Domenica, 04 Agosto 2019 22:19

Cecchino e assistman, la Pallacanestro Trieste ingaggia Kodi Justice. Nello staff tecnico Mazzetti e Cittadini

Scritto da 
Vota questo articolo
(3 Voti)
Una vecchia foto di Kodi Justice. Foto da Facebook Una vecchia foto di Kodi Justice. Foto da Facebook

Un altro arrivo, in casa Pallacanestro Trieste 2004:

il nuovo ingaggio della società biancorossa risponde al nome di Kodi Justice. Nato a Mesa, il 3 aprile del 1995, Kodi Justice è una guardia di 199 centimetri per 87 chilogrammi che, dopo la high school a Dobson, ha frequentato il college di Arizona State: quattro stagioni con i Sun Devils durante le quali ha aumentato sempre più il suo impatto sul parquet, chiudendo con 12.7 punti, 2.7 rimbalzi e 2 assist (60% da due, 38% da tre) nel suo anno da senior.


Dopo aver chiuso il suo percorso universitario è approdato in Russia, più precisamente con il Parma Perm, dove ha viaggiato in doppia cifra di media ed è passato, durante la stessa stagione, ai polacchi dello Stelmet Enea BC Zielona Gora, squadra presieduta dall’ex giocatore NBA Zan Tabak. Bianco capace di uscire dai blocchi con buona efficacia, è dotato di un ottimo tiro dalla lunga distanza ma non è il classico tiratore piazzato: ha buonissimi fondamentali, oltre a capacità di trattare la palla e sfornare anche assist pregevoli per i compagni. Insomma, un giocatore completo che si potrà ben “combinare” con l’altro giocatore di riferimento a livello perimetrale, Jon Elmore. Giocatore sempre attivo, su entrambi i lati del campo, all’università e nelle squadre europee che ha “toccato” è sempre stato il leader tecnico: occuperà presumibilmente il ruolo di guardia titolare, con la possibilità di essere schierato anche da “3” in quintetti più piccoli.

Così il team manager di Trieste, Marco De Benedetto: “Con Justice acquisiamo un giocatore che ha già avuto un’esperienza in Europa, in campionati comunque di buon livello. Sa tirare dalla lunga distanza e questo aumenterà ulteriormente la nostra pericolosità perimetrale, ma è un giocatore che fa anche molte altre cose, quindi ben si presta ad essere incastrato nel nostro puzzle come tessera di un mosaico che abbiamo quasi portato a completamento. Non è solo un tiratore, ma è molto di più e da lui ci attendiamo un contributo a tutto tondo per la nostra squadra”.

 

Pallacanestro Trieste 2004 rende noto il coaching staff che sarà alla guida della formazione di Serie A nella stagione 2019/2020: al fianco del capo allenatore Eugenio Dalmasson e del suo assistente Marco Legovich, ci saranno due nomi nuovi a livello tecnico, ovvero Alberto Mazzetti e Alessandro Cittadini.


Alberto Mazzetti sarà responsabile video & scouting della Pallacanestro Trieste: nato a Gallarate il 2 agosto 1983, ha un percorso da giocatore dai 7 ai 18 anni ma ha iniziato ad allenare da giovanissimo. Casorate, Oleggio e Castellanza le tappe della sua carriera fra giovanili e “minors” (D, C2 e C1) poi, dal 2012/2013, l’approdo a Legnano, dove ha trascorso sette stagioni facendo da vice allenatore a tecnici come Eugenio Crotti e Mattia Ferrari e, infine, prendendo in mano la squadra nel campionato 2018/2019, ottenendo la salvezza in Serie A2.


A completare lo staff di Pallacanestro Trieste, infine, ci sarà Alessandro Cittadini: smessi i panni di giocatore, il lungo perugino classe 1979 entra ufficialmente a far parte del coaching staff con il ruolo di responsabile degli allenamenti individuali: lo sviluppo dei giocatori, con particolare attenzione al reparto lunghi, sarà il compito principale di “Citta”, personaggio che è entrato da subito nei cuori dei tifosi biancorossi ma anche in quello della dirigenza, che non ha perso tempo nell’integrare Alessandro nel proprio staff.


Coach Eugenio Dalmasson: “Rinforziamo il nostro coaching staff con due integrazioni che certamente potranno darci una grande mano, in quella che sarà una stagione difficile. Conosciamo bene gli ostacoli che possono porsi di fronte ad un team durante il campionato, ma ci affideremo al nostro credo che da sempre predichiamo, ovvero quello del lavoro duro e della forza del gruppo: per fare questo, abbiamo aggiunto due figure che, oltre ad essere tecnicamente valide, sono anche delle persone di un certo spessore, cosa che da sempre caratterizza la nostra società”.


Le parole di Alberto Mazzetti: “Questo incarico è un ulteriore passo in avanti, arrivato con il lavoro svolto durante tutti questi anni. Sono molto contento di arrivare in un posto dove è chiaro e radicato il senso di appartenenza alla squadra, un qualcosa che ho percepito quando abbiamo giocato qui con Legnano. Sono pronto a mettermi a disposizione di tutti, dall’allenatore ai giocatori, fino ad arrivare a chi richiederà il mio supporto”.


Alessandro Cittadini: “Sono molto felice di far parte dello staff della prima squadra, per me è un nuovo ruolo e mi immergo con motivazione in quest’avventura che parte quest’anno ed auspico sia l’inizio di un’avventura con la quale darò tutto il mio aiuto, in base all’esperienza maturata”.

comunicato stampa

Letto 102 volte Ultima modifica il Domenica, 04 Agosto 2019 22:27
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna