Domenica, 24 Marzo 2013 20:15

Dnc, la Servolana sfiora il colpaccio contro Pordenone

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Una vittoria e una sconfitta per le triestine.

COE ELETTRONICA ODERZO 71
JADRAN FRANCO ROBERT TRIESTE 74
(18-24, 34-44, 47-60)
COE ELETTRONICA ODERZO: Casonato 12, Menegon 15, Braidot 16, Sottana 9, Vettori 5, Zaupa 2, Cescon 1, Dal Magro 4, Tridente, Da Dalt 7. Coach Padovan
JADRAN FRANCO ROBERT TRIESTE: Slavec 10, Ban 25, Franco 8, De Petris 9, D. Batich 12, M. Batich 6, Skerl n.e., Malalan, Marusic 4, Ridolfi n.e. Coach Mura
ARBITRI: Giulia Sartori di Venezia e Fior di Noale (Venezia).
NOTE Tiri da 2: Oderzo 24/38, Jadran 21/32. Tiri da 3: Oderzo 5/24, Jadran 8/24. Tiri liberi: Oderzo 8/12, Jadran 8/15. Rimbalzi: Oderzo 24, Jadran 31. Valutazione di squadra: Oderzo 78, Jadran 66. Uscito per 5 falli: Malalan.

Lo Jadran Franco Robert sbanca Oderzo in occasione del ventiduesimo turno del girone C di Dnc e rintuzza gli attacchi di Montebelluna alla terza piazza, ancora in mano ai triestini (due i punti di distacco, mentre sono quattro quelli accusati dai giuliani dal duo di testa Pordenone-Apu Udine). "Il nostro quarto quarto è stato una catastrofe - commenta il direttore sportivo del club triestino, Sandi Rauber - ma alla fine abbiamo vinto meritatamente". Gli ospiti si sono ritrovati avanti di venti (60-40) sul 27', ma un parziale di 7-0 piazzato dai veneti nel finale del terzo periodo di gioco ha ridato fiducia ai padroni di casa. "E' stato un momento un po' così e ci sono state alcune decisioni arbitrali imprecise - conclude il diesse Rauber - e così Oderzo si è rifatto sotto, ma è giusto il nostro successo perchè siamo stati sempre avanti nei primi tre quarti". Gli sconfitti sono arrivati fino al 71-71 e poi è stata decisiva una tripla di Peter Franco, che ha sancito l'affermazione dei plavi. "Ce la siamo sudata fino alla fine - aggiunge dal canto suo l'allenatore vincitore Andrea Mura - per quanto siamo stati avanti più noi". Oderzo ha incontrato difficoltà nel difendere nello scorcio iniziale della sfida, ma ha confermato di avere potenzialmente punti nelle mani di molti giocatori. Lo Jadran ci ha messo aggressività dietro per limitare le bocche da fuoco avversarie per venticinque/trenta minuti e ha trovato buoni tiri in attacco, anche dall'arco. I locali hanno cercato di riaprire i conti con la difesa a zona, "aperta" da Slavec. "Poi qualche nostro tiro impreciso di troppo, alcune palle perse e l'orgoglio dell'Oderzo hanno riaperto la gara - conclude coach Mura - fino al pari a uno dalla fine. Abbiamo mantenuto i nervi d'acciaio e serrato la difesa e ci è andata bene. Temevo molto le qualità di Oderzo ed è stato così. Montebelluna continua a correre, ma il dover vincere a tutti i costi è un bello stimolo e serve a mantenere alta la tensione in vista dei play-off. Ora abbiamo due settimane per preparare al meglio la sfida con l'ostico Padova e intanto posso dire di essere molto soddisfatto di quest'ultima vittoria".

 

-------------------------------------------------------------------------------------

 

Vittoria al fotofinish per una Friuladria sottotono al termine di un’incontro giocato punto a punto contro una Servolana che, al contrario, ha disputato un’ottima partita e che a poco più di dieci secondi dal termine sotto di due ha avuto la possibilità di giocare l’ultimo attacco. Attacco che i pordenonesi sono stati bravi a contrastare, impedendo ai triestini di andare al tiro. Da segnalare nelle fila dei padroni di casa l’ottima prova di Cerniz con 33 punti, Godina e Totis, mentre nei pordenonesi grande prestazione di Buscaino con 30 punti e di Infanti con 18. "Se restiamo concentrati e siamo continui, ce la possiamo giocare con tutti - afferma il veterano triestino Matteo Zanini - La prova della squadra è stata molto buona, peccato per un contatto ritenuto falloso ai danni di Buscaino nel finale....secondo noi non c'era irregolarità".

Il tabellino.

O.F.M. Lussetti Servolana vs Friuladria Pienne Pordenone 85-87 (25-23 / 49-45 / 69-69)
Servolana: Cerniz 34, Pobega 2, Maccoratti, Moschioni 3, Sculin 4, Totis 17, Lasorte 2, Crevatin 5, Godina 18, Zanini ne
Pordenone: Laezza 10, Muner 2, Ughi 7, Galli 3, Colamarino 9, Buscaino 30, Bonoli 6, Moro 2, Infanti 18, Bovolenta ne

Letto 579 volte Ultima modifica il Domenica, 24 Marzo 2013 22:21

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli