Giovedì, 31 Ottobre 2013 23:14

Disastrosa Acegas nei primi due quarti, buona la rimonta finale ma non basta: vince Biella

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Una fase di Acegas-Angelico Una fase di Acegas-Angelico

Disastrosa in difesa, ancor peggiore in attacco. L’Acegas dei primi due quarti

rende una missione eroica il resto della contesa contro Biella che invece parte forte costruendo in quel frangente il successo. Trieste va all’intervallo lungo a -22. Poi dopo il riposo si sveglia e rimonta arrivando anche a sole 9 lunghezze ma ormai è tardi perché il tutto avviene a poco più di cento secondi dalla fine. I Piemontesi controllano nel finale e portano a casa la vittoria. Ma riavvolgiamo il nastro. La gara nasce sotto i peggiori auspici. Il danese Alan Voskuil, guardia di 191 centimentri, nel prepartita si esercita nelle triple. Ne mette dentro sette di fila prima di sbagliarne una. I triestini sugli spalti iniziano a toccare ferro. Ma non basterà perché durante l’incontro firmerà 21 punti nei suoi 32’ di gioco. Altro perno biellese Raspino, ex della gara, 14 punti a referto.

 

La partenza giuliana è quasi da incubo, Ryan Hoover è in panchina (e non entrerà mai in campo), l’Angelico scappa sul 7-0, il primo canestro locale arriva dopo 3’30”. Ruzzier replica con una bomba: 5-7. Ma sarà l’ultima volta che la squadra di Dalmasson vedrà da così vicino gli avversari. Il primo quarto si chiude sul 14-23.

Ancora più desolanti i primi 5’ del secondo quarto con soli due punti triestini. Biella allunga sul 32-16 e chiude il tempo sul 50-28. Scorrendo le statistiche si nota che l’Acegas da due punti ha infilato un triste 7/20, l’Angelico ha risposto con un ottimo 14/18 e con 13/13 ai tiri liberi.

Si ritorna in campo per il terzo quarto. Trieste reagisce subito, si apre con la tripla di Tonut che qualche minuto dopo compirà un gesto atletico da far sobbalzare in piedi mezzo palazzo, uno stoppone altissimo frutto soprattutto di tanta rabbia.

Al 5’ si è sul 37-61 ma qui comincia la rimonta dei padroni di casa, 53-68 alla fine del terzo quarto. Due liberi di Harris portano al -9 ma Biella non si scompone, arriva un canestro e poi in contropiede Voskuil, ancora lui, chiude la gara. “Mamma butta la pasta” insomma, come amava dire qualche anno fa il “grande” Dan Peterson. Con questa vittoria Biella balza in testa alla classifica, seppur in ampia coabitazione. E a proposito di prime della classe, domenica l’Acegas giocherà nuovamente al PalaTrieste, l’avversaria sarà la Centrale Latte Brescia, un’altra delle prime.
Il tabellino.  
ACEGAS         69
ANGELICO    78

(14-23; 28-50; 53-68)
ACEGAS: Hoover n.e., Fossati, Tonut 17, Harris 12, Mastrangelo 8, Rizzier 9, Di Liegro 17, Candussi 3, Carra 2, Urbani 1. Coach: Dalmasson.
ANGELICO: Murta, Chillo 7, Raspino 14, Laganà 10, Infante 4, Lombardi 6, Berti 4, Voskuil 21, De Vico, Hollis 12. Coach: Corbani.

Letto 461 volte Ultima modifica il Giovedì, 31 Ottobre 2013 23:22
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli