Domenica, 10 Aprile 2016 22:51

L'Alma ragala a Dalmasson una vittoria a ...200 all'ora

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Una fase di Alma-Jesi Una fase di Alma-Jesi

Ancora festa al PalaRubini. L'Alma, sulla carta favorita contro Jesi terz'ultimo, parte con il freno a mano tirato andando sotto sul 2-8.

Ma tempo di qualche azione e arriva il sorpasso con le triple nel primo quarto di Bossi, Parks e Landi. In particolare quest'ultima è accolta con un boato visto il rientro di Aristide dopo un lungo infortunio. La prima frazione si chiude sul 26-15. Torna il sorriso a giocatori e pubblico dopo quello avuto nel prepartita nel quale si sono festeggiati coach Dalmasson per le sue 200 panchine con la Pallacanestro Trieste, poi Gobbato eletto quale miglior giovane della provincia. E poi gli auguri al team manager Sergio Dalla Costa, 70 anni proprio nel giorno della partita.

Anche il secondo quarto è foriero di tranqullità per la squadra triestina, le bombe di Coronica e di Bossi tengono indietro i marchigiani. Si va al riposo lungo sul 44-30 con i triestini che quando accelerano sono devastanti.

E altra festa prima dell'inizio del terzo quarto con la passerella dei ragazzi di quarant'anni fa, quelli che avevano vinto lo spareggio a Bologna contro Brescia per la permanenza in serie A2. Applausi per i vari Bacchelli, Bubnich, Zovatto, Forza, Ceccotti, Bassi, Oeser, Meneghel, Iacuzzo, Millo e per Pozzecco. Poi si torna a giocare, guarra di triple con Santiangeli, Nelson, Greenm Prandin e Bossi che infilano dalla distanza. Si va all'ultimo tempo sul 65-52. Un vantaggio costante buono e la consapevolezza che Jesi non ha i mezzi per trovare la rimonta.

I marchigiani non segnano per quasi 5' nell'ultimo quarto e Trieste vola con Pipitone, prima con una schiacciata, poi con un canestro più un libero ed infine con un'altra schiacciata, questa volta con un tap-in. Si arriva così sul 72-52. E quando esce c'è per lui la standing ovation del pubblico. Nel finale spazio per Donda e per Gobbato con quest'ultimo che trova la soddisfazione di un libero segnato (su due tentativi).

Con questo successo l'Alma mantiiene il sesto posto a due sole lunghezze da Imola, quinto. E domenica prossima altra gara casalinga, a scendere al PalaTrieste sarà il Legnano, quart'ultimo. Sarà un'altra festa? Se l'Alma scenderà in campo concentrata potrebbe esserlo di nuovo. 

La classifica: Mantova 42; Treviso 40; Brescia 38; Roseto 36; Imola 34; Trieste, Bologna 32; Ravenna, Verona 30; Treviglio, Ferrara 28; Chieti 22; Legnano 20; Jesi 16; Recanati 14; matera 6.

Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste - Betulline Jesi 83-64 (26-15, 44-30, 65-52)

Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste: Jordan Parks 17, Stefano Bossi 13, Andrea Coronica 5, Gianmarco Gobbato 1, Roberto Nelson 15, Andrea Donda, Andrea Pecile 11, Lorenzo Baldasso, Aristide Landi 5, Roberto Prandin 7, Vincenzo Pipitone 7, Matteo Canavesi 2. All. Eugenio Dalmasson

Betulline Jesi: Josh Greene 19, Neiko Hunter 5, Matteo Battisti 5, Simone Lucarelli ne, Marco Maganza 4, Samuele Moretti 2, Paolo Paci 7, Marco Santiangeli 17, Andrea Gennaro Picarelli 2, Ousmane Gueye 3. All.Maurizio Lasi

Letto 515 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli