Domenica, 10 Febbraio 2013 20:13

L'Acegas si arrende nel finale a Ferentino

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Coach Dalmasson Coach Dalmasson

Ancora una sconfitta per l'Acegas.

FMC FERENTINO 86
ACEGAS APS TRIESTE 73
(17-15, 39-37, 59-63)
FMC FERENTINO: Guarino 9, James 36, Roffi n.e., Tomassini 8, Parrillo 9, Gurini 7, Basei, Ekperiqin 7, Pongetti n.e., Fiorletta n.e., Allegretti 4, Hamilton 6. Coach Gramenzi
ACEGAS APS TRIESTE: Coronica 2, Ondo Mengue 9, Mastrangelo, Ruzzier, Filloy 20, Cantarello, Carra 15, Mescheriakov 13, Fossati n.e., Gandini 10, Fall 4. Coach Dalmasson
ARBITRI: Pasetto di Firenze, Rossi di Anghiari (Arezzo) e Pecorella di Trani (Bari).

Nella terza di ritorno di LegaDue l'AcegasAps Trieste si arrende a Ferentino di tredici e perde il più cinque dell'andata. Il primo quarto termina 17-15, un punteggio decisamente basso (soprattutto per i ciociari, abituati a partire a mille). Trieste è riuscita a imbrigliare bene i padroni di casa sul piano tattico, affidatisi a James (8 punti e 4 rimbalzi) per stare avanti. Sul versante ospite si mette in luce Filloy. Nel secondo round il primo massimo vantaggio (26-31) degli ospiti con tripla di Carra e locali in affanno al cospetto di una squadra giovane, ma capaci di recuperare grazie a una migliore gestione di alcune fasi di gioco. Ed è 39-37 all'intervallo lungo. Trieste, caricata di falli, si aggiudica il terzo periodo di gioco, chiudendolo sul 63-59 dopo aver toccato il massimo vantaggio della gara (+6). Le due duellanti cercano di accelerare (soprattuto i locali) e così i ritmi si alzano al pari del punteggio. E la partita diventa bella grazie all'intensità messa sul piatto della bilancia da entrambe le formazioni. Nell'ultimo scorcio i falli condizionano anche i laziali, che però ricuciono lo strappo accusato (e acquisiscono entusiasmo) grazie al maggior agonismo e ai numeri di James, capace di spezzare la difesa tattica degli avversari e di meritare un 42 di valutazione. Trieste cala in difesa, concedendo qualcosa in più soprattutto sulle transizioni e perdendo un po' di entusiasmo.

Letto 437 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli