Sabato, 14 Gennaio 2012 22:21

Dnc: Jadran vince d'un soffio. Sconfitta la Lussetti

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Matteo Marusic dello Jadran. Foto Lako Matteo Marusic dello Jadran. Foto Lako
Sabato di gare per la Dnc. Una vittoria e una sconfitta per le triestine.


DNC (17° TURNO - 2° DI RITORNO)

 

JADRAN QUBIK CAFFE' TRIESTE 67
TREVISAN CONF. LATISANA 66
JADRAN QUBIK CAFFE' TRIESTE: Slavec 2, Ban 20, P. Franco 6, Spigaglia 8, D. Batich 16, Daneu n.e., Malalan 8, Marusic 7, Bernetic n.e., M. Batich. Coach Vatovec
TREVISAN CONF. LATISANA: Deana 14, Moretti 14, M. Franco 5, Macaro 13, Castaldo 2, Moretuzzo 4, De Simon 14, De Candido n.e., Martielli, Franzon n.e. Coach Bosini
ARBITRI: Dori di Mirano (Venezia) e Donà di Venezia.
NOTE Quarti: 20-16, 39-42, 52-51. Tiri da 2: Jadran 16/29, Latisana 20/52. Tiri da 3: Jadran 5/13, Latisana 4/14. Tiri liberi: Jadran 20/25, Latisana 14/21. Uscito per 5 falli: Moretuzzo. Rimbalzi: Jadran 35 (29 difensivi, 6 offensivi), Latisana 35 (20 difensivi, 15 offensivi). Palle perse e recuperate: Jadran 16 e 15, Latisana 14 e 16.

Latisana si può mangiare le mani per l'esito della visita allo Jadran, restandone a mani vuote per un soffio. Partita combattuta e incerta fino alla fine. I padroni di casa confermano di non aver ancora ritrovato il passo migliore del pre-feste visto che sono reduci anche dalla sconfitta nel derby con la Servolana Ofm Lussetti. I friulani di coach Bosini, dal canto loro, disputano una gara accorta e si giocano le loro carte al cospetto di un team in ogni caso ben dotato sul piano tecnico. A fare la differenza è la maggior precisione al tiro come testimoniano al meglio le statistiche (quelle ai liberi sono la prima testimonianza).


RUCKER BASKET SAN VENDEMIANO 87
SERVOLANA OFM LUSSETTI TRIESTE 76

RUCKER BASKET SAN VENDEMIANO: Pavan 9, Pagotto 9, Modolo 4, Carpi 14, Lena 12, Simoni, Brugnera 26, Cancian n.e., Gherardini 11, Campo 2. Coach Torazza
SERVOLANA OFM LUSSETTI TRIESTE: Dagnello 19, Cacciatori 5, Bocchini 13, Pozzecco 14, Godina 16, Cuperlo 2, Palombita n.e., Totis, Giannotta 6, Furlani 1. Coach Trani
ARBITRI: Bergamin di Noale (Venezia) e Brocca di Venezia.
NOTE Quarti: 30-30, 48-43, 65-56. Tiri da 2: San Vendemiano 20/30, Servolana 22/37. Tiri da 3: San Vendemiano 12/27, Servolana 5/19. Tiri liberi: San Vendemiano 11/12, Servolana 17/25. Usciti per 5 falli: Simoni e Brugnera. Rimbalzi: San Vendemiano 27 (22 difensivi e 5 offensivi), Servolana 28 (19 difensivi e 9 offensivi). Palle perse e recuperate: San Vendemiano 19 e 17, Servolana 17/19.

Si ferma a San Vendemiano, casa della Rucker, la corsa della Lussetti Servolana che subisce la quinta sconfitta e si
allontana dalla capolista Jadran, vittoriosa contro Latisana.
Parte bene la Servolana che piazza subito un break a favore sul 4-12 ma in una manciata di minuti i padroni di casa
prendono le misure e, con un contro break 10-0, ribaltano subito la situazione del match. Le difese sono impacciate da
entrambe le parti, infatti, vengono esaltati gli attacchi che nella maggior parte delle occasioni vanno a segno. A
testimonianza del fatto, l’alto punteggio alla fine della prima frazione, 30-30.
Nel secondo quarto si gioca colpo su colpo fino a due minuti dal termine dove la Lussetti subisce maggiormente
l’iniziativa della Rucker che, con un parziale di 7-1, si porta alla pausa grande con cinque lunghezze di vantaggio (48-43
al 20’).
Dopo il riposo, l’inerzia del match sembra restare in casa dei veneti che, col passare del minuti aumentano il gap tra le
due squadre, sfruttando al meglio le disattenzioni difensive dei triestini e la loro vena realizzativa negativa dall’arco dei tre
punti, chiudendo così il terzo periodo con nove punti di scarto a favore (65-56 al 30’).
Coach Trani tenta il tutto per tutto alzando la difesa ma la panchina corta si fa sentire (Crevatin infortunato e Palombita
presente solo ad onor di firma) ed i minuti passano inesorabili. La Servolana scivola fino a -14 dopo i primi due minuti del
quarto ma, grazie ad una pressione difensiva maggiore, rientrano in scia e, sfruttando al meglio le giocate di Pozzecco, si
riporta a sole cinque lunghezze a meno di cinque minuti dal termine (72-67 al 35’). San Vendemiano non ci sta e grazie
ad i canestri di Brugnera e Lena, si riallonta in un men che non si dica, chiudendo di fatto il match a poco più di due
minuti dalla fine sul +11 (80-69 al 38’). Uno scarto che la squadra veneta manterrà fino alla fine.
Una sconfitta che non fa male a Capitan Giannotta e compagni che già nel prossimo turno potranno rifarsi tra le proprie
mura contro la formazione di Montebelluna nella speranza di recuperare anche gli infortunati.
Prossimo turno, sabato 21 gennaio alle ore 20.30 alla Palestra Don Milani, in via Alpi Giulie 29, contro la DBG
Montebelluna.

Letto 789 volte Ultima modifica il Domenica, 15 Gennaio 2012 13:19

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli