Mercoledì, 08 Luglio 2020 15:34

Un altro tassello per la Pallacanestro Trieste, da Treviso arriva Davide Alviti

Scritto da 
Vota questo articolo
(5 Voti)
Davide Alviti con la casacca trevigiana, all'Allianz Dome nel corso dell'ultima stagione, mentre cerca di intercettare un passaggio di Cavaliero Davide Alviti con la casacca trevigiana, all'Allianz Dome nel corso dell'ultima stagione, mentre cerca di intercettare un passaggio di Cavaliero

Allianz Pallacanestro Trieste aggiunge al reparto di ali a disposizione di Coach Dalmasson il giovane Davide Alviti.

Questo il comunicato della società.


“Alviti è più di una promessa pur avendo ancora grandi margini di miglioramento - dichiara il Presidente Mario Ghiacci – e il suo innesto nel roster conferma la nostra volontà di puntare sul talento dei giovani italiani. Il nostro è un progetto ambizioso e proiettato nel futuro. Davide, nonostante la giovane età, ha già avuto nella sua carriera diverse esperienze importanti e ora potrà conquistarsi una nuova opportunità di crescita qui a Trieste mettendo a frutto il suo talento cestistico e il suo valore umano”.

Ala di 200 centimetri, Alviti è nato il 5 novembre del 1996 ad Alatri, in provincia di Frosinone. Cresciuto nelle giovanili dell’EuroBasket Roma, con cui ha esordito anche nei campionati seniores, è passato poi alla Virtus Roma dove ha giocato fino al 2015. Nella stagione successiva nuova tappa della sua carriera con la Pallacanestro Mantovana, a cui si aggiungeranno poi Derthona Basket e Andrea Costa Imola, società con la quale si metterà in evidenza viaggiando in doppia cifra di media in Serie A2.
I numeri accumulati in Romagna gli sono utili per guadagnare una chiamata da Treviso che, nel 2018 lo mette sotto contratto, vincendo la Coppa Italia LNP e centrando poi la promozione nella massima serie. Nella scorsa stagione, quella dell’esordio in Serie A, Alviti ha fatto registrare 15.2 minuti di media in 16 partite giocate e quattro apparizioni in quintetto base. Le sue cifre raccontano di 5.4 punti e 2 rimbalzi a partita, tirando con il 60% da due, il 47.9% dalla lunga distanza ed il 75% ai liberi, confermando un’ottima mano e l’attitudine a guardare il canestro.

“Si tratta di un’ala che ha dimostrato anche quest’anno a Treviso le sue qualità di tiratore, soprattutto da oltre l’arco dei tre punti - queste le parole di coach Eugenio Dalmasson - e dunque potrà essere per noi un’importante arma tattica. E’ dotato infatti di una buonissima mano, ma ha anche capacità atletiche interessanti: la scelta societaria è quella di puntare su un giocatore che entra a far parte di un gruppo al quale può portare freschezza, entusiasmo ed energia”.

Letto 121 volte
vicedirettore

Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli