Domenica, 12 Maggio 2019 21:35

L'Alma perde a Milano ma centra i play-off

Scritto da 
Vota questo articolo
(5 Voti)
Una fase della gara d'andata Una fase della gara d'andata

Non è bastato un immenso Peric con 27 punti all’attivo frutto di un 6/8 da due, 3/3 da tre e 6/6 ai liberi per fare il colpaccio a Milano.

Sono mancati i punti soprattutto di Cavaliero che in 15’ di partita non ha mai tirato, quelli di Dragic, solo 3 in 12’ e anche di Fernandez. Nonostante questa pochezza in attacco sono arrivati 88 punti ma che non bastano, anche se Milano ha sofferto sino alla fine per spuntarla. Ma nonostante la sconfitta Trieste ha di che festeggiare perché centra i play-off da settima classificata. Ed è un grandissimo risultato per una neopromossa con i tanti problemi avuti durante la stagione, sia di infortuni che le note vicende giudiziarie che hanno coinvolto l’ex presidente Scavone. E da un presidente all’altro, quello attuale, Gianluca Mauro proprio oggi compiva 50 anni. Non è arrivato il regalo del successo a Milano ma sono arrivati appunto i play-off. Un settimo posto che, pensandoci bene, non è neanche male come griglia di partenza perché fa incontrare subito la seconda (Cremona) che i triestini avevano sconfitto nettamente di recente e soprattutto permetterebbe di evitare Milano sino all’eventuale finale. Ma non corriamop troppo e godiamoci questo splendido risultato. Male che vada dunque l’Alma giocherà ancora una partita all’Allianz Dome. In classifica Milano ha chiuso con 46 punti, poi Cremona e Venezia con 40, Sassari e Brindisi con 36, Trento con 34, poi un poker di squadre con 32: Trieste, Avellino, Varese e Cantù. Nella classifica avulsa, cioè quella che tiene conto degli scontri diretti tra le quattro formazioni Trieste è prima con 8 punti, poi Avellino e Varese con 6, quindi Cantù con 4. Tra Varese e Avellino la spuntano gli irpini essendo riusciti a vincere lo scontro diretto in entrambe le circostanze. Questi dunque gli accoppiamenti: Milano-Avellino; Cremona-Trieste; Venezia-Trento; Sassari-Brindisi.

A Milano, davanti a 500 tifosi triestini, è l’Alma che parte forte portandosi in breve sullo 0-11. Ci pensa Micov a sbloccare i suoi dopo 4’. Una tripla di Sanders vale l’8-17. La prima frazione si chiude sul 14-22. Nel secondo quarto Milano accelera e dal 25-26 va sul 32-26 e una bomba di Fontecchio vale il 43-38. Jerrels anche lui da tre firma il 53-43 con cui si va all’intervallo lungo. Peric è sin qui il migliore dei triestini con 16 punti all’attivo. Otto rimbalzi in più per Milano per il resto le percentali al tiro sono abbastanza simili. Nel terzo quarto l’Armani tiene il vantaggio anche se l’Alma rimane in scia: 67-65 all’ultimo riposo. Nel quarto quarto Milano allunga sul 73-65. L’Alma resta però attaccata: 78-74. Sull’89-81 arriva la tripla di Sanders: 89-84. Poi la schiacciata di Mosley vale l’89-86. Micov a segno per i suoi, replica Wright: 91-88. Due liberi di Cinciarini chiudono la contesa: 93-88.

Il tabellino.

MILANO     93
TRIESTE     88

(14-22; 39-21; 14-22; 26-23)
ARMANI MILANO: De Capitani ne, Nunnally 4, Micov 11, Burns 6, Jerrels 9, Fontecchio 4, Cinciarini 12, Tarczeskas 3, Della Valle 21, Brooks 10, Kuzminskas 13. All. Pianigiani.
ALMA TRIESTE: Peric 27, Fernandez 5, Sanders 13, Dragic 3, Knox 8, Cavaliero, Mosley 7, Da Ros 5, Strautins 2, Wright 18, Coronica, Cittadini ne. All. Dalmasson.
Note.
Tiri da 2: Milano 30/45, Trieste 23/43.
Tiri da 3: Milano 5/18, Trieste 8/17.
Tiri liberi: Milano 18/21, Trieste 18/25.
Rimbalzi: Milano 36, Trieste 27.

Letto 138 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli