Sabato, 23 Febbraio 2013 22:18

L'Interclub crolla nel finale ad Alghero

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Borroni in azione Borroni in azione
SERIE A2 FEMMINILE - 18° TURNO
SAN PAOLO ALGHERO 70
INTERCLUB MUGGIA 46
(10-13, 26-27, 45-37)


SAN PAOLO ALGHERO: Rosellini 17, Caneo 2, Bardino 3, Giorgi 6, Giari, Azzellini 9, Petrova 3, Chesta 18, Zanardi n.e., Farris 12. All. Cau
INTERCLUB MUGGIA: Meola, Borroni 15, Primossi 3, Cumbat 3, Cergol 5, Castagna, Ljubenovic 13, Palliotto 3, Moratto 4, Rosin. All. Jogan
ARBITRI: Coffetti di Sesto San Giovanni (Milano) e Balzarini di Milano.
NOTE Tiri da 2: Alghero 23/35, Muggia 12/37. Tiri da 3: Alghero 6/20, Muggia 3/17. Tiri liberi: Alghero 6/11, Muggia 13/18. Nessuna uscita per 5 falli.

Una caduta verticale inspiegabile nei secondi venti minuti, senza possibilità di appigli per non ruzzolare
giù nel punteggio: l'Interclub perde malamente in Sardegna, isola che in questa stagione ha portato solo
dolori di pancia e nient'altro nelle tre trasferte totali, e lo fa forse nel modo peggiore auspicabile. Alghero
si impone per 70-46 e Muggia ricalca una sorta di Dottor Jekyll e Mister Hyde, riuscendo prima a tenere
testa alle avversarie nella prima parte di gara, arenandosi poi completamente nella seconda: il San
Paolo riesce a tracimare così pian piano, segnando tutto il possibile, fuggendo via e non voltandosi più
indietro.
Come già detto, Muggia si comporta discretamente nei primi due quarti: il dominio a rimbalzo, di cui si
rende protagonista Ljubenovic, e la doppia cifra di marcatura da parte della capitana Borroni tiene avanti
l'Interclub nel primo parziale (10-13) e nel secondo, quando a metà gara le rivierasche mantengono un
punticino di vantaggio, 26-27, dopo essere state avanti anche di sette punti nel corso di tale frazione.
Alla ripresa delle ostilità, l'Interclub con buona probabilità dimentica di tornare in campo: Alghero piazza
una “box & one” su Borroni, cosa che se da una parte limita la potenza offensiva di quest'ultima, dall'altra
permette alle altre compagne di trovare spazi liberi per tentare il tiro. Ma il pallone decide incredibilmente
di non entrare quasi più per le muggesane, che perdono man mano tranquillità e lucidità sbagliando
anche comodi appoggi al tabellone; Alghero ha in Chesta e Rosellini i propri punti di forza e, dal +10 di
metà terzo quarto (45-35) tirano un'accellerata paurose. La difesa arcigna da parte delle padrone di
casa, spesso “perdonata” da parte del duo arbitrale, fa il resto del lavoro: Muggia cade definitivamente
nell'oblìo nell'ultimo quarto, non riprendendosi più e schierando totalmente le Under19 negli ultimi istanti
dell'incontro, quando i giochi ormai sono ben che chiusi.

Letto 440 volte Ultima modifica il Domenica, 24 Febbraio 2013 10:57

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli