Mercoledì, 11 Gennaio 2012 15:10

Triestina, aggredito Sergio Aletti

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Sergio Aletti Sergio Aletti
Nella serata di martedì 10 gennaio (alle 21.50) il presidente della Triestina Sergio Aletti è stato aggredito
fuori della pizzeria Al Cavallino Rosso di Opicina. Stava fumando una sigaretta in compagnia di due amici quando una macchina di color scuro si è fermata e sono scesi tre persone. Due di queste hanno bloccato gli amici di Aletti e uno lo ha preso a pugni (in particolare sul torace). Sette giorni di prognosi per il massimo dirigente dell'Unione, portato al Pronto Soccorso di Cattinara. Intanto il Ravenna di proprietà dello stesso Aletti (e dalla cui presidenza si è dimessa la figlia Elisa) sta vivendo una situazione-fotocopia di quella della Triestina.
E non se la passano bene neanche in Campania, se la sono infatti vista brutta pure i giocatori dell’Ebolitana che, dopo la sconfitta per 6 a 1 patita durante l’ultima giornata del campionato di Lega Pro seconda divisione, durante l’allenamento allo stadio Dirceu sul campo si sono visti arrivare contro alcuni ultras che indossavano felpe e cappucci i quali si sono scagliati contro i propri giocatori.
E spostandosi in Liguria ecco che la Sampdoria, che doveva tornare comodamente in A e che invece in cadetteria stenta parecchio, dopo la sconfitta casalinga contro il Varese ha visto alcuni giocatori aggrediti a sputi dai loro tifosi.
E a Livorno alcuni ultrà hanno intimidito con parole grosse i giocatori De Lucia e Schiattarella.
Un calcio che in Italia, dopo anche le recenti vicende del calcioscommesse, sta trovando sempre meno estimatori. D’altronde come dare torto a chi si disinnamora di questo sport?
Letto 651 volte

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli