Mercoledì, 24 Marzo 2010 14:08

Triestina, dal Gallipoli il primo stop della gestione Arrigoni

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Triestina al ...tappeto a Lecce contro il Gallipoli Triestina al ...tappeto a Lecce contro il Gallipoli

Una Triestina decisamente sottotono non sfrutta una partita abbordabile

 

e si arrende per 2-1 al Gallipoli (in via del Mare a Lecce) in occasione della trentunesima giornata (la decima di ritorno). I padroni di casa, scesi in campo con la formazione migliore e non con la Primavera in segno di protesta nei confronti del presidente friulano D’Odorico, dovevano essere una vittima sacrificale visto che non prendono gli stipendi da cinque mesi e proprio per questo l’allenatore Giuseppe Giannini aveva rassegnato le dimissioni proprio alla vigilia della partita (sostituito dal tecnico della Primavera De Pasquale). Ci mettono, però, più volontà e più dinamismo. E pur avendo dei limiti evidenti, queste due caratteristiche bastano. L’Unione, infatti, appare involuta, tanto più senza Pasquato (tenuto inizialmente in panchina). Le assenze di Sedivec, Godeas, D’Aversa, Gorgone e Cossu non sono sicuramente un alibi. L’Alabarda resta sulle sue, non affonda sulle fasce ed è lenta nei movimenti. I centrocampisti non fanno gioco (opachi Gissi e Stankovic), Testini non tiene palla e non è al meglio (non è l’unico, comunque, a essere fuori condizione), mentre Della Rocca si muove, ma non graffia. Ne esce una partita poco spettacolare davanti a pochi intimi (600 spettatori) e nel primo tempo ci sono solo due lampi del padrone di casa Daino. Il Gallipoli parte deciso nella ripresa e si porta sul 2-0 con due bei tiri da fuori, sui quali gli ospiti – in ogni caso - non chiudono bene per vie centrali. Entrano Pani e Pasquato in contemporanea e poi Siligardi, ma viene tolto tra gli altri Della Rocca e così l’attacco giuliano non ha più forza fisica. Un fallo di Viana su Cottafava vale in ogni caso un rigore per i rossoalabardati. Lo trasforma Testini, giunto al nono centro stagionale. La formazione di Arrigoni si rianima parzialmente, ma il suo possesso-palla è sterile. Solo nel finale va vicina al pari: Sciarrone è bravo su Sabato al 43’, Pasquato calcia malamente alto dal cuore dell’area a porta vuota al 45’ e Stankovic spedisce alto al 48’. Il tabellino.

 

GALLIPOLI 2

TRIESTINA 1

MARCATORI: st 5’ Mancini, 18’ Pederzoli, 24’ Testini su rigore.

GALLIPOLI (MODULO 3-5-2): Sciarrone, Abbate, Grandoni, Parlante, Daino, Mancini (st 44’ Franchini), Pederzoli, Viana, Scaglia, Di Carmine (pt 25’ Volpato, st 27’ Lazzarini), Artistico. Allenatore De Pasquale.

TRIESTINA (MODULO 4-4-1-1): Calderoni, Nef, Cottafava, Scurto, Sabato, Tabbiani (st 22’ Siligardi), Stankovic, Gissi (st 11’ Pani), Pit, Testini, Della Rocca (st 11’ Pasquato). Allenatore Arrigoni.

ARBITRO: Tozzi di Roma.

NOTE Ammoniti Pederzoli, Viana, Gissi, Viana, Sabato. Minuti di recupero: 2’ pt, 4’ st.

 

Letto 598 volte Ultima modifica il Mercoledì, 24 Marzo 2010 14:17

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna