Venerdì, 10 Agosto 2012 21:24

Noemi Batki: "A Londra ho fatto il massimo"

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Immagine d'archivio Immagine d'archivio
Noemi Batki, atleta tesserata con Triestina Nuoto ed Esercito,
commenta così l'ottavo posto al termine della finale olimpica dalla piattaforma, conclusasi con un ottavo posto: Un pizzico di rammarico ci può essere sempre, ma obiettivamente non potevo ottenere di più. Sapevo che il problema dei coifficienti dei tuffi sarebbe stato una stangata sui denti e se non sono riuscita ad aumentarli, un motivo ci sarà....il ritornato? Sono partita bene e ho cercato di camuffarlo, ma alla fine l'ingresso in acqua non è stato buono e perciò non l'ho scapolata. Ma se una settimana prima della gara mi avessero parlato dell'ottavo posto, ci avrei messo la firma. Era il massimo, a cui potevo puntare ed era quello, che desideravo conquistare. Le prime otto dovrebbero infatti dar vita alle World Series, competizione riservata alle migliori al mondo e alla quale non ho mai partecipato. Quanto ancora a questa esperienza olimpica, sono contenta di aver eguagliato il record storico, che aveva stabilito Tania Cagnotto con l'ottavo posto alle olimpiadi di Atene 2004. Siamo le uniche atlete della storia italiana ad aver partecipato alla finale olimpica della piattaforma e ne sono fiera. La gara è stata abbastanza buona; ho ottenuto il record di punti e - malgrado il terzo posto al terzo giro - sapevo, che avrei pagato qualcosa nel finale. Per aspirare a posizioni più importanti dovrò incrementare sicuramente il coefficiente del mio programma. Purtroppo ho sporcato il triplo e mezzo ritornato raggruppato, che in semifinale mi aveva dato otto punti in più, ma è anche vero che meritavo una valutazione inferiore per il doppio e mezzo rovesciato con cui ho chiuso la gara. Quindi, nel complesso, nessun eccessivo rammarico".
Letto 680 volte

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli