Domenica, 03 Giugno 2012 19:51

Dna, play-off "maledetti": Acegas ancora sconfitta in casa

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Coach Dalmasson Coach Dalmasson
Prima delle cinque gare dello spareggio promozione.
E anche stavolta Trieste inizia male perchè come già contro Ferentino si vede battere in casa. Questa volta però contro una squadra decisamente più debole.  L'Acegas parte bene (10-6), poi è tesa e ha percentuali basse al tiro (aggiornamenti del punteggio: 10-12, 12-12, 14-12, 14-15). Viene tenuta a galla dalla difesa. Nel 2° quarto Chieti va su tutte le palle vaganti e punisce un avversario confuso in attacco e in calo nel difendere. Il team biancorosso non ha entusiasmo e gli esterni non sono ispirati. Nel 3° round Trieste non è precisissima, ma ci mette più spinta e voglia e torna avanti (42-41). E nell'ultima frazione riesce a stare in vantaggio per un po' (fino al +5) grazie a una difesa concentrata, che sopperisce ad un attacco poco ispirato. Quest'ultimo fattore permette però a una più tranquilla Chieti di rimettere il naso avanti nel giro di 4 minuti e di vincere. Martedì 5 alle 20.30 nuovo match al PalaTrieste.
ACEGAS APS/PALLACANESTRO TRIESTE 65
BLS CHIETI 72

ACEGAS APS/PALLACANESTRO TRIESTE: Ruzzier 14, Zaccariello 5, Carra 6, Mastrangelo 5, Gandini, Bonetta, Moruzzi 23, Maganza 8, Ferraro 4, Urbani n.e. Coach Dalmasson
BLS CHIETI: Raschi 14, Diomede 6, Rossi 12, Rajola 16, Gialloreto 21, De Gregorio n.e., Porfido 3, Martelli, Iannone, Di Emidio n.e. Coach Sorgentone
ARBITRI: Paglialunga di Massafra (Taranto) e Biasini di Veroli (Frosinone).
NOTE Quarti: 14-15, 29-34, 42-41. Tiri da 2: Trieste 21/49, Chieti 17/35. Tiri da 3: Trieste 4/16, 4/14. Tiri liberi: Trieste 11/20, Chieti 26/32. Rimbalzi: Trieste 41 (26 difensivi e 15 offensivi), Chieti 35 (27 difensivi e 8 offensivi). Palle perse e recuperate: Trieste 14 e 16, Chieti 16 e 15. Assist: Trieste 2, Chieti 9. Valutazione di squadra: Trieste 54 e Chieti 88. Uscito per 5 falli: Moruzzi. Spettatori: 3.000.
Letto 549 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli