Mercoledì, 17 Febbraio 2016 22:56

L'Alma torna a sorridere, battuta Chieti nel turno infrasettimanale

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Una fase di Alma-Chieti Una fase di Alma-Chieti

Dopo il finale incubo di Matera, l'Alma si rialza subito.

La compagine di Dalmasson, dopo trentadue minuti di batticuore, allunga nell'ultimo quarto ma stavolta al contrario di tre giorni prima riesce a controllare nel finale i tentativi avversari di rimonta. Un successo che allontana di molto i pericoli di retrocessione anche se adesso ci sarà un trittico di gare difficili: domenica a Ferrara, poi in casa contro Treviso e quindi a Brescia. Contro Chieti l'Alma ha avuto un paio di momenti di difficoltà nell'andare al tiro, soprattutto a metà del secondo quarto e nei primi 2' dell'ultimo. Naturalmente c'è sempre però da tener conto che in campo ci sono anche gli avversari per cui spesso i demeriti di uno si scontrano con i meriti dell'altro. E poi anche stavolta l'arbitraggio non ha aiutato Trieste, anzi. In più di una circostanza il pubblico ha vivacemente contestato alcuni fischi che avrebbero potuto cambiare l'esito della contesa.

 

Il primo canestro dell'incontro è di Armwood, centro Usa di 206 centimetri che ha a lungo messo in difficoltà i padroni di casa. Landi rompe il ghiaccio per l'Alma con un libero su due. Poi Parks, Pecile e una tripla di Nelson valgono l'8-4. Dal 13-13 al 22-13 in pochi secondi con le triple di Nelson, Bossi e Landi. Trieste nel finale controlla e con Bossi in entrata sulla sirena infila il 26-18.

L'inizio del secondo quarto è favorevole agli ospiti che con Allegretti e il bulgaro Lilov si portano a -1. Dopo 3'10” finalmente Prandin buca la retina per i locali. Chieti a metà frazione opera il sorpasso, 30-32, allungando sino al 31-36. Ma due canestri di Pecile, due liberi di Bossi e poi la bomba dello stesso Bossi mandano le squadre all'intervallo lungo sul 40-38.

Anche il terzo quarto è equilibrato, tra la parità e il +2 di Trieste si giunge sul 48-46. Parks va in lunetta, segna il primo libero, sbaglia il secondo ma va a prendersi il rimbalzo appoggiando a bersaglio con un tap-in: 51-46. Piccolo impatta sul 55-55. Prandin e una tripla di Baldasso regalano il 60-55. Due liberi di Sergio mandano le due formazioni sul 60-57 all'ultimo quarto.

Vedovato in apertura va in lunetta ma sbaglia entrambi i liberi dopo che sino a quel momento la sua squadra aveva fatto un ottimo 14/16. Pecile mette dentro il 62-59. E poi la svolta. Chieti inizia a sbagliare, un salvataggio acrobatico sotto canestro in difesa infiamma il pubblico, palla per Pipitone che in entrata segna e subisce il fallo. Il palazzo esplode e Giovanni Marzini, il presidente, esulta entrando quasi in campo. Il PalaTrieste è una bolgia. Una tripla ospite gira sul ferro ed esce. Baldasso infila il 67-59. Gli ospiti cominciano a sparacchiare dalla linea dei tre punti sbagliando. Nelson da lontanissimo trova il 70-59. Il parziale di 10-0, a -4'25”, sembra mettere fine alla partita. Ma la gara è ancora lunga e dopo l'ultima esperienza negativa a Matera guai a sconcentrarsi. A 2'20” dalla fine Pecile azzecca la tripla allo scadere dei 24”: 75-64. Nel finale l'Alma controlla e porta a casa i due importanti punti in graduatoria.

La classifica: Treviso, Mantova 32; Brescia, Imola 30; Roseto 26; Bologna, Verona, Ravenna 24; Trieste, Treviglio 22; Ferrara 20; Chieti 18; Legnano, Jesi 14; Recanati 8; Matera 6.
Da giocare: Legnano-Roseto; Verona-Brescia; Jesi-Ferrara.

Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste - Proger Chieti 82-68 (26-18, 40-38, 60-57)


Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste: Jordan Parks 16 (7/13, 0/2), Stefano Bossi 12 (2/3, 2/5), Andrea Coronica 4 (2/3 da due), Enrico Gobbato, Roberto Nelson 13 (1/1, 3/4), Andrea Donda, Andrea Pecile 11 (4/7, 1/3), Lorenzo Baldasso 7 (2/2, 1/1), Aristide Landi 11 (3/5, 1/3), Roberto Prandin 4 (2/4, 0/2), Vincenzo Pipitone 3 (1/2 da due), Matteo Canavesi (1/2 ai liberi).

Tiri Liberi: 10/14 – Rimbalzi: 38 24+14 (Jordan Parks 11) – Assist: 12 (Andrea Pecile 4)

Proger Chieti: Andrea Piazza 8 (2/7 da due), Marco Allegretti 16 (3/6, 1/4), Matteo Piccoli 2 (1/1 da due), Jacopo Vedovato, Luigi Sergio 6 (2/2, 0/4), Ivan Lilov 12 (3/6, 1/6), Diego Monaldi 9 (2/3, 1/5), Isaiah Armwood 15 (6/9, 0/2) N.E.: Damiano Marchetti, Andrea Sipala. All. Galli

Tiri Liberi: 21/26 – Rimbalzi: 26 15+11 (Isaiah Armwood 6) – Assist: 9 (Diego Monaldi 3) – Cinque Falli: Ivan Lilov

Parziali: 26-18, 14-20, 20-19, 22-11

Arbitri: Nicolini, Pazzaglia, Chersicla

Spettatori: 2.620

Letto 504 volte Ultima modifica il Giovedì, 18 Febbraio 2016 14:36
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli