Venerdì, 22 Aprile 2011 19:49

Pasqua di Resurrezione, per la Triestina vittoria e play-out più vicini

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Foto Geros Foto Geros
TRIESTINA 2
SASSUOLO 1
MARCATORI: p.t. 38’ Testini (rig.); s.t 12’ Godeas, 28’ Rea.


TRIESTINA (4-4-2): Colombo; D’Ambrosio, Filkor, D’Aiello, Longhi; Testini, Dettori, Lunardini (s.t. 26’ Brosco), Miramontes (s.t. 36’ Gerbo); Godeas, Marchi (s.t. 31’ Taddei). A disposizione Viotti, Bariti, Cisotti, Longoni. All. Salvioni
SASSUOLO (4-3-1-2): Pomini; Rea, Rossini, Bianco (p.t. 22’ Piccioni), Bocchetti; Valeri, Magnanelli, De Falco (s.t. 12’ Quadrini); Martinetti (s.t. 23’ Fusani); Riccio, Catellani. A disposizione Bressan, Polenghi, Consolini, Cinelli. All. Gregucci
ARBITRO: Tozzi di Ostia Lido (assistenti Manzini di Verona e Ranghetti di Chiari; quarto uomo Ros di Pordenone).
NOTE Ammoniti Bocchetti, Rossini, Riccio, Rea, Longhi, Magnanelli. Minuti di recupero: p.t. 1’; s.t. 5’. Corner 8-4 per il Sassuolo. Rigore parato da Colombo a De Falco al 46 p.t. Serata piacevole, terreno in discrete condizioni. Spettatori 3500.

Pasqua allegra e di speranza in casa alabardata che coglie il secondo successo consecutivo e inizia a sperare di poter lottare fino alla fine per il raggiungimento dei play-out. Doveva essere un turno proibitivo per le squadre di coda ed invece non è andata così. Addiritura il Portogruaro è riuscito a vincere in casa della capolista Siena dopo essere passato in svantaggio all’82’. L’Ascoli ha preso un punto a Varese e il Cittadella ha vinto a Piacenza.

Un po' di calcoli. Ricordiamo che bisogna tenere dietro 3 squadre per andare ai play-out. Nel prossimo turno la Triestina andrà a Grosseto mentre l’Ascoli riceverà il Frosinone, ultimo della classe: il Portogruaro se la vedrà con il Pescara. Poi Triestina-Cittadella, Atalanta-Portogruaro e Padova-Ascoli. Torino-Triestina, Portogruaro-Empoli e Ascoli-Siena. Penultima giornata con Triestina-Vicenza, Reggina-Ascoli e Frosinone-Sassuolo. L’ultima gara vedrà il Portogruaro ricevere il Crotone e lo scontro diretto al Del Duca, di fronte quindi alabardati e marchigiani. Sarà insomma importante arrivare vicino ai bianconeri in graduatoria, anche sotto di tre punti perché con un’eventuale vittoria dell’Unione sarebbe l’aggancio e il sorpasso in virtù degli scontri diretti.

La vittoria insomma del Portograuro a Siena ha sconvolto, a favore dei veneti, la lotta per la salvezza. Per l’Alabarda raggiungere i play-out sarà ad ogni modo un’impresa.

Contro il Sassuolo gara su ritmi discreti: dopo una fase di assestamento, i padroni di casa cercano di uscire dal loro guscio con tanta buona volontà, ma – malgrado l’impegno di Godeas – non riescono a pungere al cospetto di un avversario ordinato. Gli emiliani non hanno la necessità di scoprirsi e tengono bene il campo grazie anche alla regia di De Falco. E così l’Unione stenta a creare occasioni. I rossoalabardati reclamano giustamente un rigore al 19’ per un intervento di mano di Valeri sul colpo di testa di Godeas. Poi ci sono una punizione di De Falco (25’) e un tiro di Dettori (34’) entrambi fuori. E al 36’ Bocchetti tira giù Godeas in area, venendo punito con il penalty e il cartellino giallo. Testini va sul dischetto e insacca l’1-0 con un sinistro secco sul primo palo. Il Sassuolo ha la chance per impattare, ma la spreca malamente. Martinetti cade facilmente su un’uscita di Colombo, ma lo stesso portiere devia in angolo il tentativo dagli undici metri di De Falco. La sfida è vibrante e piacevole nella ripresa e già al 1’ Colombo dice nuovamente di no a De Falco (dalla distanza). E al 12’ arriva il 2-0, nuovamente grazie a una palla inattiva. Calcio d’angolo dalla destra di Testini e sul primo palo c’è il tocco di piede di Godeas, che sorprende Pomini.  Godeas manda di poco fuori dai 25 metri al 17’, mentre gli ospiti colpiscono con Martinetti al 18’ (battuta a colpo sicuro). Retroguardia locale mal disposta al 20’, ma gli sconfitti non ne sanno approfittare e Martinetti spara alto da sottomisura. La formazione di Gregucci pressa e l’Alabarda soffre in difesa. Tanto che il 2-1 viene sfornato al 28’  da Rea con una girata in mischia seguente a un assist dalla bandierina sinistra. Godeas sfiora il 3-1 al 34’: dapprima perde un attimo e poi si vede stoppato il suo tentativo da Pomini (deviazione di piede in angolo). Colombo chiude la sua porta (colpo di testa di Martinetti al 38’) e mette in cassaforte i tre punti. Ed anzi un pallonetto di Dettori – con il portiere fuori – sfila alto di un pelo al 49’.

Letto 771 volte

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli