Lunedì, 05 Dicembre 2022 14:15

Il Ruggito del Leone, riflessioni ottimistiche post Reggio: "L'ambizioso coach Legovich sa far crescere il gruppo"

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)
Vittorio Leone Vittorio Leone

Ieri (domenica) si è disputata la 9a giornata del girone di andata del massimo campionato di basket,

per cui siamo al 60% preciso del girone stesso. Mancano 6 partite al giro di boa e soprattutto alla definizione delle otto squadre che disputeranno le final eight di Coppa Italia.

Osservando e valutando la prestazione dei Nostri contro Reggio Emilia ma soprattutto contro Brescia dove si è perso per sbaglio, contro natura se preferite, e vedendo gli ottimi risultati ottenuti da Brescia prima e dopo il confronto con noi, ho voluto dare un'occhiata al calendario.

Mancano 6 partite, dicevo, tre contro squadre sopra di noi (di cui due al PalaRubini) e tre contro squadre sotto di noi e in palese affanno tranne forse Scafati che con Caja sta trovando gli assetti giusti (ma Scafati verrà a Trieste).

Così tanto per quei giochi di fantasia che mi piacciono tanto, poniamo sul tavolo (pardon, sulla classifica) che ne vinciamo quattro, e se butta bene (vedi ritocchi al roster) metti che ne vinciamo cinque, con 14 o 16 punti si può arrivare ottavi al giro di boa di metà campionato?

Chi legge penserà che da visioni apocalittiche (e cioè una delle candidate alla retrocessione) io possa passare a uno sviscerato ottimismo ma c'è un fondato motivo nei miei pensieri in libertà: Marco Legovich (e i due assistenti).

Questo giovanissimo coach, dichiaratamente ambizioso, ha qualità e sta riuscendo ad ottenere dai ragazzi crescite importanti (magari non da tutti, visto che si può migliorare solo dove c'è materiale fisico tecnico e mentale di qualità almeno accettabile) inoltre legge bene le situazioni della gara gestendole con personalità e prontezza di riflessi ergo time out azzeccati, rotazioni vincenti anche al limite di cambi non preventivati e metti il caso che si possa concretizzare un altro innesto (oppure un cambio) non vedo così irraggiungibile quanto sopra prefigurato.

Molto dipenderà però dalla partita di domenica prossima contro Brindisi, laddove vincendo ci si aprirebbero orizzonti sereni e molto stimolanti.

Certo sì, sarebbe bello riempire di più il palazzo, se lo meritano, la curva Nord fa già il massimo, mancano gli scettici e i pigri sul divano, e di sicuro non è questione di soldi ma solo di ritrovare passione per un gioco meraviglioso e un team che mai come adesso è a trazione triestina. Forza muloni

VITTORIO LEONE

Letto 94 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimi commenti agli articoli