Venerdì, 16 Febbraio 2018 23:36

Serie B femminile, neanche la Sgt riesce a fermare l'Interclub

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Diociettesima vittoria di fila per l'Interclub, ne fa le spese nel derby la Sgt. Successo dell'Oma contro Monfalcone.

Così nel turno infrasettimanale la serie B femminile.

 

Interclub Borgo di Porto San Rocco Muggia - Omnia Costruzioni Sgt 60-39 (18-12;37-22;48-31)
Interclub Borgo di Porto San Rocco Muggia: Cumbat 10, Ianezic 10, Vida 6, Silli 9, Battistel 10, Mervich 5, Bianchini, Dimitrijevic 2, Fumis, Miccoli 6, Robba 2, Mezgec. All.: Mura
Omnia Costruzioni Sgt: Zacchigna, Prodan 5, Vesnaver 6, Zagni, Valeri 6, Puzzer, Città 2, Rosin 15, Tonsa 2, Nardella, Castellan 3, Gelletti. All.: Longhin

Il turno infrasettimanale porta in dote all'Interclub il diciottesimo successo consecutivo (superato il record di vittorie della passata stagione), al PalAquilinia le rivierasche si impongono per 60-39 in un derby avaro di emozioni dove la formazione di casa ha avuto quasi sempre (ad esclusione dei primi 5') il controllo della gara ottenendo una vittoria che le consente di mantenere la vetta solitaria della classifica con le dirette inseguitrici Bolzano e Ponzano distanti rispettivamente 2 e 4 punti.
La cronaca: dopo la tripla di Vida (3-0) ad aprire la contesa Muggia subisce un break di 7-0 (3-7) nell'arco di 3' con la Sgt che prova a tessere l'allungo cercando sia conclusioni dalla distanza che facendo propri un paio di rimbalzi offensivi, la reazione delle rivierasche non si fa però attendere, Cumbat sigla il canestro del sorpasso (11-10) all'8', l'inerzia a questo punto passa nelle mani della formazione di coach Mura che a cavallo tra la fine del primo quarto e l'inizio del secondo mette un parziale di 13-2 utile a incrementare il divario sull'avversaria grazie ad una discreta pressione offensiva dettata dal duo Ianezic-Miccoli, all'intervallo Muggia conduce di 14 lunghezze (37-22).
La ripresa in pratica è un monologo a tinte rivierasche ed è rappresentato dal massimo vantaggio (+25) siglato da Battistel al 34' (58-33), la musica di fatto non cambia nelle battute finali dell'incontro con l'Interclub ad aggiudicarsi meritatamente il derby (60-39) ai danni di una Sgt che ben poco ha potuto fare dinanzi all'attuale capolista del torneo decisa ad incrementare il proprio bottino di vittorie.
“La gara odierna poteva rivelarsi insidiosa -spiega coach Mura- ma a parte i primi 5' l'abbiamo sempre tenuta in mano, una nota di merito la vorrei rivolgere nei confronti di Battistel che reduce da 2 partite non esaltanti oggi ha sfoderato una prova sicuramente positiva.
Ora la concentrazione si pone tutta sulla trasferta di sabato a Padova dove troveremo una squadra pericolosa soprattutto in attacco, da parte nostra affronteremo il match cercando di chiudere al meglio questa intensa settimana”.

 

Emt Oma – Abf Monfalcone 61:45 (13:17; 23:34; 47:39)
OMA: Milic 21, Castelletto 14, Samez 5, Sacchi 2, Abrami, Tiberio 2, Filippas 5, C. Manin 1, A. Policastro 9, Volpe 2, Sodomaco, Cattaruzza. All: Jogan
Tiri liberi: 17/28
ABF: Pesetti 9, Toniutti 9, Lavaroni 7, Rosati, Bric 9, Quaragnal 6, Zentilin 3, Poletto 2. All.re: Poletto
ARBITRI: Schiano e Lunardelli

Lo si sapeva già alla vigilia che i derby con Monfalcone non sono mai partite "normali ", ma "incontri-scontri" in cui la ruvidità agonistica (per usare un eufemismo) la fa da padrona. Ed in effetti il derby di ieri sera ad Altura, sotto questo profilo, non ha tradito le attese. Da una parte la tecnica e l'intensità delle ragazze di Jogan, dall' altra la grinta, al limite del regolamento, delle biancocelesti di Poletto, di cui la grande carica agonistica non è sempre supportata dalle parallele doti tecniche. In mezzo un pubblico ospite che anche a Trieste non ha fatto mancare un tocco di grezza partigianeria che francamente è sembrato fuori luogo anche alle stesse atlete di Monfalcone che alla fine della partita si sono scusate con lo staff dell’Oma per il brutto spettacolo offerto sulle tribune e da alcuni protagonisti sul campo.

Ma veniamo alla cronaca della partita. Nel quintetto iniziale Jogan schiera un po’ a sorpresa la giovane Volpe accanto alle solite Sacchi, Milic, Policastro e Castelletto. Micro parziale di 5:0 per le salesiane subito rintuzzato sul 5 pari dalle monfalconesi. Segue una fase di grande equilibrio con le locali che non riescono a fermare la grande fisicità delle ospiti che vanno più volte a segno con Pesetti, Lavaroni e Bric. Seppur all’inizio del secondo quarto la difesa viene finalmente registrata, in attacco le salesiane continuano a sbagliano tante facili conclusioni. Dopo un time out le padrone di casa entrano in campo più decise e, sospinte dai canestri di Castelletto, Policastro e Samez, piazzano un parziale di 19:2 che mette sostanzialmente ko le volenterose monfalconesi (che nel frattempo perdevano per infortunio Rosati). Si va così al riposo lungo sul 34:23 per l' Emt Oma con coach Poletto infuriato con le proprie giocatrici.

Nel terzo quarto il match si incattivisce: Poletto inizia il suo personale confronto con gli arbitri, i quali gli fischiano in successione due falli tecnici con conseguente espulsione. Ancora prima di lui ha dovuto anticipatamente lasciare il campo la nervosissima Bric per somma di fallo tecnico e fallo antisportivo. Nonostante questi due spiacevoli episodi, alla fine del terzo quarto le monfalconesi hanno un ultimo sussulto approfittando della difesa molle delle padrone di casa, ma il tutto si rivela un fuoco di paglia. Rimaste senza la guida tecnica e frastornate dalle urla dei propri sostenitori, le ospiti nell’ultimo quarto lasciano via libera a Milic (21 punti e 8 rimbalzi per lei) e compagne che riportano senza grosse difficoltà il vantaggio in doppia cifra mantenendolo fino alla fine della partita.

Partita nel complesso non bella e rovinata dai fatti sopra descritti. Da salvare per l’Emt logicamente il risultato, il buon minutaggio delle Under Tiberio, Sodomaco e Volpe e il fatto che nessuna delle giocatrici in maglia gialloblù non abbia reagito agli insulti provenienti dalle tribune.

Sabato sera si va a Riva del Garda ed in caso di vittoria si riaprirebbe completamente la corsa per il quarto posto, l'ultimo utile per i play -off. All’andata contro Rivana le salesiane furono protagoniste di una delle migliori partite del campionato: dovessero ripetersi in trasferta ne vedremo proprio delle belle da qui a fine campionato!

Letto 315 volte

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli