Domenica, 06 Gennaio 2013 21:26

Acegas, continua il mal di trasferta

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Immagine d'archivio Immagine d'archivio
LEGA DUE - 14° TURNO
A.S. JUNIOR PALLACANESTRO NOVIPIU' CASALE MONFERRATO 81
ACEGAS APS PALLACANETRO TRIESTE 2004     66
(23-19, 43-33, 63-45)

A.S. JUNIOR PALLACANESTRO NOVIPIU' CASALE MONFERRATO: Malaventura 16, Di Prampero n.e., Antonelli, Butkevicius 6, Pierich 11, Edoardo Giovara 2, Monaldi 6, Martinoni 16, Valentini, Matteo Giovara, Ferrero 12, Ware 12. Coach Griccioli
ACEGAS APS PALLACANETRO TRIESTE 2004: Coronica n.e., Brown 6, Stefano Tonut n.e., Ondo Mengue n.e., Mastrangelo 2, Ruzzier 2, Thomas 12, Filloy 13, Carra 11, Mescheriakov 8, Gandini 12, Urbani n.e. Coach Dalmasson
ARBITRI: Pascotto di Portogruaro, Perretti di Napoli e Migotto di San Stino di Livenza.
NOTE Tiri da 2: Casale 18/39, Trieste 16/43. Tiri da 3: Casale 12/26, Trieste 9/26. Tiri liberi: Casale 9/10, Trieste 7/8. Rimbalzi: Casale 40 (29 difensivi, 11 offensivi), Trieste 37 (24 difensivi, 13 offensivi). Palle perse e recuperate: Casale 12 e 4, Trieste 12 e 10. Stoppate: 7-0 per Casale. Assist: Casale 12, Trieste 14. Valutazione di squadra: Casale 93, Trieste 57. Uscito per 5 falli: Mescheriakov.

Ancora una sconfitta in trasferta per l'Acegas. Avvio di partita piacevole grazie ai ritmi veloci, per quanto proprio la velocità del gioco favorisca qualche imprecisione nelle giocate. I padroni di casa partono meglio e si fanno sentire in attacco prima che gli ospiti rientrino in gioco. Il secondo quarto è un po' più confusionario su entrambi i versanti e il gioco è un po' meno spettacolare. Trieste alterna buoni momenti a passaggi a vuoto. Ha un buon inizio di secondo quarto ad esempio, così da illudersi di poter cambiare lo spartito del match, ma poi perde il bandolo della matassa trovandosi di fronte delle buone individualità (e la giornata indolente di Brown non aiuta i triestini a restare a galla). Casale chiude così la prima frazione sul 43-33. E nel secondo tempo non ha più reazioni particolari, complice una giornata incolore in primis a livello mentale anche quando Ware ha un calo. La prova irriconoscibile pure di Thomas e non solo di Brown fa sembrare Trieste ancora più incolore e il terzo periodo va in archivio sul 63 a 45; cambia poco o nulla nell'ultimo round con i piemontesi che dimostrano di essere compagine di qualità pur in assenza del bomber Green. Per i vincitori, che avevano eliminato i giuliani dalla Coppa Italia lo scorso mese, si tratta del sesto successo nelle ultime sette uscite e la banda di Giulio Griccioli continua a bazzicare nei quartieri alti. Quanto a Trieste, il secondo brutto passo falso consecutivo pone l'interrogativo se i problemi economici del club incidano veramente a differenza delle smentire ufficiali del club e della squadra.
Letto 445 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli