Domenica, 06 Novembre 2011 21:10

L'Acegas torna al successo, battuta Ruvo

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Coach Dalmasson Coach Dalmasson
Torna alla vittoria l'Acegas Aps, che di fronte al caloroso pubblico di casa

ha battuto 70-61 l'Adriatica Industriale Ruvo di Puglia. I biancorossi ritrovano i due punti dopo le ultime tre partite terminate con una sconfitta. Partita caratterizzata da un alto livello di agonismo, e che è rimasta in bilico fino all'ultimo minuto quando Ferraro ha segnato due tiri da tre che hanno consegnato il successo alla squadra di casa.
Solito quintetto di partenza per coach Dalmasson, con Carra, Zaccariello, Moruzzi, Ferraro e Gandini. Gli ospiti replicano con Tomasiello, Merletto, Villani, Emejuru e Tagliabue.
I padroni di casa partono meglio e dopo poco più di tre minuti sono sul 6-2, ma la squadra pugliese rimonta e ritrova il vantaggio sul 11-12 costringendo la panchina triestina a chiamare timeout. L'Acegas torna a + 4 (18-14) e nel finale Ruvo segna la tripla del 18-17 conclusivo.
Per sette minuti del secondo quarto le formazioni si palleggiano la leadership dell'incontro senza riuscire a scappare. Sul 31-31 gli ospiti infilano un break di 0-6 sfruttando due situazioni di canestro più fallo subito e vanno sul 31-37. Negli ultimi due minuti Trieste si rifà sotto e Zaccariello segna quattro punti in fila per la perfetta parità all'intervallo lungo (39-39).
I biancorossi tornano in campo con il piede giusto e allungano a + 5 sul 46-41, ma subiscono poi un break di Ruvo, che con un 4-9 rimette la testa avanti (49-50). L'Acegas segna poi con Moruzzi e Ruzzier per il nuovo + 4 (54-50), e alla penultima sirena della partita i punti che separano le squadra sono soltanto due (54-52).
Nell'ultimo quarto Trieste va più di una volta a + 4 ma viene sempre rincorsa dagli ospiti che accorciano fino a - 1 (61-60). Carra segna i due liberi del 64-60 e dall'altra parte del campo Ruvo segna una sola conclusione dalla lunetta (64-61). Entra quindi in scena Innocenzo Ferraro, che segna due triple in fotocopia, conclusioni dalla lunga distanza che a meno di un minuto dalla fine spaccano in due la partita e decidono le sorti della gara in favore di Trieste.
In sala stampa coach Dalmasson analizza la partita: "E' stata una partita in cui siamo partiti contratti e si è visto un certo nervosismo, avevamo ancora nella testa le tre sconfitte consecutive. Poi però abbiamo dato tutto quello che avevamo, spendendo molte energie, penso che ci siamo tuffati decine di volte su palle vaganti, ed è un segnale di quanto ci tenessimo a vincere. Nel momento decisivo poi l'istinto e la mentalità di Ferraro sono state importanti, e voglio sottolineare anche la bravura di Zaccariello che lo ha cercato di nuovo dopo la prima tripla. Proprio Zaccariello è stato fondamentale in difesa, prendendo rimbalzi e recuperando palloni importanti, un lavoro sporco in cui lui ha pochi rivali in questo campionato. L'aspetto determinante è stato però il cambiamento nel rendimento difensivo tra la prima e la seconda metà di gara, in cui abbiamo subito venti punti in meno".
Infine il coach guarda alle prossime partite: "Ora ci aspetta il primo scontro diretto con una squadra della nostra division, ovvero Firenze. Ci arriviamo consapevoli di potercela giocare con tutti in casa e fuori casa, come anche le tre sconfitte incassate lottando fino all'ultimo ci hanno insegnato. Sappiamo anche che c'è ancora tanto da lavorare per crescere. Domenica prossima sarà importante come sempre l'affetto e la presenza del pubblico, a cui cercheremo di offrire un'altra partita di grande consistenza".
ACEGAS        70

RUVO            61

ACEGAS APS TRIESTE: Zaccariello 6, Bonetta ne, Mastrangelo 7, Ruzzier 2, Maganza 7, Moruzzi 14, Ferraro 19, Carra 8, Gandini 7, Zecchin. All. Dalmasson
ADRIATICA INDUSTRIALE RUVO: Antrops 3, Villani 13, Valesin 6, De Martini, Merletto 2, Zanotti ne, Tagliabue 14, Bonacini 15, Emejuru 4, Tomasiello 4. All. Cadeo

 

dal sito della Pallacanestro Trieste

Letto 545 volte Ultima modifica il Domenica, 06 Novembre 2011 21:16
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli