Domenica, 28 Febbraio 2016 22:30

Alma stellare, annientata la capolista

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)
Una fase di Alma-Treviso, Parks punta Powell Una fase di Alma-Treviso, Parks punta Powell

Capolavoro dell'Alma che demolisce la capolista Treviso. Un pomeriggio da brividi

che rimarrà a lungo nelle menti dei 5660 spettatori del PalaRubini, un numero record per il campionato di serie A2. Fra questi anche una buona rappresentanza veneta a cui gli ultras locali hanno subito srotolato davanti agli occhi una grande cartina geografica italiana con la Venezia Giulia ben rimarcata, rispondendo ad una provocazione dei giorni scorsi quando nella Marca erano stati distribuiti dei volantini con sopra indicata l'internazionalità della prossima trasferta essendo Trieste una città slava. E i cori tra le due tifoserie sono proseguiti anche durante la contesa, curioso poi il modo della curva triestina di festeggiare il primo canestro della partita con un lancio di radicchio rosso trevigiano. Scelta naturalmente non casuale.

Trieste cerca la sua terza vittoria di fila dopo quel incredibile scivolone in casa della Cenerentola Matera che ancora brucia. Treviso per contro guida la classifica. Un osso decisamente duro da affrontare normalmente, e ancora di più senza l'acciaccato Nelson che è della compagnia ma sa che non si alzerà mai dalla panchina.

Coach Dalmasson regala subito una sorpresa con il diciottenne Gobbato in quintetto base assieme a Bossi, Parks, Pecile e Landi. Gobbato gioca 5'43” commettendo tre falli e poi lascia il posto agli altri.

L'Alma parte forte, Pecile segna il 2-0 e il palazzo esplode. Subito dopo replica Parks da tre: 5-0. Powell accorcia per il 5-2. Ma poi Landi, e le bombe in sequenza di Pecile, dello stesso Landi e di Bossi regalano il 16-3. Il PalaRubini è una bolgia. Powell, fantinelli ed Abbott riportano Treviso a -8. Baldasso da tre e Parks rimettono le cose a posto: 21-8. Il vantaggio triestino rimane attestato sui 9/11 punti ma nel finale di tempo un parziale di 8-0, con in mezzo uno schiaccione di “Picasso”, dà il 33-16 con cui si va al primo riposo. Pubblico in visibilio.

Si attende una reazione ospite ma Trieste gioca sempre a cento all'ora, Bossi allo scadere dei 24” infila la bomba del 38-19. A -4'29” boato del PalaTrieste un un alley-opp di Bossi per il solito Parks che fa arrivare il presidente Marzini quasi in campo per l'esultanza. L'Alma non si ferma, lo stesso Parks prima con una schiacciata in tap-in e poi con una bomba danno il 47-24 a -1'50”. E' il delirio. Il distacco rimane quasi inalterato alla fine del tempo: 51-30. Osservando le statistiche si capisce da dove arriva il vantaggio di 21 punti: per Trieste c'è un ottimo 7/14 da tre, per Treviso uno sconfortante 0/10.

Il terzo quarto si apre con uno stoppone di Parks. A -6'40” il punteggio segna 58-32 e rimane sempre ampio anche nei minuti successivi con la tripla di Bossi a cui risponde subito quella di Powell, la prima veneta della partita. La compagine di Pillastrini si avvicina nelle ultime battute chiudendo sul 64-47.

Nell'ultimo quarto c'è dunque solo da controllare per Trieste, Pecile con sei punti tiene l'avversario a distanza. A 4' dalla conclusione Canavesi piazza la bomba e l'Alma vede da vicino la vittoria. Una schiacciata di Parks e ancora una tripla per Baldasso danno il colpo di grazia: 80-60 a -2'40”. Un distacco incolmabile. E per Trieste c'è ora addiritura il sesto posto in graduatoria, seppur in ampia compagnia.

CLICCA QUI PER VEDERE GLI ULTIMI SECONDI DI GIOCO CON LA FESTA DEL PUBBLICO.

La prossima settimana non si gioca, l'Alma tornerà sul parquet domenica 13 marzo a Brescia contro la terza della classe.

La classifica: Treviso, Mantova 34; Brescia, Imola 32; Roseto 30; Trieste, Verona, Ravenna, Bologna, Treviglio 26; Ferrara 24; Chieti 20; Jesi, Legnano 16; Recanati 10; Matera 6.

Il tabellino.

Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste – De’ Longhi Treviso 82-66 (33-16, 51-20, 64-47)
Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste: Jordan Parks 18 (6/12, 2/3), Stefano Bossi 12 (1/3, 3/6), Andrea Coronica, Enrico Gobbato, Andrea Donda, Andrea Pecile 17 (5/7, 1/1), Lorenzo Baldasso 10 (2/3, 2/5), Aristide Landi 5 (1/2, 1/5), Roberto Prandin 11 (4/7 da due), Vincenzo Pipitone, Matteo Canavesi 9 (2/2, 1/2) N.E.: Roberto Nelson. All.Eugenio Dalmasson
Tiri Liberi: 10/13 – Rimbalzi: 28 21+7 (Jordan Parks 10) – Assist: 19 (Stefano Bossi 9)
De’ Longhi Treviso: Ty Abbott 4 (2/3, 0/4), Davide Moretti 9 (2/4, 1/2), Dorde Malbasa 6 (1/2, 0/2), Agustin Fabi, Paolo Busetto, Matteo Fantinelli 3 (1/4, 0/1), Marshawn Powell 14 (5/17, 1/1), Tommaso Rinaldi 12 (4/4, 0/3), Matteo Negri 13 (3/6 da due), Andrea Ancellotti 5 (2/4, 0/2) N.E.: Lorenzo De Zardo, Filippo Spessotto. All.Stefano Pillastrini
Tiri Liberi: 20/29 – Rimbalzi: 49 25+24 (Marshawn Powell 13) – Assist: 14 (Agustin Fabi 4)
Arbitri: Ursi, Gagliardi, Mottola
Spettatori: 5.660

Letto 610 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli