Sabato, 06 Settembre 2014 11:24

La Pallacanestro Trieste si "vendica" contro Portorose e accoglie Murphy Holloway

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Murphy Holloway. Foto da Facebook Murphy Holloway. Foto da Facebook
La Pallacanestro Trieste 2004 pareggia i conti nelle amichevoli disputate con il KK Portoroz:
dopo la sconfitta della scorsa settimana a Lucija, il team biancorosso si impone nettamente nel retour match tra le mura amiche del PalaTrieste. Finisce 93-59, per una vittoria netta dei giuliani che hanno dimostrato tangibili segnali di crescita in questo secondo scrimmage pre-campionato.
Coach Dalmasson opta subito col duo Marini-Candussi sotto i tabelloni sin dalla palla a due iniziale, con Grayson, Tonut e Akele a completare lo starting-five. Il maggior peso in pitturato si fa subito sentire per Trieste, che parte di slancio nei primi cinque minuti di match concedendo due soli punti agli ospiti, segnati unicamente dalla linea di tiro libero. E' 11-2 al 5', vantaggio che i padroni di casa riescono praticamente a mantenere lungo tutta la durata del primo quarto, sino al +11 siglato da capitan Carra a fil di sirena (19-8). I giuliani scappano via nel punteggio già a inizio di seconda frazione, quando un break di 6-0 permette a Trieste di andare sul 25-8: sono poi i 17 punti di fila di uno scatenato Tonut, assieme a una difesa di grande spessore, a tracciare il solco tra le due formazioni a metà gara, chiusa dai giuliani sul 50-22.
Forte del largo vantaggio, la formazione biancorossa riesce a condurre in porto il match senza particolari patemi d'animo: nel terzo quarto, Grayson si mette in luce per la buona condotta in cabina di regia e un paio di triple segnate, mentre Akele riesce a crescere progressivamente di rendimento  sia in attacco che in difesa (72-38 al 30'). Piccolo lampo sloveno nei minuti iniziali di ultima frazione, che approfittano di un lieve calo da parte di Trieste per infilare un parziale di 8-1: la differenza nel punteggio rimane però amplissima in favore dei biancorossi, che hanno in Coronica e Carra gli uomini in più per riaccendere l'intensità a termine di gara e con la coppia dei fratelli Norbedo – formata dai giovani Giacomo e Matteo, autori di 5 punti in tutto - a completare l'opera.
Pallacanestro Trieste 2004-KK Portoroz 93-59 (19-8, 50-22, 72-38)
Pallacanestro Trieste 2004: Coronica 4, Tonut 22, Fossati, Mastrangelo 4, Carra 15, G.Norbedo 4, Grayson 14, Candussi 13, M.Norbedo 1, Marini 10, Akele 6, Zidaric. All. Dalmasson


MURPHY HOLLOWAY

Ha voluto assolutamente esserci alla sua “prima” al PalaTrieste: Murphy Holloway, sbarcato ieri in perfetto orario alle ore 16 a Ronchi dei Legionari, qualche ora dopo si è presentato all’allenamento pomeridiano biancorosso per fare la conoscenza con staff tecnico e compagni di squadra.

''E’ una gioia essere a Trieste'' esordisce l’atleta, “sono contento che il coach mi abbia voluto qui e sono felice di aver visto il mio nuovo team lavorare in maniera così intensa già in questa fase di preparazione. Il mio obiettivo principale, all’interno di questa giovane squadra, è quello di poter portare qualità e leadership, cercando di guidarla a una stagione di successo”.

Che tipo di giocatore è Murphy Holloway? “Sicuramente un “all-round” - continua - che può prendere rimbalzi ma anche cercare di realizzare tiri in sospensione, qualora la difesa avversaria me lo conceda. Posso dunque ricoprire ruoli diversi”. Ben conosciuto oltreoceano per la propria fisicità, tanto da avere anche una chance nel football americano professionista della NFL, Holloway ha però le idee chiare sul suo futuro: “Il mio primo amore resta sempre quello di giocare a basket”, spiega, “e, nel contesto attuale, di poter dare una mano tangibile a questo gruppo”.

In conclusione, l’atleta manda un messaggio ai propri nuovi supporters: “Ai tifosi dico che sono venuto a Trieste con l’intento di lavorare sodo, giorno dopo giorno, cercando di vincere il più possibile con questa maglia. E perché no, sognando magari di raggiungere traguardi importanti”.


--
Letto 443 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli