Giovedì, 01 Gennaio 2015 11:28

Eppinger Don Bosco, coach Daris: "Puntiamo ai play-off"

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Durante la pausa invernale l'Eppinger Don Bosco Trieste ha continuato ad effettuare qualche “sgambata”
per digerire panettoni, spumanti e tutti i residui delle festività. La squadra ha terminato l'anno con un buon quarto posto, alle spalle delle corazzate Tarcento, Codroipo e Breg: dopo una stagione conclusasi con la salvezza ai playout, il gruppo di coach Luca Daris si è consolidato nella realtà del campionato di Serie C Regionale Fvg. E spetta proprio all'head coach dei salesiani la chiusura annuale: “considerato il risultato dell'anno scorso e con la consapevolezza che anche in questa stagione la Serie C2 è un campionato impegnativo, posso dire di essere molto soddisfatto dei risultati raggiunti finora, pur con delle piccole zone d'ombra. Abbiamo infatti incassato alcune sconfitte inopinate, poi compensate da vittorie come quella a tavolino contro il Breg o altre affermazioni contro team più blasonati del nostro: complessivamente il bilancio è positivo, con una menzione alla continuità di rendimento di Andrea Schina ed ai giovani che hanno dimostrato di poter tenere il campo e far fede alle attese. Direi che la squadra ha trovato i suoi equilibri interni”. Nel futuro, però, ci sono ancora cose da migliorare: “sicuramente, per il prosieguo del campionato, dovremo fare più attenzione in difesa specialmente dopo il tiro degli avversari. Abbiamo infatti gravi difficoltà a rimbalzo, ci distraiamo troppo e questo non va bene; in più, direi che dovremo imparare a controllare meglio il match quando siamo in vantaggio. A parte le partite con Latisana e Tarcento, negli altri confronti siamo stati spesso avanti ma non abbiamo sempre dato il colpo di grazia”. Fiducia nei prossimi impegni, ma anche al mercato: “speriamo di poter aggiungere un tassello al nostro puzzle. Da tanti mesi se ne sente parlare, ma alla fine a gennaio potrebbe arrivare Jean Claude Guinard, ala forte francese di 196 centimetri classe 1978. Ha fatto le giovanili fra Limoges e Villeurbanne ed ha un passato illustre nelle nazionali giovanili transalpine: potrebbe essere un bel colpo, ma intanto guardiamo a quello che abbiamo in casa”. Chiosa per gli obiettivi della stagione: “Direi che, a questo punto, abbiamo il dovere morale di puntare ai playoff, cosa che però non sarà assolutamente semplice dal momento che ci sono dieci formazioni in lizza, per cui due rimarranno fuori. Gennaio, per noi, sarà un mese decisivo con i confronti duri contro Codroipo, Fogliano, Breg e Servolana”.
Letto 589 volte

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli