Domenica, 23 Ottobre 2011 20:54

Acegas, resa con Napoli: fatale il terzo quarto

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Coach Dalmasson Coach Dalmasson

Battuta d'arresto casalinga per l'Acegas Aps, che ha perso 82-86

con la BPMed Napoli, in una gara decisa dal parziale del terzo quarto (17-37), che ha ribaltato la situazione fino a quel momento favorevole ai padroni di casa mettendo l'inerzia della partita in mano alla formazione napoletana, che ha contenuto la rimonta biancorossa e si è aggiudicata la posta piena.
Sono i quintetti senior ad iniziare la partita, con Trieste in campo con Carra, Zaccariello, Moruzzi, Ferraro e Gandini, mentre Napoli risponde con Lenardon, Musso, Rizzitiello, Gatti e Iannilli.
La partenza napoletana è importante, e dopo quattro minuti di gioco gli ospiti sono avanti 4-12, per toccare il + 10 sull'8-18. L'Acegas reagisce e grazie a un break di 10-0 (5 punti di Carra) impatta la contesa a quota 18. Il primo quarto si conclude con i giuliani avanti 22-20.
Grande equilibrio nei primi 6 minuti del secondo parziale, le squadre non riescono a scappare anche se Trieste prova la fuga andando a + 5 (34-29), ma viene quasi ripresa sul 34-33. A questo punto però i padroni di casa trovano un 10-2 con Mastrangelo sugli scudi (5 punti), e va all'intervallo lungo con nove punti di margine (44-35).
Napoli parte subito con il piede giusto al rientro in campo e in un amen è tornata a - 1 (44-43). L'Acegas tenta di riprendere terreno allungando a + 6 (51-45), ma prima subisce uno 0-6 che determina il pareggio (51-51) e negli ultimi 5 minuti del quarto segna 10 punti contro i 21 messi a segno dai partenopei, che alla penultima sirena sono a + 11 (61-72, 17-37 il parziale).
Dopo tre minuti e mezzo nell'ultima frazione Trieste è rientrata a - 7 (67-74) ma non ha fatto i conti con l'avversaria che la ricaccia indietro, nuovamente a - 11 (67-78). I biancorossi però, grazie anche alla spinta e ai cori dei tifosi, piazza un break di 9-0 con cui torna a soli due punti dagli ospiti (76-78). Con il possesso del pareggio o del potenziale sorpasso, l'Acegas perde il pallone e dall'altra parte del campo Napoli trova la tripla del 76-81. Sembra finita, ma Carra segna quattro punti in fila per il -1 (80-81), di là gli ospiti azzeccano l'ennesima conclusione dalla lunga distanza (80-84). Mastrangelo regala l'ultima illusione (82-84), ma ormai mancano pochi secondi alla fine, e l'Acegas deve incassare la prima sconfitta casalinga della sua stagione.
In sala stampa Eugenio Dalmasson analizza così la partita: "E' stata una gara che si è decisa evidentemente nel terzo quarto, che abbiamo perso in modo clamoroso, siamo rientrati in campo con la testa e l'atteggiamento sbagliato. Questo errore nell'approccio è una grossa colpa che ha messo Napoli nelle condizioni di giocare come meglio sa. Negli altri tre quarti è stata una partita completamente diversa, inizialmente loro hanno iniziato in maniera perfetta, con buone scelte di tiro, mentre noi abbiamo avuto la pazienza di costruire la nostra partita, trovando i nostri ritmi con applicazione. Questo ci ha consentito di andare all'intervallo lungo con un buon vantaggio e con l'inerzia della partita nelle nostre mani. Poi purtroppo abbiamo perso di vista i nostri obiettivi, e nell'ultimo quarto abbiamo sbagliato qualche tiro di troppo in momenti in cui ogni errore ti costa caro. Comunque, pur riconoscendo i nostri limiti e le nostre colpe, resta anche il fatto che per tre quarti abbiamo giocato alla pari contro la prima in classifica del campionato".

 

Il tabellino.

ACEGAS APS TRIESTE: Zaccariello 5, Bonetta ne, Mastrangelo 11, Ruzzier 9, Maganza 5, Moruzzi 14, Ferraro 6, Carra 19, Gandini 13, Zecchin ne. All. Dalmasson
BPMED NAPOLI: Sabbatino 7, Musso 32, Bastone ne, Mariani, Gatti 6, Iannilli 13, Rotondo 6, Rizzitiello 12, Guastaferro, Lenardon 10. All. Bartocci

 

dal sito della Pallacanestro Trieste

Letto 610 volte Ultima modifica il Domenica, 23 Ottobre 2011 21:02
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli