Domenica, 31 Maggio 2015 13:26

Don Bosco, poche parole e tanti fatti: il saluto degli atleti olimpici e azzurri

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Andrea Coronica Andrea Coronica
Un grande abbraccio: è questa la sensazione data dall’incontro di venerdì 29 maggio 2015 presso la sala del CONI
che ospita la mostra fotografica “Luca Vascotto”, allo Stadio Rocco. Un abbraccio e una stretta di mano che gli Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia - Sezione Provinciale di Trieste hanno voluto dare ad una società storica per il basket, com’è il Don Bosco Trieste.
Ospitati dalla Presidente Marcella Skabar Bartoli, i salesiani sono stati accolti in una cornice che ha visto presenziare nome altisonanti quali i rappresentanti della Pallacanestro Trieste Andrea Coronica, Francesco Candussi e Sergio Dalla Costa, l’ex arbitro internazionale Guerrino Cerebuch, ma anche Bruno Rocco (figlio di Nereo), Matteo Bartoli, Bruno Cavazzon e molti altri ancora, in un pomeriggio che ha visto gli Azzurri d’Italia intervenire a sostegno del Don Bosco con il Fondo di Solidarietà, che darà una mano ad un club che nell’ultima stagione ha ancora una volta mostrato grande attivismo nel settore giovanile e buona stabilità nella prima squadra.
Questo il benvenuto della presidentessa Marcella Skabar Bartoli: “Sono felice di vedere così tante persone e soprattutto molti giovani. Oggi ospitiamo il Don Bosco, una grande società che fin dal 1948 sta portando successi a questo territorio, avendo anche mandato diversi atleti a vestire la casacca della Nazionale; proprio per questo, i salesiani si meritano un riconoscimento dalle istituzioni. Un qualcosa che speriamo sia un segnale anche per altre realtà, che possano dare una mano al Don Bosco”.
E’ intervenuto anche il neo capitano della Pallacanestro Trieste, Andrea Coronica, che ha pure svelato un simpatico aneddoto: “ringrazio per l’invito e mi fa piacere partecipare a quest’incontro per il Don Bosco, società con cui ho conquistato una promozione dalla Serie D alla Serie C2, insieme ad un altro giocatore che certamente conoscerete come Alessandro Scutiero”.
Il presidente del Don Bosco, Massimo Sossi, ha sottolineato come “il Don Bosco sia una società che, per tradizione, parla poco e lavora molto. Ringraziamo gli Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia per lo sforzo di solidarietà che fanno per noi e, per questo gesto, saranno per sempre amici del Don Bosco; noi, di solito, non siamo abituati ad avere grossi rapporti con le istituzioni
e cerchiamo di fare tutto in autonomia, come ad esempio il Torneo della Griglia che ci permette di avere qualche sostentamento
per l’attività, dove giocatori, allenatori e dirigenti si mettono dietro al bancone in maniera volontaria. I principi sani sono
quelli che vogliamo trasmettere e che crediamo siano fortemente radicati in noi; colgo l’occasione per ringraziare ancora una
volta Marcella Skabar, che ci ha invitato quest’oggi”.
Non poteva mancare il coach della prima squadra, Luca Daris: “ringraziamo ovviamente gli Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia per l’ospitalità all’interno di questa sala, nella quale è collocata la Mostra Fotografica - Videoteca “Luca Vascotto”. Una raccolta di immagini e ricordi davvero importante e per questo voglio fare un invito ai nostri ragazzi qui presenti; fate un giro, guardate nelle bacheche e troverete anche due giocatori di pallacanestro come Stefano Attruia e Andrea Pecile. Loro, come voi, hanno iniziato nel Don Bosco una trentina d’anni fa: hanno fatto le giovanili con la nostra società e poi sono riusciti a spiccare il volo verso la Serie A. E chissà che qualcuno di voi non riesca a fare altrettanto”.
Un messaggio di ottimismo e di speranza, sensazioni che hanno caratterizzato il pomeriggio salesiano presso il CONI: anche le
istituzioni si sono oramai accorte dell’ottimo lavoro svolto dalla società salesiana.
Letto 724 volte Ultima modifica il Domenica, 31 Maggio 2015 13:36

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli