Mercoledì, 07 Marzo 2012 23:46

Acegas stellare, più 31 contro Trento

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Un'immagine della sfida della scorsa stagione in terra trentina Un'immagine della sfida della scorsa stagione in terra trentina
Al PalaChiarbola, non affollato come auspicabile per un simile match al vertice, l'Acegas Aps Trieste

ha ragione della Bitumcalor Trento dei triestini Spanghero e Medizza in uno dei due anticipi del 29° turno, programmato per l'8 marzo. E porta lo scontro diretto dalla sua, avendo perso di due all'andata. L'altra sfida, tra Torino e Omegna (prossima avversaria dei biancorossi), termina 96-105 dopo due supplementari. Nel primo quarto la timorosa Trieste soffre (complice un quintetto iniziale "non titolare") e Trento si porta sul +5 a due minuti dalla fine, poi il finale vede il solo Moruzzi segnare tanto da dare la scossa ai giuliani. Nel secondo periodo i padroni di casa cambiano decisamente volto (sorprendendo anche i pronostici più ottimistici) e - dominando sotto le plance - dettano i ritmi nettamente così da piazzare un maxi-parziale. Solo sei i punti realizzati dagli ospiti, la cui frazione è da dimenticare complice la stanchezza. L'inerzia è ormai totalmente nelle mani giuliane e i trentini non riescono mai a rientrare in gioco.

Il capitano di Trieste Alfredo Moruzzi: "Prestazione collettiva di notevole importanza. Un po' di fatica all'inizio e poi abbiamo messo più intensità in difesa, crescendo così a partire dal secondo quarto. Maganza è stato importantissimo e Ferraro ha fatto il possibile, non essendo al meglio. Tutti, però, sono stati bravi contro una squadra che ha pagato la stanchezza per le ultime due gare terminate ai supplementari. Trasferta impossibile sabato a Omegna? Non c'è nulla di impossibile nella vita e se giochiamo sui nostri migliori livelli in difesa, ce la possiamo giocare con tutti".

Coach Eugenio Dalmasson: "Le assenze di Zaccariello, Carra e Ferraro a Casalpusterlengo? Non scelte tecniche, ma dovute a infortuni, di cui tutta la società era a conoscenza. Trento? Effettivamente era stanca e non aveva le energie per un incontro simile. Noi abbiamo avuto freschezza e personalità e siamo stati superiori nei rimbalzi. Siamo cresciuti molto in questi mesi sia individualmente sia di squadra. Abbiamo cercato di sfruttare alcune situazioni anche perchè Gandini non aveva la sola lucidità - pur essendo generoso - a causa della stanchezza. Maganza? E' un giovane bravo e siamo contenti della sua prova. Zecchin? Ha avuto determinazione e fisicità e ha controllato bene il pericoloso Santarossa. Il futuro? Non abbiamo mai avuto l'angoscia del piazzamento finale, ma abbiamo pensato sempre partita per partita per cercare di migliorare e sapendo che i risultati saranno una conseguenza". Il tabellino.
ACEGAS APS PALLACANESTRO TRIESTE 91
BITUMCALOR TRENTO 60

ACEGAS APS PALLACANESTRO TRIESTE: Zaccariello 12, Carra 16, Scutiero 2, Ferraro 9, Zecchin 2, Ruzzier 9, Moruzzi 13, Mastrangelo 4, Gandini 8, Maganza 16. Coach Dalmasson
BITUMCALOR TRENTO: Conte 3, Brandani, Santarossa 8, Spanghero 12, Negri 15, Fiorito, Pascolo 4, Forray 11, Medizza, Pazzi 7. Coach Buscaglia
ARBITRI: Capurro di Reggio Calabria e D'Amato di Roma.
NOTE Quarti: 18-18, 49-24, 65-41. Tiri da 2: Trieste 25/40, Trento 18/42. Tiri da 3: Trieste 8/22, Trento 4/17. Tiri liberi: Trieste 17/23, Trento 12/18. Rimbalzi: Trieste 45 (34 difensivi e 11 offensivi), Trento 28 (22 difensivi e 7 offensivi). Palle perse e recuperate: Trieste 20 e 21, Trento 21 e 21. Assist: Trieste 13 e Trento 8.Uscito per 5 falli: Ruzzier.

Letto 505 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli