato il gol con Zorloni, che ha replicato dopo quasi 5’: un giocatore in grado di fare la differenza nell’attacco piemontese e che ha messo più volte in difficoltà la difesa triestina. Al 23' 44” si è fatta vedere la Tergeste con una rete di Pittani. Si va al riposo con il Torino in vantaggio per 2-1.
Inizia la ripresa ed il Torino si porta sul 3-1 con Cobeco. Poi, un rigurgito di orgoglio tra le fila dei locali e la partita si avvia in un binario paritario, anzi il Torino va in affanno. Adesso si gioca: i triestini non ci stanno a perdere, si portano in parità (reti di Angeli e Mariotto) ed effettuano il sorpasso con Fabietti.
La Tergeste illusa dal doppio vantaggio
Mancano sette minuti al termine con la Tergeste ancora protesa in avanti alla ricerca del triplo vantaggio. Tre errori marchiani in difesa e per i triestini arriva il classico testa-coda. Il Torino accorcia con Zorloni, si porta in parità con Meirone e liquida la pratica Tergeste, a tre minuti dal termine, con Ottino. La Tergeste prova a spingere nei minuti finali per salvare l'onore, ma finisce 6 a 5 per il Torino, tra lo scetticismo generale.
È amareggiato il Presidente della Tergeste Mike Angeli al termine della partita. Quella subita al Pala Boegan è sicuramente una sconfitta che brucia: "È stata una partita dalle duecento emozioni − esordisce il presidente triestino − prima persa, poi recuperata, poi ancora vinta ed alla fine persa negli ultimi istanti per tre grossolani errori difensivi”.
Dallo spogliatoio:
Stefano Chiarandini – “Sapevamo che la partita sarebbe stata difficile e che il Torino non ci avrebbe lasciato di certo molti spazi.
Infatti, sono stati fin da subito aggressivi, cosa che ci ha creato qualche difficoltà in tutta la prima parte della partita.
Nonostante sotto di qualche goal la nostra squadra ha reagito senza mollare mai (questa è una grande qualità dei nostri giocatori), e siamo riusciti a portare il risultato in nostro favore.
Poi, purtroppo, distrazioni difensive e nervosismo di alcuni di noi, sicuramente evitabili, ci hanno fatto perdere la concentrazione, e un buon Torino ha saputo sfruttare le occasioni per tornare in vantaggio e batterci di misura.
Noi comunque ci crediamo e da subito intendiamo rifarci. Altre volte abbiamo saputo rimontare e porre rimedio a giornate "storte", e sicuramente ci proveremo anche questa volta. Guardiamo già al prossimo match con il Brebbia”.

Nicholas Angeli - Dopo il weekend romano, che non ha fruttato come doveva, dovevano cercare di voltare pagina, invece siamo incappati in un’altra sconfitta, stavolta più indigesta perché subita in casa.
Sapevamo che sarebbe stata una partita molto combattuta sia per il secondo posto in palio che per il livello delle due squadre. Così come sapevamo che la squadra torinese, seppur composta in prevalenza da giovani giocatori, è ben preparata fisicamente e tecnicamente.  Io, inoltre, giocando con il Real Torino il campionato giovanile Under 18, sapevo anche che avrebbero sviluppato un gioco piuttosto fisico, e così è stato.
A loro va il merito di aver saputo approfittare di alcuni nostri errori difensivi. Adesso dobbiamo pensare al match contro il Brebbia: dovremo essere bravi a gestire il nostro gioco con intelligenza e a rimanere concentrati durante tutto il match”.

Tabellino:
Tergeste – Torino 5-6
Tergeste: D’Ambrosi, Mattiussi, Angeli, Ballarin, Bertoli, Cavalieri, Chiarandini, Fabietti, Grusovin, Mariotto, Pittani,. All. Emanuel Letica
Torino: Russo, Letizia, Zorloni, Ottino, Meirone, Tilaro, Zorloni, Codebo. All. Manuel Moro
Penalità: Tergeste 14’ – Torino 18’
Arbitro: Colcuc di Agordo

Letto 55 volte

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi commenti agli articoli