Martedì, 16 Agosto 2016 14:47

Alma Trieste, primo giorno di lavoro: è iniziata la stagione 2016/17

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

E’ iniziata ufficialmente stamattina, martedi 16 agosto, la stagione sportiva 2016/2017 di Alma Agenzia per il Lavoro Trieste.

La squadra, dopo il ritrovo al PalaTrieste e il discorso di benvenuto del Presidente Marzini, ha svolto la prima seduta al “Grezar” agli ordini del Prof. Paoli, sotto gli occhi di Coach Eugenio Dalmasson e degli assistenti Matteo Praticò e Marco Legovich. Gruppo al completo ad eccezione di Jordan Parks, in permesso concordato con la società e in procinto di raggiungere i compagni al termine di questa prima settimana di lavoro. Oltre ai giocatori confermati dalla passata stagione (Andrea Pecile, Andrea Coronica, Stefano Bossi, Vincenzo Pipitone, Roberto Prandin e Lorenzo Baldasso), presenti i volti nuovi Matteo Da Ros, Javonte Green ed Alessandro Simioni insieme ai giovani Iacopo Demarchi, Massimiliano Ferraro, Enrico Gobbato, Marco Murabito e Matteo Babich.

L’allenamento mattutino, basato essenzialmente sul lavoro aerobico, è durato circa due ore e ha lasciato buone impressioni al preparatore atletico Paolo Paoli: “Ho ritrovato un gruppo ben propenso a lavorare, compresi i nuovi innesti che hanno da subito mostrato una predisposizione più che positiva. I primi dieci giorni saranno molto importanti – ha spiegato Paoli – per far capire al gruppo la direzione che dovremo prendere, giorno dopo giorno. Il lavoro sarà graduale e partiremo con cose relativamente semplici, per generare in tutti i ragazzi la consapevolezza di saper svolgere al meglio tutto quello che verrà loro proposto. Ci sarà poi tempo e modo di aumentare il lavoro in termini di forza e intensità, con l’obiettivo di innalzare la soglia di ognuno, lungo un percorso che è iniziato oggi e che durerà fino al prossimo giugno. Le sensazioni sono più che positive – ha concluso il Prof. Paoli – ho visto i ragazzi motivati e in buona forma”.

Letto 380 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli