Domenica, 28 Aprile 2013 19:57

Dnc, lo Jadran strapazza Caorle

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Senza storia la gara dello Jadran.

JADRAN FRANCO ROBERT TRIESTE 100
EUROMOBIL CUCINE BASKET VENETO ORIENTALE CAORLE 59

(26-13, 22-20, 29-7, 23-19)
JADRAN FRANCO ROBERT TRIESTE: De Petris 14, Slavec 14, Daniel Batich 22, Ban 23, Malalan 5, Marusic 6, Franco, Matija Batich 10, Spigaglia 4, Zerjal 2. Coach Mura
EUROMOBIL BASKET VENETO ORIENTALE CAORLE: Bravin 10, Zanatta 7, Gaiatto 9, Rubin 11, Dal Molin 3, Marcon 7, Cais 4, Vian 4, Tamassia 4, Gattesco n.e. Coach Ostan
ARBITRI: Perabò di Martignacco e Spessot di Gradisca d'Isonzo.

Ultima partita della regular season in scioltezza per lo Jadran Franco Robert, che ha superato - al PalaCova di Opicina - un avversario incapace di contrastare in modo efficace i carsolini. I padroni di casa, tra le cui fila merita una menzione la prova di De Petris, sono sempre stati in vantaggio, mantenendo costantemente un certo margine. Margine reso possibile pure dalla mano calda dei soliti Daniel Batich e Ban. Un buon viatico, insomma, in vista dei play-off, che vedrà i triestini iniziare la loro serie domenica prossima. Fra sei giorni i giuliani ospiteranno alle 18 la Virtus Broetto Padova e avranno il vantaggio della bella in casa. "E' andata bene anche questa e sono contento della prestazione di tutta la squadra - commenta il coach dello Jadran, Andrea Mura - E sono soddisfatto di tutta la stagione, in cui abbiamo mantenuto alta la concentrazione. Quest'ultima gara è stata una prova generale in vista dei play-off, in cui abbiamo ribadito di non avere cali di forma. E personalmente sono già rivolto al match di domenica perchè voglio studiare bene l'incontro". Lo stesso tecnico dei plavi aggiunge: "Nelle ultime otto giornate abbiamo perso in casa solamente - proprio - con la Virtus Padova, che tra l'altro aveva eliminato lo Jadran al primo turno dei play-off due anni fa. Perciò abbiamo dei sassolini da toglierci dalla scarpa. Abbiamo la consapevolezza di aver meritato il terzo posto e vogliamo perciò passare il turno anche per riscattare le sconfitte accusate con i nostri prossimi avversari. Poi tutto quello che arriverà, sarà guadagnato. Dobbiamo, però, pensare intanto al primo scalino con attenzione perchè i padovani sono dei vecchi marpioni e vanno affrontati con la velocità e lo spirito giusti". Il direttore sportivo dello Jadran, Sandi Rauber, afferma dal canto suo: "Pordenone e Udine hanno dato vita ad una bella battaglia per il primo posto e noi abbiamo fatto un bel duello con Montebelluna per il terzo. Ci sono poi altre squadre con determinate qualità nei lotto delle prime otto, perciò speriamo di riuscire a far bene in questo momento decisivo dell'annata".

Letto 519 volte

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli