Sabato, 28 Novembre 2020 12:22

Inaugurato il sintetico di via Locchi, intervento da 350mila euro con quattro mesi di lavori

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)
Un momento della cerimonia Un momento della cerimonia

Nel rispetto delle norme anti Covid, è stato presentato e inaugurato ufficialmente venerdì 27 novembre in via Locchi a Trieste,

il nuovo manto erboso sintetico del campo di calcio a 11 del Sant’Andrea. Sul posto sono intervenuti il sindaco Roberto Dipiazza con gli assessori comunali ai Lavori pubblici Elisa Lodi eallo Sport Giorgio Rossi, il consigliere circoscrizionale Corrado Tremul, il vicepresidente dell’ASD Sant’Andrea Franco Mucchino, dirigenti e tecnici del Comune di Trieste e dell’impresa che ha portato a termine i lavori.

 

 

Promosso dal Comune di Trieste con un investimento di circa 350 mila euro, l’intervento è stato realizzato in 4 mesi a cura dell’impresa MAST srl di Brescia e ha visto la sostituzione del manto esistente con una nuova superficie in erba artificiale del tipo approvato e riconosciuto dalla Lega Nazionale Dilettanti. Per quanto riguarda la tipologia del sottofondo, è stata lasciata la soluzione esistente, in quanto il campo da calcio poggia sul solaio di copertura dell’autorimessa sottostante. I lavori sono stati completati con la sistemazione di tutte le attrezzature sportive presenti che sono state dotate di adeguati supporti (porte, bandierine, paracolpi e panchine). Inoltre, tutti gli ostacoli fissi (cordoli, muretti e muri, ecc.) ricadenti oltre la fine del campo, sono stati protetti per un'altezza fino a 2,20 m con materiali assorbenti l'urto, idonei e rispondenti alle normative vigenti.

 

“Con un investimento di 350 mila euro, abbiamo rinnovato -ha spiegato l’assessore Elisa Lodi – un campo di calcio a 11 sovrastante un parcheggio e non era una cosa facile. Nella zona di via Locchi - vicino alla piscina Bianchi, dove stiamo lavorando alla copertura e dove sorgerà anche la “Cittadella dello Sport” di Samer –abbiamo ora un impianto omologato, con un manto erboso sintetico completamente nuovo e all’avanguardia, dove ragazzi, giovani e adulti appassionati possono giocare a calcio in totale sicurezza”.

 

Soddisfazione nelle parole del sindaco Roberto Dipiazza che ha ricordato le vicissitudini tecniche e le problematiche di questo impianto, che nel 2001 era una ‘piscina-palude’ e che oggi ritrova la sua piena valorizzazione. Abbiamo investito in questo mandato - ha ribadito Dipiazza- quasi 27 milioni di euro per l’impiantistica sportiva in generale e in particolare per il calcio, dal Rocco al Grezar, passando per altri campi come quelli di San Giovanni, San Luigi, Trieste Calcio, Polisportiva Opicina e Vesna. Abbiamo investito sui giovani perché credo sia giusto farlo. Adesso c’è il Covid, ma quando riprenderanno, venire in un impianto così non può che far bene”.

 

“Dei 27 milioni investiti nello sport - ha aggiunto l’assessore Giorgio Rossi – ben 20 sono stati impegnati per gli impianti e le strutture calcistiche, spiace quindi rilevare che qualche società di calcio cada in sterili e strumentali polemiche, dimenticando la parola gratitudine. Non è questo il caso del Sant’Andrea, una società seria e competente, che si è confrontata in modo costruttivo con l’Amministrazione comunale e i cui risultati si possono ben vedere”.

 

Infine il vicepresidente Franco Mucchino, a nome del Sant’Andrea, ha obiettivamente dato atto al Comune di quanto è stato fatto, ringraziando sindaco, assessori, tecnici e impresa. “Ci avete aiutato in tutti i modi, se c’era un problema la voglia era di risolverlo e veniva risolto. Adesso abbiamo questo campo, speriamo di usarlo il prima possibile, non appena l’emergenza Covid lo consentirà”.

Letto 51 volte Ultima modifica il Sabato, 28 Novembre 2020 12:29

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli