Martedì, 29 Maggio 2018 23:23

Javonte Green, l'incubo di Treviso: Alma sul 2-0

Scritto da 
Vota questo articolo
(4 Voti)
L'imponente coreografia della Curva Nord prima dell'inizio di gara2 L'imponente coreografia della Curva Nord prima dell'inizio di gara2

Ci ha pensato ancora una volta lui e Treviso è battuta anche in gara due.

 

Domenica 29 punti in 29 minuti, stavolta 33 punti in 31 minuti. Numeri da marziano per Javonte Green che fa 7/10 da due, 4/6 da tre, 7/9 ai liberi, prende 11 rimbalzi e subisce 12 falli. Il tutto per una fantascientifica valutazione di 51. Ha segnato 9 punti n el primo quarto, zero nel secondo, 17 nel terzo e 7 decisivissimi nell’ultima frazione. L’Alma dunque si porta sul 2-0 contro una De Longhi che nuovamente le ha dato del filo da torcere. Inizio difficoltoso (-6) soprattutto per l’aggressiva difesa ospite, poi l’allungo nel secondo quarto (+8), un terzo quarto alla pari, un quarto quarto con un vantaggio fino a raggiungere i 12 punti ma 5’ di black-out in attacco rischiano di compromettere tutto con i veneti che arrivano sino al -1 (parziale di 11-0) per sbagliare poi due volte cosecutive la bomba del sorpasso. E finale al cardiopalma risolto da super Javonte. Questo in sintesi l’andamento della gara.

Ora si va a Treviso in un PalaVerde che negli ultimi anni ha riservato solo amarezze alla Pallacanestro Trieste. Ma ci va sul 2-0 con quindi un notevole vantaggio psicologico. E’ questo il momento insomma di cercare l’affondo. Dovesse prevalere la formazione della Marca troverebbe inevitabilmente in gara-4 molte motivazioni per vincere e ripresentarsi al Pala Rubini mercoledi prossimo a giocarsi la gara decisiva. Anche se Trieste ha prevalso due volte di fila (a proposito, nel 2018 Treviso non aveva mai perso due gare consecutive esultando per 21 volte su 24) la De Longhi è formazione di indubbia forza, capace davanti al suo pubblico di esaltarsi, soprattutto se dovesse entrare qualche tiro da oltre l’arco. Il suo misero 3/21 di questa gara-2 significa che per battere l’Alma potrebbe bastare raddrizzare un pochino la mira. Venerdi pertanto trasferta ostica a dir poco. Guai ritenere la serie già chiusa. Si deve resettare subito il doppio successo e recuperare le energie, sia fisiche che mentali. Per chiudere i conti bisognerà giocare un po’ meglio di questa volta e non avere dei lunghi black-out al tiro. Stavolta ha risolto l’ispiratissimo Green ma non è detto che sarà sempre così. Trieste è ora a quattro vittorie dalla serie A1, un traguardo ora un po’ più vicino rispetto a qualche giorno fa. Ma nei play-off basta un niente per cambiare l’inerzia delle cose. Massima concentrazione insomma.

E poi c’è da sfatare la previsione di Matteo Boniciolli che qualche mese affermava che chi arriva primo nella stagione regolare non viene mai promosso.


PRIMO QUARTO

Si gioca davanti alle telecamere di Sportitalia mentre in tribuna si nota anche la presenza dell’ex noto cestista Carlton Myers (procuratore di Imbrò e Fantinelli). Brown apre le danze, pareggia Da Ros, Fantinelli mette il 2-4, ancora Da Ros a bersaglio per il nuovo pari. Treviso prova a scappare andando sul +6 ma l’Alma ricuce lo strappo e con una tripla di Green arriva sul 13-14. Lo stesso Javonte, prima con due liberi e poi in contropiede firma il sorpasso: 17-15. Una bomba di Fantinelli chiude la frazione sul 19-18.

SECONDO QUARTO
Negri riporta avanti gli ospiti. In 1’30” Trieste commette quattro falli. Antonutti dà il 19-22. Mussini porta l’Alma a -1. Loschi subito dopo fa esplodere il palazzo con una tripla, una liberazione soprattutto per lui che non sta attraversando un grande momento di forma. Altra azione d’attacco e altra tripla, stavolta è di Mussini con una parabola molto alta: 27-22. Gran palla dello stesso Mussini per Bowers sotto canestro: 29-23. Loschi ancora da tre: 34-26. Il tempo si chiude sul 38-30 con neanche 5’ in campo per Swann (zero punti) e due punti per Brown. La paura è che se si svegliano questi può essere dura.

TERZO QUARTO
Una tripla di Green regala il 42-34. Gran canestro dello stesso Javonte da centroarea: 44-38. Subito dopo gioco da tre punti ancora per Green: 47-38. Swann e Cavaliero colpiscono dalla distanza: 50-44. Un quarto che vede lo strapotere di Green che trova poi una schiacciata, un tiro da oltre l’arco e un canestro con fallo e libero segnato. Si va all’ultimo intervallo sul 58-50.

QUARTO QUARTO

Tante le emozioni. Brown prima sbaglia da solo in entrata e poi si becca da Cittadini uno stoppone. Cavaliero da 3 insacca il 61-50. Quinto fallo di Loschi a -8’24” dalla fine. Ancora Green dalla distanza: 64-52 a -6’40”. Il palazzo è in festa, la vittoria sembra vicina. Bisogna amministrare il vantaggio segnando ancora qualche canestro. Ma qui iniziano le dolenti note. L’Alma non segnerà per ben 5’. Nel frattempo, non poteva essere ediversamente, la squadra di Pillastrini accorcia le distanze. Fantinelli da tre, due canestri di Musso, due liberi di Bruttini e ciuff di Sabatini: 64-63 a -3’53”. Brividi all’Arena. Treviso sbaglia due triple in pochi secondi. Fosse entrata almeno una forse di parlerebbe di un finale diverso. A -1’41” finalmente si può rompere il ghiaccio, Bowers va in lunetta, sbaglia il primo ma segna ils econdo: 65-63. Occasione per Fernandez che sbaglia il tiro. A 54” dalla fine la De Longhi va in attacco ma sbaglia. A 37” dalla conclusione Green trova il 67-63. A -25” fallo di Trieste, palla ancora in avanti per gli ospiti, il pallone termina fuori, ultimo tocco triestino. Mancano 14”, Bruttini ci mette 6” per portare i suoi a -2: 67-65. Timeout. Logiche le intenzioni venete, fare fallo sulla rimessa per mandare qualcuno in lunetta sperando che sbagli almeno un tiro per sperare nella bomba del pareggio. Ma il fallo è fatto sul giocatore sbagliato, su Green. Javonte freddissimo non sbaglia. A -7” il 69-65 è un punteggio assolutamente rassicurante. Pubblico in festa sugli spalti e gioia anche in campo. E’ 2-0.  



Il tabellino
.

ALMA TRIESTE                 69
DE LONGHI TREVISO      65

(19-18; 38-30; 58-50)
ALMA TRIESTE: Fernandez 2, Green 33, Mussini 7, Schina ne, Deangeli ne, Janelidze, Prandin, Cavaliero 8, Da Ros 6, Bowers 5, Loschi 6, Cittadini 2. All. Dalmasson.
DE LONGHI TREVISO: Brown 15, Sabatini 5, De Zardo ne, Bruttini 5, Swann 3, Musso 8, Antonutti 2, Barbante ne, Imbrò 4, Fantinelli 12, Negri 3, Lombardi 8. All. Pillastrini.
Note.
Tiri da 2: Trieste 16/38, Treviso 22/41.
Tiri da 3: Trieste 9/24, Treviso 3/21.
Tiri liberi: Trieste 10/15, Treviso 12/15.
Rimbalzi: Trieste 37, Treviso 40.   
Spettatori 5747.

Letto 336 volte Ultima modifica il Martedì, 29 Maggio 2018 23:31
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli