Lunedì, 19 Giugno 2017 23:58

Delusione per 7000, la Virtus festeggia la promozione all'Alma Arena

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)
La coppa in palio per la vincitrice della finale La coppa in palio per la vincitrice della finale

Il campionato dell’Alma finisce com’era cominciato: con una sconfitta.

 

Alla prima di campionato contro Treviso, in gara3 della finale play-off contro la Virtus Bologna. Guarda caso proprio con le due formazioni con cui Trieste aveva chiuso in testa, alla pari, la stagione regolare. Dopo 22 vittorie consecutive a Valmaura dunque il fortino dell’Alma cede e lo fa contro la formazione probabilmente più forte di tutte. I felsinei con un netto 3-0 si aggiudicano quindi la serie e vanno in serie A1. E’ finita con la Virtus a festeggiare in mezzo al parquet alzando la coppa e con i quasi 7000 triestini sugli spalti ad applaudire i loro beniamini ringraziandoli per la grande stagione disputata. Nelle prime due gare gli emiliani avevano vinto con una certa facilità ma stavolta hanno faticato non poco. Non è stata la solita Alma in versione casalinga, vuoi per la forza avversaria, vuoi per la stanchezza fisica e mentale accumulate nei precedenti turni di questi spareggi promozione. Lo si è visto sin dalle prime battute. Ma ciò nonostante ha combattuto sino all’ultimo minuto sfiorando l’impresa. Molto bene Bologna in difesa in queste tre gare, Trieste infatti non è mai riuscita a raggiungere i 70 punti: 85-62; 82-69 e 72-66.

Si parte con il canestro di Cavaliero, poi le triple in sequenza di Lawson, Parks e Ndoja. Schiacciona di Green per il 7-6. Trieste si ferma e Bologna ne approfitta in breve tempo: 7-14 al 5’. L’Alma recupera e impatta sul 15-15. La schiacciata di cittadini vale il 19-18 con cui si va al primo intervallo.

In apertura di seconda frazione Da Ros firma il 21-18. Dall’altra parte replica Lawson dalla distanza. E poi Baldasso anche lui da tre: 24-21. La Virtus sorpassa a sua volta sino al 26-31. Ma tre bombe di Baldasso tengono in partita la compagine di Dalmasson: 35-33 a -1’45”. Spissu prontamente ripaga con la stessa moneta: 35-36. Si va al riposo lungo sul 37-38.

Si torna in campo, Rosselli infila il 39-42, poi parziale triestino di 7-0 con in mezzo anche una tripla di Da Ros: 46-42. Sfida equilibrata con Lawson che nel finale di frazione mette dentro i liberi del 54-58.

Si va agli ultimi 10’ con il pubblico teme che siano anche gli ultimi della stagione. Umeh infila subito il 54-60. Umeh da tre per il 54-63 a -8’50”. Nonostante manchi un’eternità sembra una mazzata. Ed invece si sveglia Green che prima mette dentro il canestro più il libero aggiuntivo, poi altri quattro punti per il 63-63 e il PalaRubini torna a credere all’impresa. Rosselli rompe il ggiaccio per i suoi, Green fa uno su due dalla lunetta: 64-65. A bersaglio subito dopo Lawson e Da Ros: 66-67. A 90” dalla fine Trieste potrebbe soprassare ma Da Ros ostacolato sotto canestro da tre avversari (fallosamente?) perde palla, dalla parte opposta una chiara gomitata bolognese non viene sanzionata dagli arbitri e Spissu dall’angolo infila la tripla del 66-70. A 1’26” dalla fine l’Alma spera nel “miracolo” ma perde un paio di palloni in attacco e Lawson a pochi secondi dal termine mette il punto esclamativo: 66-72 e Bologna torna in serie A1.

Il tabellino.

ALMA TRIESTE – VIRTUS BOLOGNA    66 – 72

Alma Pallacanestro Trieste: Bossi, Prandin 2, Pecile 4, Cittadini, Simioni, Da Ros 7, Parks 7, Green 19, Baldasso 16, Cavaliero 6, Ferraro, Coronica 2.

All. Dalmasson

Virtus Segafredo Bologna: Spissu 10, Umeh 15, Spizzichini 1, Ndoja, Rosselli 8, Michelori, Oxilia, Gentile 7, Penna, Lawson 22, Bruttini 4.

All. Ramagli

Parziali: 19-18; 37-38; 54-58;


Letto 313 volte Ultima modifica il Mercoledì, 21 Giugno 2017 11:37
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli