Lunedì, 29 Maggio 2017 23:03

La corazzata Fortitudo fa meno paura, l'Alma vince gara1

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)
Il triestino Michele Ruzzier, per lui prova modesta in gara1 Il triestino Michele Ruzzier, per lui prova modesta in gara1

E fanno 20. Le vittorie consecutive in casa aumentano ancora.

Stavolta ad arrendersi al PalaRubini è stata la Fortitudo di Matteo Boniciolli in gara1 delle semifinali play-off. Gran spettacolo sugli spalti con i quasi 6700 spettatori che hanno sofferto nel primo tempo per poi rilassarsi un po’ nel terzo quarto e gioire alla sirena finale. I bolognesi si presentavano con i favori del pronostico dopo aver eliminato Treviso. In casa Alma c’era forse troppa pressione mentale con nell’ultima settimana articoloni sulla stampa a scandire il conto alla rovescia. E poi c’era l’incognita di Green, in campo ma non ovviamente ancora al meglio. Si parte con il canestro di Parks, poi quello di Mancinelli, la tripla di Cavaliero e ancora Parks a bersaglio per il 7-2. Tutto questo in 2’. Clima entusiastico sugli spalti e time out felsineo. Al rientro in campo Bologna piazza un parziale di 9-0 capovolgento il risultato: 7-11. Dopo 5’ i falli fatti dicono: Trieste 4, Fortitudo 0. Nel palazzo si mugugna anche perché coach Boniciolli nei giorni scorsi aveva puntato l’indice sulla disparità dei falli avuti, in negativo, nei quarti di finale contro Treviso. La Fortitudo prende il largo e chiude la prima frazione con una bomba di Candi col vantaggio di dieci lunghezze: 13-23 e l’Alma mai in lunetta. La prima metà del secondo quarto vede gli ospiti sempre avanti tra i sette e i dieci punti. Una tripla di Baldasso, due punti di da Ros e quattro di Pecile valgono il -2: 33-35. Trieste è insomma tornata in partita. Nel finale di quarto sei punti di Mancinelli e quattro di Parks per il 39-42 con si va all’intervallo lungo. La terza frazione si apre con una bomba di Cavaliero che vale il pareggio. Risponde Legion per il 42-44, e sarà questa l’ultima volta che la Fortitudo si troverà in vantaggio. Sette punti consecutivi di Parks infatti cambiano l’inerzia: 49-44. Trieste resta avanti, seppur di poco e con Da Ros, Bossi, Parks e Cittadini riesce a chiudere la frazione a +7: 63-56. nell’ultimo quarto, dopo 2’ di gioco, Baldasso ifila dalla distanza per il 68-58. L’Alma mantiene più o meno questo distacco ma Legion e Italiano, a 2’ dalla fine riavvicinano gli ospiti sul 77-73. Parks va in lunetta insaccando uno su due, rimbalzo triestino e tripla di Green, il quale nell’azione seguente ruba palla e conclude in schiacciata l’83-73 chiudendo di fatto la contesa. Alla sirena è 85-75 e mercoledi (alle ore 20) si replica in gara2. Certo che presentarsi a Bologna sul 2-0 non sarebbe per niente male…

Il tabellino.

ALMA PALLACANESTRO TRIESTE - KONTATTO FORTITUDO BOLOGNA  85 - 75 (13-23, 39-42, 63-56)

ALMA PALLACANESTRO TRIESTE: Parks 26 (8/14, 10/12 tl), Bossi 7 (2/6, 1/4 da tre), Coronica, Green 11 (4/5, 1/5 da tre), Pecile 8 (1/1, 6/6 tl), Baldasso 9 (3/7 da tre), Simioni, Prandin 2 (1/1), Cavaliero 6 (2/3 da tre), Da Ros 12 (6/11), Cittadini 4 (2/3). N.E.: Gobbato.  All. Dalmasson.  Ass. Praticò, Legovich

KONTATTO FORTITUDO BOLOGNA: Cinciarini 8 (3/4, 2/2 tl), Mancinelli 22 (7/12, 1/2 da tre, 5/6 tl), Candi 7 (2/5, 1/3 da tre), Legion 15 (5/8, 1/4 da tre, 2/2 tl), Ruzzier 4 (2/4), Campogrande, Montano 4 (1/1, 2/2 tl), Gandini, Raucci, Knox 13 (5/10, 3/4 tl), Italiano 2 (2/2 tl).  All. Boniciolli.  Ass. Comuzzo, Lopez, Pampani

ARBITRI: Nicolini (S.ta Flavia - Pa), Giovannetti (Terni), Cappello (P.to Empedocle - Ag)

NOTE: Tiri dal campo Trieste 31/71 (24/46, 7/25 da tre, 16/18 tl), Fortitudo 28/62 (25/46, 3/16 da tre, 16/19 tl). Rimbalzi Trieste 38 (23+15, Parks 12), Bologna 38 (26+12, Knox 13). Assist Trieste 14 (Da Ros 5), Fortitudo 7 (Legion 4). Cinque falli: Montano

SPETT: 6645

PARZIALI: 13-23, 26-19, 24-14, 22-19

Letto 357 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli