Lunedì, 20 Giugno 2011 19:19

Breg, sfuma il sogno della promozione

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

ALBA - BREG 80-70

(28-19, 46-38, 66-59)


BREG: Schillani 3, Bozic 7, Grimaldi, Ferfoglia 4, Samec 8, Giacomi 12, Moschini 10, Richter 17, Norbedo, Visciano 9. Coach Krasovec.
Il Breg non ce l'ha fatta: nella terza e decisiva partita dei play-off di serie C2 ha perso a Cormons contro l'Alba in un incontro tiratissimo e in una cornice di pubblico eccezionale con piu' di 100 tifosi giunti da Dolina per sostenere la propria squadra. Inizio partita in salita per i ragazzi del coach Krasovec, che dopo 4 minuti si trovano sotto di 8 punti (11-3) e con Samec gravato di 3 falli. Nel primo quarto soltanto Richter trova la via del canestro, mentre Giacomi, ottimo in garadue con ben 30 punti segnati, stenta a ingranare. Nel secondo quarto il Breg, con una difesa piu' accorta (a zona), riduce lo svantaggio a 5 punti, ma la squadra di casa reagisce subito e al 9' conduce di ben 12 punti (44-32). I primi minuti del terzo quarto sono il periodo migliore del Breg, che da meno 11 riduce tutto lo svantaggio e per la prima volta (e anche l'ultima) passa in vantaggio di un punto (53-52). Ma la squadra di casa reagisce, sfrutta alcuni errori in difesa e in attacco del Breg e chiude questa frazione avanti di 7 punti (66-59). Un vantaggio che l'Alba mantiene abbastanza agevolmente nell'ultimo quarto, aumentandolo a 10 punti con il quale chiude questa appassionante sfida.

Questo il commento in casa Breg.

La partita che decide un' intera stagione si gioca a Cormons e la vincente accederà di diritto al campionato di serie C dilettanti. La squadra di casa, l'Alba parte leggermente favorita su quella ospite, quel Breg che l'ha costretta alla "bella" e che c'è da giurare non mollerà facilmente supportata dai numerosi fedelissimi che l'hanno seguita.
Siamo alla palla a due, sulle tribune si accende rumorosisima la sfida fra le due tifoserie e coach Cittadini inizia con Drius, Moretti, Muz, Biasizzo e Raccaro ed è evidente da subito che cercherà di sfruttare i centimetri e l'esperienza dei suoi lunghi. Dall'altra parte, coach Krasovec modifica per l'ennesima volta il suo starting five schierando Giacomi, Richter, Ferfoglia, Grimaldi e Samec. Pronti via, e L'Alba schizza avanti 13 a 3 trovando subito pronti Muz e Moretti. Per il Breg non è un buon inizio, e gli unici tre punti dei primi minuti vengono da Richter. Krasovec è costretto a chiamare timeout per interrompere il buon inizio dei padroni di casa, la mossa frutta subito quattro punti di fila del suo centro Samec che riporta sotto i suoi. Ma l'Alba, dopo una breve pausa, riprende a  macinare gioco e punti con Biasizzo e Franz che realizza due triple consecutive. Dall'altra parte il giovane Moschioni si fa notare realizzando sette punti di pregevole fattura interrotti da una tripla di Giacomi che fissa il punteggio sul 28 a 19 per i padroni di casa.
Il secondo quarto si apre con una tripla di Cucut che regala all'Alba una dei suoi massimi vantaggi. Krasovec cerca di spezzare il ritmo agli avversari ed ordina ai suoi il suo marchio di fabbrica: la zona 3-2 che gli permette di rifarsi sotto sul 34 a 28 ma il suo centro Samec commette il terzo fallo ed è costretto a sostituirlo. Siamo al 17 minuto, il tabellone segna 38 a 31 e Bosic sbaglia una tripla, invece di rientrare, resta a discutere con gli arbitri su un ipotetico fallo subito permettendo a Moretti di realizzare in solitaria dall'altra parte del campo. A 1 minuto dall'intervallo lungo, si assiste all'azione più bella della gara ed è il Breg a metterla in scena: palla in angolo, tre passaggi a cambiare lato e Moschioni, con un assist al bacio, pesca Giacomi solo soletto sotto il canestro avversario. Il secondo quarto si chiude sul 46 a 38 per l'Alba, punteggio insolitamente alto per una partita con una posta così importante.
Inizia il terzo quarto e Muz, con un canestro più libero realizzato, porta i suoi sul +11, ma qui si scatena il Breg che, nel suo momento migliore, con tre triple di Richter e i canestri di Ferfoglia e Visciano, agguanta e supera i padroni di casa per la prima e unica volta sul 53 a 52. Ma quando ha in mano l'inerzia della partita, sul più bello, il Breg si blocca. Prima sbaglia tre attacchi di fila, poi a Samec viene fischiato il quarto fallo con un antisportivo in attacco. Così facendo, il Breg permette ai padroni di casa di chiudere il terzo quarto in vantaggio sul 66 a 59.
Gli ultimi dieci minuti sono avari di canestri ma non di emozioni, si segna con il contagocce da ambo le parti, le mani cominciano a tremare a molti giocatori in campo. A tre minuti e mezzo alla fine il tabellone indica 69 a 61 per l'Alba ed il Breg tenta il tutto per tutto: tiri  rapidi dalla lunga distanza, che però non vanno a buon fine, e fallo sistematico sugli attaccanti isontini. Come accade spesso, invece di recuperare, il divario si amplifica e così l'Alba a un minuto dalla fine può iniziare a festeggiare. Il risultato finale dice 80 a 70 per l'Alba che si guadagna meritatamente l'accesso alla categoria superiore, cosa che non le era riuscita per un soffio l'anno scorso perdendo in finale con Latisana.
Al Breg vanno i complimenti per un campionato sicuramente sopra le righe e che ha visto la squadra di Dolina raggiungere la finale appena al suo secondo campionato di C regionale.
Letto 539 volte Ultima modifica il Mercoledì, 22 Giugno 2011 13:34

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli