Domenica, 04 Dicembre 2022 22:35

Il Ruggito del Leone, vittoria da programma a Reggio: "Grandi rotazioni di Legovich, conferme e situazioni preoccupanti"

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)
Vittorio Leone Vittorio Leone

Abbiamo vinto a Reggio Emilia (84-79) e guai se non succedeva, contro una squadra in piena confusione e alla deriva.

 

Però non dobbiamo illuderci perché si son viste anche situazioni preoccupanti oltre che giocatori inconcludenti, inutili a volte dannosi.

Dopo la gara con Brescia io dissi "come si può perdere una partita con ampi saldi a favore di palle perse e rimbalzi offensivi"

ecco contro Reggio Emilia ho avuto la risposta speculare loro hanno tirato 6 volte più di noi, hanno avuto un saldo attivo di 7 carambole offensive e 5 palle perse in meno e hanno perso, molto più nettamente dello score finale, infatti stavamo combinando la frittata finale.

Partita strana, primo tempo punti totali 62, secondo tempo punti totali 101, segno di difese molli e tiratori risvegliati. Noi l'abbiamo vinta nella prima metà anche se per me è stata decisiva la striscia di 7 punti di Bartley a inizio terzo quarto.

Mi ha colpito le grandi rotazioni di coach Legovich, per la prima volta nessun giocatore ha toccato i 30 minuti sul parquet, nel secondo quarto in panca assieme sia Davis che Ruzzier, tutto fatto molto bene caro coach.

Abbiamo avuto importanti conferme: che Spencer e Campogrande non sono all'altezza di una serie A competitiva, che Gaines è un cavaliere solitario a volte perdente (forse in settimana ha avuto qualche problema fisico, ma...) che Lever sta crescendo di condizione e sarà utilissimo alla causa (stavolta un grande con lo splendido score immacolato: 4 su 4 da due punti, 1 su 1 da tre e 2 su 2 ai liberi) che Pacher pur tirando sempre poco, lotta come un leone, cattura 9 rimbalzi e mette dentro 10 tiri liberi su 10 tentativi, che Vildera produce un bel 3 su 3 da due punti e che si limitasse nei falli sarebbe un bel ricambio al centro titolare (che per ora non c'è) che Barley e Davis sono due certezze (anche se stranamente entrambi a 0 tiri liberi tentati ergo nessun fallo subito) che Ruzzier fa girare la squadra a dovere ma si esime dalle conclusioni anche quando sembrano irrinunciabili.

Detto tutto questo e detto delle follie commesse nel finale (specialmente dai giocatori migliori) questa squadra cresce, mi pare di poter dire che Reggio Emilia, Treviso, Verona, forse Napoli e forse Scafati (occhio però a Caja in panca) sono dietro a noi, se poi arriva qualcuno e porta qualcosa (leggi soldi) allora potremmo liberarci di qualche zavorra e sostituirlo con qualche giocatore vero o almeno credibile.

Arriverà Brindisi domenica, viveva un momento difficile con Vitucci in serie ambasce poi vince con Venezia e forse per noi è un bene, potrebbe anche accettare una sconfitta a Trieste, sarebbe un passo avanti di fondamentale importanza, specie in ottica di un arrivo di rinforzi. Concludo con un plauso a Marco Legovich, ho tanta voglia di vederlo all'opera con un roaster adeguato alla nostra serie A, sono sicuro che ci potremmo divertire.

 

VITTORIO LEONE

Letto 159 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimi commenti agli articoli