Giovedì, 23 Aprile 2015 22:22

Pallacanestro Trieste annientata dalle bombe di Ferrara, stagione all'epilogo?

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)
Una fase di Pallacanestro Trieste-Ferrara Una fase di Pallacanestro Trieste-Ferrara
Due canestri da sotto di Holloway valgono il 55-51. Subito dopo Candussi infila il 57-51.

Per il PalaTrieste vestito di biancorosso sembra la fine dell'incubo. Dopo aver giocato praticamente tutta la gara in salita, anche se sempre con margini contenuti (massimo sette punti) ecco che la compagine di Dalmasson mette il naso avanti. Sono passati un paio di minuti dell'ultimo quarto e l'inerzia è ora tutta per i padroni di casa. Ma d'improvviso si sveglia l'artiglieria pesante estense: due triple di Amici, una di Ferri e una di Hasbrouck, oltre ai canestri di Castelli e dello stesso Hasbrouck, regalano il parziale di 16-2 che porta il punteggio sul 59-67. Per Trieste sembra finita. Ma Tonut in mezzo minuto firma i cinque punti del 64-67. Tonno poi recupera palla e vola in contropiede, potrebbe cercare la penetrazione, uno dei suoi pezzi migliori, ma invece ci prova in velocità dalla distanza. La palla esce e in pochi secondi secondi Ferrara trova altre due bombe, prima con Castelli e poi con Amici: 64-73. Alla sirena fanno festa quindi gli ospiti 68-75 e il parziale della Mobyt diventa così di 22-9.

Ferrara si è dimostrata sicuramente una buona squadra ma ciò non basta a giustificare la sconfitta. Trieste ha giocato male e non può solo appellarsi a diverse decisioni arbitrali contrarie apparse molto discutibili. Un dato su tutti: i locali hanno avuto 13 tiri liberi a disposizione, gli avversari ben 30. Holloway, Grayson e Tonut per lunghi tratti in panchina, anche contemporaneamente. La battaglia ai rimbalzi l'ha vinta Ferrara (38-30) che però ha perso più palloni (23 contro i 17 triestini). La Pallacanestro Trieste per vincere questo genre di partite ha bisogno dell'apporto principale del duo Holloway-Tonut. Murphy ha fatto abbastanza bene sorprendendo tutti con un clamoroso (per lui) 6/6 ai tiri liberi, Stefano invece è mancato all'appello: 16 punti di cui circa la metà nel finale. E' insomma mancato soprattutto lui. Ed è mancato pure Grayson: zero punti a referto. Discreti Candussi e Carra, anche se quest'ultimo ci ha provato molto dalla distanza prendendoci davvero poco (2/8).

 

Un'occhiata anche a quanto accaduto nei primi 35' di gioco. Nella presentazione delle squadre spazio ai coriandoli provenienti dagli spalti. CLICCA QUI PER VEDELA Nel primo quarto Trieste è sempre sotto, Casadei allo scdere infila la tripla del 12-16. Nel secondo quarto Mastrangelo da tre, una schiacciata di Candussi e una bomba di Carra valgono il 20-20. Poi ospiti avanti di sette lunghezze (32-25) con un tiro pesante di Ferri. Trieste recupera e va all'interavallo lungo sotto di uno (32-33), nell'ultima azione da segnalare una stoppona stellare di Holloway sull'entrata di Hasbrouck. Il terzo quarto si apre a favore di Trieste, Holloway recupera in difesa, fa tutto il campo e chiude in schiacciata. Lo stesso Holloway con un tap-in regala il 38-33. Ferrara recupera e chiude la frazione avanti di due (49-51).

Poi il già descritto finale che regala alla Mobyt gara-1 degli ottavi di finale dei play-off. Domenica in gara-2 ci vorrà insomma un'impresa per impattare la serie, e in quel caso la “bella” si disputerà a Trieste giovedi 30 aprile. Ricordiamo che la vincente di Trieste-Ferrara affronterà ai quarti di finale Brescia. Ma comunque vada un plauso la compagine di Dalmasson lo merita per quanto fatto durante tutta la stagione.
Gli altri risultati: Agrigento-Treviso 102-84; Biella-Treviglio 90-83; Ferentino-Recanati 91-100.

Il tabellino.

TRIESTE        68
FERRARA      75

12-16; 32-33; 49-51.
PALLACANESTRO TRIESTE: Coronica 4, Tonut 16, Mastrangelo 3, Candussi 10, Carra 11, Holloway 20, Fossati, Grayson, Marini, Norbedo ne, Ferrao ne. Coach: Dalmasson.   
MOBYT FERRARA: Troy 9, Bottioni 2, Castelli 10, Amici 18, Ferri 9, Casadei 6, Pipitone 2, Hasbrouck 19, Benfatto, Verrigni ne, Ghirelli ne. Coach: Martelossi.

Letto 533 volte Ultima modifica il Venerdì, 24 Aprile 2015 06:24
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli