Sabato, 16 Novembre 2013 23:30

Femminile, Sgt cade al supplementare. Interclub strapazza Valmadrera

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
SERIE A2 FEMMINILE NORD EST CONFERENCE, SESTO TURNO

SGT CALLIGARIS 77
DELSER UDINE 80
(dopo un supplementare)
SGT CALLIGARIS: Veronica Trimboli n.e., Rosellini 14, Zecchin, Stefania Trimboli 18, Vida 27, Maria Miccoli 5, Bianco, Cerigioni 5, Costanza Miccoli n.e., Romano 8. All. Giuliani
DELSER UDINE: Mancabelli 10, Pozzecco 22, Clemente 2, Rebane 4, Mio, Vicenzotti 9, De Gianni 16, Da Pozzo, Cortolezzis 2, De Biase 15. All. Sinone
ARBITRI: Canazza di Solesino (Padova) e D'Orazio di Vittorio Veneto (Treviso).
NOTE Quarti: 14-23, 35-32, 61-49, 72-72. Tiri da 2: Sgt 24/48, Udine 22/52. Tiri da 3: Sgt 7/20, Udine 8/19. Tiri liberi: Sgt 8/15, Udine 12/21. Rimbalzi: Sgt 54 (39 difensivi e 15 offensivi), Udine 35 (25 difensivi e 10 offensivi). Palle perse e recuperate: Sgt 24 e 13, Udine 11 e 24. Uscite per 5 falli: Maria Miccoli e Mancabelli. Valutazione di squadra: Sgt 84, Udine 75.

La Sgt (priva di Policastro e con Costanza Miccoli in panchina per onor di firma) si può mangiare le mani per aver sprecato il +12 alla fine del terzo quarto. E così Udine becca la Sgt e ha dalla sua lo scontro diretto.

QUERCIAMBIENTE INTERCLUB MUGGIA 63
SEA LOGISTIC VALMADRERA 36
(11-9, 26-16, 44-28)
QUERCIAMBIENTE INTERCLUB MUGGIA: Meola 5, Borroni 19, Cergol n.e., Castelletto 1, Cumbat 12, Romagnoli 8, Fragiacomo 2, Capolicchio 6, Palliotto 8, Rosin 2. All. Trani
SEA LOGISTIC VALMADRERA: Bussola 11, Capiaghi 5, Scudiero 5, Canova n.e., Molteni 3, Guebre, Lacquaniti, Gusmaroli 10, Vassena 2, Corneo. All. Frigerio
ARBITRI: Dori di Mirano (Venezia) e De Biase di Udine.
NOTE Tiri da 2: Muggia 19/41, Valmadrera 12/40. Tiri da 3: Muggia 4/13, Valmadrera 3/13. Tiri liberi: Muggia 13/19, Valmadrera 3/3. Rimbalzi: Muggia 47 (33 difensivi, 14 offensivi), Valmadrera 26 (21 difensivi, 5 offensivi). Palle perse e recuperate: Muggia 11 e 16, Valmadrera 14 e 13. Valutazione di squadra: Muggia 93, Valmadrera 31. Nessuna uscita per 5 falli.

La Querciambiente spazza via i sorci verdi: dopo due gare di fila senza vittorie, Muggia ritrova il sorriso e fa suo l’impegno di campionato contro Valmadrera. Finisce 63-36, risultato palindromo che fa riprendere colore alle rivierasche e riconsegna i due punti nelle mani della compagine di Mauro Trani, tornata a regime contro una formazione che ha sicuramente pagato a caro prezzo la panchina corta (Canova è scesa dal pullman per rimanere forzatamente in panchina per quaranta minuti, causa l’infortunio patito nel turno precedente). L’Interclub ha saputo interpretare bene il match, non soffrendo praticamente mai lungo l’arco della gara e staccando progressivamente le avversarie a cavallo tra secondo e terzo quarto, quando la buona verve rivierasca su ogni lato del campo (soprattutto grazie anche al buon lavoro fatto da tutto il roster muggesano) ha permesso alla compagine casalinga di chiudere anzitempo la sfida.
E’ Lara Cumbat a risultare inizialmente il miglior pistone del motore offensivo della Querciambiente: sono infatti i suoi punti a tenere Muggia avanti nel primo quarto, quando le percentuali globali dal campo sono poco più per mediocri. All’11-9 del 10′ si contrappone una seconda frazione sensibilmente più positiva per le padrone di casa, che allargano la forbice di vantaggio sino alla doppia cifra di metà gara: la palla comincia a entrare con più continuità, mentre una difesa granitica permette solo sette punti segnati a una Sea Logistic che si regge parzialmente in piedi con le realizzazioni di Capiaghi. La Querciambiente tracima nella ripresa, con Borroni che sistema la mano dopo qualche passaggio a vuoto nei primi venti minuti (34-20 al 24′) e con l’intera squadra a dimostrarsi sufficientemente oliata e fiduciosa sul parquet. E’ +16 alla penultima sirena, la gara va anticipatamente in ghiaccio per una Muggia che ha tanto anche dalla propria linea verde: Meola, Castelletto, Fragiacomo e anche Rosin (primi punti a referto del campionato per quest’ultima) rispondono “presente” alla chiamata del proprio coach, contribuendo a una vittoria che mantiene saldamente l’Interclub al quarto posto in classifica, a due sole lunghezze di ritardo dalla testa della graduatoria.

Letto 452 volte Ultima modifica il Domenica, 17 Novembre 2013 10:01

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli