Domenica, 10 Gennaio 2021 20:42

Il Ruggito del Leone, a Bologna si festeggia la Final Eight: "Un successo che arriva dalla panchina"

Scritto da 
Vota questo articolo
(3 Voti)
Vittorio Leone Vittorio Leone

Ecco la partita della svolta. A Bologna, sponda Fortitudo, l'ultimo match del girone d'andata (recupero con Varese a parte) ci consegna una squadra vincente.

Sotto molti aspetti. In panchina (leggi guida tecnica) finalmente lucida e coerente (con i time out e i cambi). In panchina (leggi rendimento dei giocatori partiti in panca) sempre superiori all'avversario di turno. Nel tiro da 2 (54%) e oggi anche da tre (43%) nei rimbalzi (11 in attacco). E dire che siamo partiti senza Fernandez (e non era previsto) e con uno starting five con Cavaliero in regia (giusto per celebrare il compleanno) e balbettanti in attacco (6 palle perse in circa 7 minuti) e molli in difesa, sempre a guardare gli avversari a tirare. Morale 4 a 15 dopo 7 minuti con due canestri di Da Ros. Poi succede che confezioniamo un parziale di 11 a 4 in circa 3 minuti e da lì nel secondo quarto è cambiata la partita. Difesa finalmente aggressiva ed efficace e entrata in scena di Upson, Grazulis e Tommy Laquintana che finalmente, assieme a un Cavaliero evergreen, ha preso in mano la squadra. Finalmente ho visto azioni essenziali, tiri puliti, senza avventure balistiche o passaggi estemporanei. Soluzioni in attacco più sicure, costruite bene, con attenzione.

Upson concreto, preciso.

Grazulis un leone, con quattro rimbalzi in attacco e due bombe consecutive nell'ultimo quarto che hanno messo in ghiaccio la sfida.

Laquintana mortifero con le sue "lacrime" che ha portato a referto 13 punti (senza tiri liberi).

Alviti comunque in doppia cifra e Daniele Cavaliero da leccarsi i baffi.

Delia sottotono, lento e impacciato, forse ha sentito più di tutti la mancanza del Lobito.

Henry da dimenticare, una sorpresa in negativo dopo la pimpante prestazione contro Reggio Emilia, mi è sembrato svogliato e avulso dal gioco, e giustamente poi anche poco cercato.

Doyle, sempre con un ampio minutaggio pur non fornendo una prestazione eccelsa ha comunque prodotto un 2 su 5 da tre punti importante,

Siccome però come ho ribadito piu' volte nel basket vince chi produce le migliori percentuali al tiro, stasera i nostri quattro moschettieri Grazulis, Alviti, Upson e Laquintana hanno tirato con un complessivo 65% da due punti. Una garanzia per il successo finale.

Per come è cominciata e per come è continuata e finita mi è sembrata la nostra miglior partita del girone di andata, che ci ha garantito un posto alle Final Eight di Coppa Italia di meta' febbraio a prescindere dal risultato del recupero con Varese.

Aggiungo anche che mi piacerebbe arrivare al settimo posto (a meno che Cremona batta Milano e noi perdiamo contro Varese), cosi' da incontrare Brindisi invece che Olimpia o Virtus. Chissa' che non ci possiamo prendere una rivincita sulla partita persa in casa alla quinta di campionato (e che stavamo per portarla a casa).

Finisce il girone di andata, se vincessimo con Varese lo chiuderemmo con 7 vinte e 7 perse, che se raddoppiate alla fine del girone di ritorno potrebbero anche farci arrivare ai play-off, risultato che visto il livello delle squadre di questo campionato, io ritengo alla nostra portata.

Forza ragazzi, complimenti e buona fortuna per il girone di ritorno.

VITTORIO LEONE

Letto 110 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli