Giovedì, 26 Gennaio 2012 23:02

Pallacanestro Trieste, la collaborazione con le società minori continua

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
In mezzo il presidente Rovelli In mezzo il presidente Rovelli
Nella serata di ieri il presidente della Pallacanestro Trieste 2004 Luigi Rovelli
ha incontrato i rappresentanti delle Società cittadine che ormai da anni collaborano con il sodalizio biancorosso nell'ambito del “Pool Basket Trieste”.

All'incontro, che si è svolto alla Fondazione CrTrieste, rappresentata dal dottor Paolo Santangelo, segretario generale della Fondazione e dirigente responsabile del baskeTrieste, società satellite e vera anima del settore giovanile della Pall. Trieste 2004, erano presenti anche il coach della prima squadra Eugenio Dalmasson ed il responsabile organizzativo delle giovanili Maurizio Modolo.

Nel salutare i partecipanti, e ringraziandoli per la loro disponibilità il presidente Rovelli ha confermato il costante impegno ed il fermo desiderio della Società di proseguire ed ampliare il progetto che dal 2008 ad oggi è stato sviluppato, con l'obiettivo di prospettare e realizzare un'ulteriore crescita complessiva e una valorizzazione del movimento giovanile cittadino, approfittando della passione di Trieste per il basket, che si concretizza in un importante numero di tesserati e praticanti.

Hanno poi preso la parola gli esponenti delle varie Società presenti, ovvero Azzurra, Jadran, Kontovel, Libertas, Salesiani Don Bosco, Servolana e Sokol. I dirigenti, che rappresentavano anche le società Dom, Polet e San Vito, rilevando i molti aspetti positivi dell'accordo riscontrati negli ultimi anni, hanno espresso la ferma intenzione di proseguire la collaborazione. Nel confronto tra le Società sono poi emerse una serie di problematiche di gestione societaria e di rapporti con gli enti pubblici che una posizione comune potrebbe portare a risoluzione.

A seguire è stata la volta di coach Dalmasson, che ha sottolineato come il progetto abbia già dato dei frutti, dimostrati dalla presenza in prima squadra di molti ragazzi cresciuti nelle varie società locali, facendo presente che questa è una situazione difficile da riscontrare in altre città italiane, anche con bacini d'utenza molto più estesi. Il tecnico biancorosso ha infine riconosciuto l'importanza di dare nuova linfa a questo tipo di collaborazione, per allargare la base di praticanti, che saranno non solo i giocatori, ma anche arbitri, dirigenti e semplici appassionati del futuro.

Proprio con il fine di creare entusiasmo nelle nuove generazioni, il presidente Rovelli ha chiuso la riunione esprimendo la volontà della Pall. Trieste 2004 di ideare un grande evento, da realizzarsi in tempi brevi e che dimostri la forza e la qualità che l'unione tra le società può esprimere, e che porti un sempre maggior numero di persone a conoscere il basket, proposta che ha ricevuto una risposta positiva ed unanime da parte dei presenti.ha confermato il costante impegno ed il fermo desiderio della Società di proseguire ed ampliare il progetto che dal 2008 ad oggi è stato sviluppato, con l'obiettivo di prospettare e realizzare un'ulteriore crescita complessiva e una valorizzazione del movimento giovanile cittadino, approfittando della passione di Trieste per il basket, che si concretizza in un importante numero di tesserati e praticanti.

Hanno poi preso la parola gli esponenti delle varie Società presenti, ovvero Azzurra, Jadran, Kontovel, Libertas, Salesiani Don Bosco, Servolana e Sokol. I dirigenti, che rappresentavano anche le società Dom, Polet e San Vito, rilevando i molti aspetti positivi dell'accordo riscontrati negli ultimi anni, hanno espresso la ferma intenzione di proseguire la collaborazione. Nel confronto tra le Società sono poi emerse una serie di problematiche di gestione societaria e di rapporti con gli enti pubblici che una posizione comune potrebbe portare a risoluzione.

A seguire è stata la volta di coach Dalmasson, che ha sottolineato come il progetto abbia già dato dei frutti, dimostrati dalla presenza in prima squadra di molti ragazzi cresciuti nelle varie società locali, facendo presente che questa è una situazione difficile da riscontrare in altre città italiane, anche con bacini d'utenza molto più estesi. Il tecnico biancorosso ha infine riconosciuto l'importanza di dare nuova linfa a questo tipo di collaborazione, per allargare la base di praticanti, che saranno non solo i giocatori, ma anche arbitri, dirigenti e semplici appassionati del futuro.

Proprio con il fine di creare entusiasmo nelle nuove generazioni, il presidente Rovelli ha chiuso la riunione esprimendo la volontà della Pall. Trieste 2004 di ideare un grande evento, da realizzarsi in tempi brevi e che dimostri la forza e la qualità che l'unione tra le società può esprimere, e che porti un sempre maggior numero di persone a conoscere il basket, proposta che ha ricevuto una risposta positiva ed unanime da parte dei presenti.
Letto 635 volte Ultima modifica il Giovedì, 26 Gennaio 2012 23:15
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli