Giovedì, 26 Gennaio 2012 12:27

Triestina, speranze di cancellare il fallimento a fine stagione

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Foto Geros Foto Geros
Niente da fare per il prossimo turno per gli infortunati D'Ambrosio e Cesar Pinares.
In merito alle questioni legali, va detto che i tre giudici Giovanni Sansone (presidente del Tribunale Civile), Sergio Carmineo e Arturo Picciotto hanno deciso di affidare la Triestina a un curatore fallimentare dopo che Sergio Aletti non ha presentato in tempo (lo ha fatto dopo l'udienza) il verbale del CdA, in cui i soci annunciavano la volontà di mettere mano al portafoglio, e non hanno optato per la chiusura imminente dei battenti per non svalutare il valore dei tesserati, che costituiscono in ogni caso un valore, per non perdere immediatamente il titolo sportivo e per tutelare gli interessi di tutte le persone coinvolte (lavoratori, creditori e comunità locale). Il fallimento sarà decretato solamente nel caso in cui - a fine stagione - nessuno avrà comprato la società e la squadra ripartirà da due categorie sotto (perciò dalla Seconda Divisione in caso di promozione in B, dalla serie D in caso di permanenza in Prima Divisione o dall'Eccellenza in caso di retrocessione in Seconda Divisione). I debiti sono di quasi sei milioni, ma ne "bastano" due per salvare l'Unione. La Figc accetterebbe di iscrivere il club con una nuova proprietà, guardando unicamente al pagamento dei debiti sportivi (appunto di due milioni).
Letto 673 volte

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli