Domenica, 13 Aprile 2014 19:58

L'ultimo regalo di Ruzzier, stende Forlì e l'Acegas è salva

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)
Una fase di Acegas-Forlì Una fase di Acegas-Forlì
In un finale da brividi l’Acegas ci mette il cuore e batte Forlì festeggiando così la salvezza con un turno d’anticipo
in un PalaTrieste gremito da ben 4100 spettatori, il record stagionale. Pubblico che ha fatto appieno la sua parte sostenendo la squadra particolarmente nei momenti di difficoltà che sono stati soprattutto due. Il primo è un black-out triestino al tiro durante il secondo tempo che porta dal +9 al -1, quindi un 11-0 per i romagnoli. Il secondo nell’ultimo quarto che avrebbe potuto essere fatale con gli ospiti a +7.
Ma partiamo dall’inizio. L’Acegas fa iniziare dalla panchina Wood, in non buone condizioni fisiche e quindi dubbio fino alle ultime ore. Coronica infila subito il 2-0, l’unico suo canestro della gara. Il palazzo esplode. Ma dall’altra parte Crow insacca da tre. Ruzzier in entrata e Tonut dall’angolo mettono dentro il 6-3. Tripla di Ruzzier e 9-5. Sergio replica dalla lunga distanza ed è il 9-8. Inizio insomma equilibrato, come dalle attese. Sull’11-11 arriva una mezza tegola sull’Acegas, a Diliegro viene fischiato il terzo fallo. Siamo appena al 6’ e Tyler Cain, il miglior lungo del torneo, sembra avere quindi la gara in discesa sotto i tabelloni. Ma Candussi, il suo sostituto, si comporta bene mettendo anche una tripla poco dopo. Nel frattempo fa il suo ingresso anche Wood. Cain chiude il tempo con 9 punti mentre Trieste conduce per 22-15.
Parte bene l’Acegas nel secondo quarto portandosi sul 26-17 con una conclusione acrobatica di Wood. Sarà questo l’ultimo canestro dei padroni di casa per molti minuti perché in attacco diventano disastrosi. Forlì ne approfitta piazzando un parziale di 11-0 interrotto da un libero di Candussi. Poi fanno centro Harris e Carra, quest’ultimo da tre. Si arriva sul 34-33, l’Acegas recupera palla in difesa e lancia a Carra che allo scadere da quasi metà campo fa centro, il PalaTrieste è in delirio. Si va al riposo lungo a +4.
Nel terzo quarto il grande protagonista è Jazz Ferguson che con due “bombe” tiene i suoi a galla ben spalleggiato dai tiri dalla lunga di Sergio e Saccaggi. Trieste replica con quelli di Candussi, Wood e Mastrangelo portandosi ad un massimo vantaggio di nove lunghezze (53-44 e 56-47). Nel finale rimonta forlivese sul 58-55 con Diliegro che proprio ad una manciata di secondi dal termina commette il quarto fallo.
Gli ultimi 10’ sono da paura. Trieste tiene per poco il vantaggio, Diliegro incappa nel quinto fallo e c’è ancora una “vita” da giocare. Forlì va avanti sul 69-63 in un momento della sfida che di solito invece tende a crollare, soprattutto in trasferta dove aveva vinto solo sul parquet della cenerentola Imola. Al 4’ Eliantonio  azzecca la tripla e poi Crow fissa il 74-67. Sul PalaTrieste scende il gelo, sembra quasi finita. Ruzzier però riapre i giochi con il tiro dalla distanza. Forlì infila un libero portandosi sul 75-70. E qui diventa protagonista Michele Ruzzier, il ventunenne play che dovrebbe lasciare Trieste nella prossima stagione (destinazione Venezia?), che si prende in mano la squadra e con otto punti la porta alla vittoria. Prima una tripla e poi il pareggio a 1’12” dalla fine. E’ ancora lui che va a bersaglio a 18” dalla conclusione riportando avanti Trieste. Forì sbaglia l’ultimo attacco, l’Acegas riparte in contropiede con Ruzzier che subisce fallo in entrata a 4” dalla sirena. Mette dentro un solo libero e gli ospiti, dopo il time out, ci provano per il pari ma si trovanti davanti al muro triestino che ne blocca l’iniziativa. Finisce con tutto il pubblico in piedi e il clan biancorosso a far festa in mezzo al campo. Trieste è salva, retrocede Forlì.

Il tabellino.


ACEGAS TRIESTE            78
CREDITO DI ROMAGNA  75

22-15; 37-33; 58-55
Pall. Trieste 2004: Tonut 4 (2/3, 0/1), Harris 14 (6/9, 0/3), Ruzzier 25 (6/10, 3/7), Coronica 2 (1/5), Diliegro 2 (1/3), Candussi 13 (3/11, 2/5), Carra 8 (2/4 da tre), Mastrangelo 3 (1/2 da tre), Wood 7 (1/7, 1/3) N.E.: Fossati Allenatore: Dalmasson
Tiri Liberi: 11/14 - Rimbalzi: 40 24+16 (Harris 11) - Assist: 17 (Ruzzier 7) - Cinque Falli: Diliegro
Credito Romagna FC: Basile, Lee Cain 18 (8/17), Crow 11 (4/6, 1/5), Ferguson 23 (4/10, 4/6), Saccaggi 5 (1/3, 1/3), Eliantonio 5 (1/5, 1/2), Sergio 7 (0/1, 2/3), Rosignoli 6 (1/3) N.E.: Mascherpa, Ravaioli Allenatore: Galli
Tiri Liberi: 10/13 - Rimbalzi: 29 20+9 (Lee Cain 10) - Assist: 13 (Saccaggi 7)
Arbitri: Scrima (Catanzaro), Fabiani (Lucca), Marota (Ascoli Piceno).
Letto 1030 volte Ultima modifica il Domenica, 13 Aprile 2014 20:06
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli