Martedì, 09 Febbraio 2021 12:01

L'Allianz in vista della Coppa Italia riabbraccia Peric, Ghiacci: "Ma il 5+5 non si tocca"

Scritto da 
Vota questo articolo
(4 Voti)
Le t-shirt celebrative della partecipazione triestina alla Final Eight di Coppa Italia Le t-shirt celebrative della partecipazione triestina alla Final Eight di Coppa Italia

Oggi, martedi, nella conferenza stampa di presentazione della Final Eight di Coppa Italia,

che inizierà giovedì 11 al Forum di Assago e che ci vedrà sfidare la Happy Casa Brindisi venerdì alle 18, il presidente Mario Ghiacci ha voluto sottolineare due aspetti. Quello sportivo, mettendo a fuoco che il raggiungimento della finale è stato ampiamente meritato sul campo, seppur in un girone di andata cosparso di infortuni (all'inizio) e di problemi di salute causa Covid19. Quello relativo agli sponsor, dove ha fatto notare che ci sono state nuove e apprezzate adesioni oltre a quelle consuete. Aggiungo io che queste adesioni in Final Eight di sicuro non sono a titolo gratuito e che quindi hanno portato un po' di linfa in un torneo dove mancano all'appello gli introiti del pubblico, valutati attorno al milione di euro.

 

Un capitolo a parte, ma fondamentale, è stato dedicato al l'ingaggio-lampo di Peric (come sostituto dello sfortunato Grazulis).

Ghiacci ha dato risalto alla immediata disponibilità del giocatore che si è dichiarato entusiasta e pronto di ritornare in quella che era stata la sua squadra. L'ingaggio prevede la formula di 1 mese + 1 (opzionale in base al recupero di Grazulis dopo l'intervento al menisco che è previsto in 4/6 settimane salvo complicazioni). Tra le righe delle parole del presidente si è capito che Peric, di solito molto rigido sull'argomento compenso, per sposare la causa Allianz abbia accettato senza troppe contrattazioni e questo da un lato fa onore alla sua voglia di tornare a giocare a Trieste, ma anche fa intendere la determinazione della Pallacanestro Trieste nella volontà di raggiungere i play off.

Peric porta esperienza, centimetri, chili, velocità e duttilità. A Venezia ha giocato anche da "5" per cui in certe situazioni può anche dare il cambio a Delia e Upson, oltre che ricoprire il ruolo di ala forte. E coach Dalmasson oggi lo ha confermato rispondendo a una domanda dicendo che con Peric si potrà più spesso dare palla dentro rispetto ai giochi per Grazulis che sono più perimetrali.

Inoltre Ghiacci non esclude la possibilità, in ottica raggiungimento dei play off, di metterlo a contratto fino a fine stagione e gestirlo come jolly, stante che la formula del roster 5+5 non verrà assolutamente modificata.

In conclusione si è parlato della possibilità di riaprire i palazzi a fine marzo con l'occupazione al 25%, è un sogno dico io alla luce dell'evoluzione delle varianti pandemiche, però voglio crederci, per addolcire un pochino la lontananza dal godere le partite col nostro tifo caldo e appassionato.

Forse chissà... Succederà...

Buona Coppa Italia

VITTORIO LEONE

Letto 121 volte Ultima modifica il Martedì, 09 Febbraio 2021 12:16
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli