Domenica, 29 Settembre 2019 21:51

Pallacanestro Trieste mai in partita contro Varese: è batosta

Scritto da 
Vota questo articolo
(3 Voti)
Il folletto Josh Mayo guardato da Elmore Il folletto Josh Mayo guardato da Elmore

Bella per 37’ a Venezia all’esordio, orrenda contro Varese.

 

In entrambi i casi è arrivata la sconfitta. Se contro i campioni d’Italia ci poteva stare, nessuno poteva immaginare che contro l’Openjobmetis ci sarebbe stato un crollo così clamoroso. Un distacco di 30 punti alla sirena finale ma praticamente mai in partita. Dallo 0-7 iniziale al 13-29 con cui si va al primo riposo. E nel secondo quarto la musica è pressochè la stessa. Un parziale lombardo iniziale di 13-2 porta in breve il punteggio sul 15-42. Poi arrivano le triple di Ferrero, Tambone e Mayo e squadre all’intervallo lungo sul 25-54. Nei primi 20’ Varese ha pressato molto, Trieste di ciò ha sofferto perdendo lucidità in attacco spadellando da ogni dove e concedendo troppi spazi in difesa che per contro venivano sfruttati in maniera chirurgica dagli avversari. Un dato su tutti riguarda quello del tiro da 3 con Trieste che ha fatto registrare un desolante 1/14 contro l’8/17 ospite. Su tutti il folletto Josh Mayo che ha fatto registrare 24 punti, uno in meno di tutta Trieste messa assieme.

Al rientro sul parquet i ragazzi di Dalmasson sembrano più convinti e con l’accoppiata Jones-Cavaliero, più una bomba di Elmore, si portano a -18 (39-57). Ma nel momento del tentativo di rimonta ci pensano gli arbitri a sanzionare cose discutibili, tutte sempre contro i padroni di casa. Varese mantiene così il vantaggio sui 20 punti. Cooke allo scadere fa zero su due dalla lunetta e le squadre vanno all’ultimo riposo sul 45-66. Un magico Coronica apre il terzo quarto con sei punti di fila: 51-68. A 7’28” dalla fine Varese esaurisce il bonus dei falli, Elmore subito dopo piazza la tripla del 54-70 e poi Da Ros mette dentro il 56-72. La Pallacanestro Trieste ha dimezzato dunque lo svantaggio e spera in un “miracolo” con il pubblico che ci crede. Ma Varese gela tutti con alcuni canestri e torna ad allungare sino al +32. Cavaliero con due liberi firma il definitivo 62-92. La stagione per Trieste, e lo si sapeva, sarà molto dura. Sabato prossimo all’Allianz Dome arriverà la corazzata Milano che dopo stasera fa un po’ meno paura vista la sconfitta interna di 8 punti contro Brescia, anche se naturalmente la differenza tecnica è decisamente abissale.

Il tabellino.

TRIESTE      62
VARESE      92

(13-29; 12-25; 20-12; 17-26)
TRIESTE: Coronica 6, Cooke 3, Peric 4, Fernandez, Jones 10, Strautins, Janelidze, Cavaliero 11, Da Ros 9, Mitchell 7, Elmore 6, Justice 6. All. Dalmasson.
VARESE: Peak 12, Tepic, De Vita ne, Jakovics 6, Natali 3, Vene 7, Simmons 17, Seck ne, Mayo 32, Tambone 10, Gandini, Ferrero 5. All. Caja.
Note.
Tiri da 2: Trieste 13/27, Varese 20/31.
Tiri da 3: Trieste 5/27, Varese 13/31.
Tiri liberi: Trieste 21/26, Varese 13/19.
Rimbalzi: Trieste 32, Varese 39.

Letto 59 volte Ultima modifica il Domenica, 29 Settembre 2019 23:43
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli