Domenica, 05 Maggio 2013 21:08

Dnc play-off, Jadran battuto in casa da Padova

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

DNC PLAY.OFF

JADRAN FRANCO ROBERT TRIESTE 65
VIRTUS BASKET BROETTO PADOVA 75
(21-24, 16-11, 12-12, 16-28)
JADRAN FRANCO ROBERT TRIESTE: Daniel Batich 15, Ban 22, Franco 9, Malalan 4, Spigaglia 3, Slavec, Marusic 7, De Petris 5, Matija Batich, Ridolfi n.e. Coach Mura
VIRTUS BASKET BROETTO PADOVA: Schiavon 16, Busca 19, Mancini 11, Salvato 3, Visentin 8, Andreaus 6, Pressanto 2, Babetto 1, Di Fonzo 9, Roin. Coach Friso
ARBITRI: Nuara di Rezzato (Brescia) e Di Franco di Siziano (Pavia).

La Virtus Broetto Padova ha dato scacco matto allo Jadran Franco Robert con la sua zona nella prima partita del primo turno dei play-off di Dnc C e porta la serie sull'1-0 in suo favore. I vincitori sono partiti su buoni ritmi e hanno avuto buone percentuali al tiro, che i triestini sono riusciti a sporcare nel corso del secondo round. I triestini sono riusciti ad aumentare l'intensità della difesa a cavallo tra seconda e terza frazione, dando l'impressione di portare l'inerzia dal loro lato. Fino ad arrivare sul 49-29. Poi i patavini si sono schierati a zona e i plavi sono andati in black-out. Hanno puntato sui tiri da fuori, ma i veneti coprivano bene gli spazi con la loro fisicità oltre a poter contare sulla mano poco calda dei giuliani al tiro. E così hanno capitalizzato le azioni in contropiede. Franco ha infilato due bombe a tre minuti dalla fine, ma non è bastato ai padroni di casa, che si sono incaponiti in qualche scelta personale di troppo. Tanto che la partita si è chiusa ben prima della sirena finale. "Sono deluso, ma sapevamo, che sarebbe stata una gara difficile e non mi sorprende la vittoria padovana - commenta l'allenatore triestino Andrea Mura - Dobbiamo fare mente locale sulle situazioni createsi per mettere a posto un paio di cose e puntare così alla vittoria nella seconda partita. Ci crediamo e sappiamo di potercela fare perchè a Padova abbiamo già vinto. I nostri avversari hanno dimostrato di essere stanchi e li abbiamo fatti rientrare, andando in tilt quando sono passati a zona. Per ventotto minuti abbiamo fatto bene e li abbiamo messi in difficoltà". E il direttore sportivo carsolino Sandi Rauber aggiunge: "Diversi ragazzi erano sottotono e dovremo studiare le giuste soluzioni tecniche per scuotere la squadra. Padova è una buona squadra e se hanno concluso il campionato così così è perchè avevano fuori dei giocatori importanti come Busca e Basetti. Non dobbiamo puntare sulle azioni uno contro cinque...Le qualità per far bene ci sono anche a livello individuale, ma dobbiamo saper giocare di squadra". Mercoledì alle 20.30 ci sarà la seconda sfida al PalaLazzari di Padova.

Letto 397 volte

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli