Sabato, 12 Ottobre 2013 20:45

A2 femminile, doppia vittoria triestina all'esordio: Borroni, Capolicchio e Vida in gran spolvero

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Annalisa Borroni Annalisa Borroni

SERIE A2 FEMMINILE- 1° TURNO CONFERENCE NORD EST


SGT CALLIGARIS 59
VELCO VICENZA 38

(20-7, 40-21, 46-34)
SGT CALLIGARIS: Rosellini 10, Trimboli 4, Vida 19, Maria Miccoli 8, Policastro 6, Bianco 3, Cerigioni 2, Costanza Miccoli 2, Silli, Romano. All. Nevio Giuliani
VELCO VICENZA: Camazzola 2, Colombo 2, Martelliano 4, Caldaro, Caracciolo, Ferri 4, Pellegrino, Benko 14, Prospero 6, Zimerle 6. All. Michela Voltan.
ARBITRI: Andretta e De Biase di Udine.
NOTE Nessuna uscita per 5 falli. Tiri da 2: Sgt 16/39, Vicenza 14/45. Tiri da 3: Sgt 5/18, Vicenza 1/15. Tiri liberi: Sgt 12/23, Vicenza 7/13. Rimbalzi: Sgt 45, Vicenza 43. Valutazione di squadra: Sgt 70, Vicenza 21.

MERCEDE ALGHERO 48
QUERCIAMBIENTE INTERCLUB MUGGIA 79
(14-21, 30-45, 37-64)
MERCEDE ALGHERO: Zanardi 14, Caneo, Di Mauro 2, Boi, Giorgi 4, Azzellini 4, Petrova 24, Bardino 4, Gagliano 10, Farris 4. All. Barria
QUERCIAMBIENTE INTERCLUB MUGGIA: Meola, Borroni 22, Samantha Cergol n.e., Castelletto 2, Cumbat 9, Romagnoli 12, Fragiacomo, Capolicchio 21, Richter, Palliotto 13. All. Trani

Dopo una stagione intera, Muggia esorcizza completamente la bandiera sarda dei 4 Mori, togliendola dal pennone più alto di Alghero e sostituendola con i propri vessilli: la Querciambiente centra in pieno l'esordio di campionato, battendo la Mercede per 48-79 e regalandosi una vittoria in Sardegna che mancava da più di un anno. Una gara maiuscola per le ragazze di Trani, una sfida praticamente a senso unico e risolta già nel secondo quarto: l'Interclub ha dominato a rimbalzo e ha giocato splendidamente di squadra, uscendo alla distanza nel corso dei secondi venti minuti del match e allontanandosi definitivamente dalle avversarie con largo anticipo dalla sirena finale.
L'avvio di contesa è nel segno assoluto di Elena Capolicchio, capace di infilare a ripetizione azioni vincenti a canestri: Alghero non riesce a bloccare la play rivierasca, già a quota 15 punti in dieci minuti, Muggia corre sul +7 nel primo quarto (14-21). La Querciambiente controlla i ritmi, presenzia in maniera tangibile in pitturato col duo Romagnoli-Palliotto e va in doppia cifra di vantaggio con i primi punti della capitana Borroni (22-32): le sarde tentano di restare in scia con Gagliano e Zanardi, ma in realtà l'Interclub ha già in mano l'inerzia della sfida alla pausa lunga, con il 30-45 al 20' che già sembra delineare il solco tra le due compagini.
L'accelerata muggesana è furiosa nel terzo quarto: la Querciambiente innesta il turbo e tutto diventa facile per l'Interclub, che si ritrova a +20 (35-55) dominando il palcoscenico. Borroni diventa maggiormente incisiva a canestro, Meola, Castelletto e Fragiacomo danno minuti di qualità dalla panchina: il crescendo rossiniano di Muggia dura sino alla fine, con Alghero costretta alla resa. Sì, miglior partenza di stagione per la Querciambiente non poteva esserci.NOTE Nessuna uscita per 5 falli. Tiri da 2: Alghero 20/45, Muggia 29/55. Tiri da 3: Alghero 1/15, Muggia 3/10. Tiri liberi: Alghero 5/6, Muggia 12/16. Rimbalzi: Alghero 21, Muggia 52. Valutazione di squadra: Alghero 52, Muggia 106.
ARBITRI: Callea di Porto Torres (Sassari) e Gazzè di Lambrugo (Como).

Letto 609 volte Ultima modifica il Domenica, 13 Ottobre 2013 07:52

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli