Domenica, 10 Maggio 2015 22:22

Trieste stellare porta Brescia alla "bella"

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
La coreografia del pubblico del PalaRubini nel prepartita di Trieste-Brescia La coreografia del pubblico del PalaRubini nel prepartita di Trieste-Brescia
Palla a Holloway lasciato dagli avversari completamente solo appena oltre la linea dei tre punti,

Murphy ci pensa un attimo, prende la mira, il PalaRubini d'improvviso ammutolisce sperando nel canestro, tutti con il fiato sospeso, la sfera entra e i 5800 biancorossi sugli spalti esplodono con un boato di gioia. E' il 76-67 a poco più di 1' dal termine. I tre punti praticamente della vittoria anche se poi il successo è stato sofferto sino alla fine. La Pallacanestro Trieste batte Brescia con una prova a tratti stellare e la porta così alla "bella" di mercoledi sera dimostrando di crescere in ogni partita. E poi un cuore grande grande. Fatto questo che la gente del posto apprezza infinitamente, se ci metti l'anima e perdi uscirai sempre con gli applausi.

Trieste ha sofferto nei primi minuti, dopo soli 3" Nelson sblocca il risultato. Holloway in entrata impatta subito dopo. Brownlee infila due triple: 5-10. Candussi fa il gladiatore sotto il tabellone, ne prende tre di fila e al terzo la butta dentro. Due liberi di Holloway regalano il primo vantaggio interno. Alibegovic segna dalla lunga il 14-17; Carra con due tiri dalla lunetta manda le squadre al primo intervallo sul 16-17.

Il secondo quanrto si apre con Tonut che ruba palla e vola da solo in contropiede: 18-17. Prandin da tre per il 21-17 dopo 2'10". Una bomba di Grayson e un canestro da sotto di Marini regalano il 26-17. Nel finale di tempo quattro triple triestine (2 di Grayson e 2 di Carra) valgono il 44-34 con cui si va al riposo lungo.

Nel terzo quarto Trieste ancora comodamente avanti, anzi allunga imperiosamente, una bomba di Tonut in serata non brillantissima rischia di far venire giù il palazzo. Il tempo si chiude sul 65-47 con un'iniziativa di Prandin.

L'inizio della quarta frazione si apre con l'ola del pubblico di casa anche se più di qualcuno fa notare che forse sia troppo presto per cantare vittoria contro una squadra forte come Brescia. Ed infatti dopo un canestro di Coronica che vale il 71-54 e pooc dopo uno di Carra per il 73-56 a 4'45" dalla sirena ecco che i lombardi provano la rimonta con Trieste che forse mentalmente pensa di averla già chiusa. Triple per Loschi e per Passera e due punti per Nelson. Poi passi di Grayson in attacco e Cittadini a -1'55" infila i due liberi del 73-67. Un parziale insomma di 11-0. Il PalaRubini comincia a tremare ma poi ci pensa Holloway, come descritto in apertura, mette dentro la bomba che ragala un finale abbastanza tranquillo.

A fine gara grande festa sul parquet con i giocatori che per almeno un quarto d'ora non riescono ad entrare in spogliatoio festeggiati da un pubblico in visibilio. E ora la "bella" a Brescia, chi vince affronterà Torino in semifinale. Chi perde finirà la stagione. Se dovesse essere Trieste uscirà a testa altissima. L'inerzia è però tutta per la compagine di Dalmasson che dallo 0-2 (con il furto arbitrale della seconda partita) si è portata sul 2-2.  

Il tabellino.


PALLACANESTRO TRIESTE                                    79
LEONESSA/CENTRALE DEL LATTE BRESCIA      73

(16-17, 44-34, 65-45)
PALLACANESTRO TRIESTE 2004: Tonut 10, Grayson 9, Candussi 11, Carra 16, Holloway 18, Coronica 2, Fossati n.e., Norbedo n.e., Ferraro n.e., Mastrangelo, Marini 4, Prandin 9. Coach Dalmasson
LEONESSA/CENTRALE DEL LATTE BRESCIA: Fernandez 2, Cittadini 14, Loschi 9, Nelson 13, Brownlee 15, Alibegovic 6, Benevelli 3, Passera 11, Tomasello, Giammò n.e. Coach Diana
ARBITRI: Boninsegna di Paderno Dugnano (Milano), Caforio di Brindisi e Marton di Conegliano (Treviso).

Letto 625 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli