Martedì, 23 Marzo 2010 20:36

Il coraggio di Mourinho, l'amnesia della critica

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Tutti avevano apprezzato il coraggio di Murinho nel non convocare Balotelli per la trasferta di Londra dando un esempio di coerenza e coraggio.

 Ho letto e sentito in questi giorni, da più parti, che sabato a Palermo è mancata l’inventiva del discolo attaccante assente per scelta tecnica. Beh, ci vorrebbe un po’ di coerenza ed avere la memoria meno corta. L’Inter ha infatti affrontato una squadra in palla e desiderosa di dimostrare ai propri tifosi (record di spettatori ed incasso) che la zona Champions non è un’utopia ma un serio progetto. Il Palermo è squadra tosta, ben allenata, ben gestita e con validissimi giocatori quindi un pareggio non è da buttare. Anzi. Poi che ci fosse il timore di essere scavalcati dai cugini è un altro discorso.

 

L’uomo di Setubal non riesce mai a convincere del tutto i tifosi ma non accade soltanto a lui, vedi Ancelotti e Leonardo ad esempio. Ma la forza di un manager è quella di seguire le proprie idee senza cedere alla pressioni della piazza. Ovviamente evitando, per orgoglio, di danneggiare gli investimenti della società ma, cosa ancora più importante, di mandare in frantumi i sogni dei tifosi che, alla fine della fiera, sono quelli che pagano e soffrono.

Denghiu

Letto 424 volte Ultima modifica il Lunedì, 17 Maggio 2010 14:40

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli