Giovedì, 22 Marzo 2012 22:25

Acegas, vittoria e primato solitario

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Immagine d'archivio Immagine d'archivio
Nella quattordicesima giornata di ritorno vittoria strappata con le unghie e con i denti per l'Acegas Aps Trieste

ai danni di Perugia al termine di una partita poco spettacolare e con i connotati di un match da play-off. Biancorossi da soli in vetta - con gli scontri diretti favorevoli - alla Conference Nord Est vista la sconfitta di Trento a Pavia per 83-71. Trentini in attesa però di recuperare con Anagni. Nel primo quarto i padroni di casa sono imprecisi e chiudono sotto con un calo finale. Un parziale di 20-11 permette ai locali di chiudere in parità il secondo quarto (dopo essere stata sotto di nove) grazie a una difesa un po' più attenta anche se in difficoltà negli uno contro uno. Trieste soffre, però, in attacco e si affida più che altro alle soluzioni individuali come quelle di Moruzzi al cospetto di una retroguardia aggressiva. L'Acegas Aps mette il naso avanti per la prima volta nel terzo periodo grazie a un miglioramento nel tiro da due. Sembra aver girato la gara dalla sua parte, ma - nel finale dell'ultimo quarto - deve ancora stringere i denti visto che si mangia il +7 accumulato.

Il rientrate 1992 Alessandro Scutiero (Acegas Aps Trieste), assente da oltre 4 mesi, afferma: "Siamo cresciuti, pur avendo accusato due infortuni, durante la partita contro un avversario ostico. Bene così e ora dobbiamo continuare a inseguire il nostro obiettivo, ovvero il primo posto".

Così, invece, il coach di Trieste Eugenio Dalmasson: "Avevamo davanti una delle squadre più forti della Division, in buona forma e con la mente sgombra. Abbiamo avuto alcuni problemi fisici e abbiamo accusato penetrazioni, uno contro uno e tiri liberi. Gli errori ci sono stati, ma è stata partita vera e nel finale il nostro cuore ci ha premiato. Senza quello non l'avremmo vinta. Siamo stati bravi in questo senso, dimostrando anche voglia e determinazione. Ora ci aspettano gare di questo tipo: intense e di qualità". E ora Trieste è attesa da Ferentino, avversario ancora affamato a livello di classifica e perciò ostico.
Il tabellino.
ACEGAS APS PALLACANESTRO TRIESTE 67
LIOMATIC PERUGIA 63

ACEGAS APS PALLACANESTRO TRIESTE: Moruzzi 17, Gandini 7, Zaccariello 11, Maganza 2, Carra, Ferraro 10, Mastrangelo 7, Scutiero 10, Ruzzier 2, Zecchin 1. Coach Dalmasson
LIOMATIC PERUGIA: Truccolo 11, Baldirossi 21, Caroldi 9, Poltroneri 5, Bonamente 2, Chiatti 5, De Min 10, Santantonio, Kuschev, Rath. Coach Fabrizi
ARBITRO: Ceratto di Castellazzo Bormida (Alessandria) e Borgo di Dueville (Vicenza).
NOTE Quarti: 13-22, 20-11, 15-11, 19-19. Tiri da 2: Trieste 20/43, Perugia 14/33. Tiri da 3: Trieste 5/23, Perugia 5/17. Tiri liberi: Trieste 12/19, Perugia 20/32. Rimbalzi: Trieste 43 (25 difensivi e 18 offensivi), Perugia 40 (27 difensivi e 13 offensivi). Palle perse e recuperate: Trieste 15 e 22, Perugia 21 e 15. Assist: Trieste 6 e Perugia 5. Stoppate: 3-0 per Perugia. Usciti per 5 falli: Ruzzier e Chiatti.

Letto 514 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli