Lunedì, 17 Agosto 2020 19:43

Triestina, i primi colpi di mercato

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)
Il saluto di Mauro Milanese alla squadra Il saluto di Mauro Milanese alla squadra

La Triestina sta costruendo la squadra per puntare a vincere la serie C.

E' questa la sensazione dopo i primi colpi di mercato. Anche se per puntare in alto serve assolutamente ancora almeno una forte punta. Oggi (lunedì) c'è stato il saluto di Mauro Milanese e dello staff tecnico alla squadra. Ora si comincerà dunque a fare sul serio.

Diamo un'occhiata agli ultimi arrivi.

Reda Boultam. Il giocatore si è legato alla causa alabardata con un contratto di durata triennale (scadenza fissata al 30 giugno 2023). Nato il 3 marzo 1998 a Meknes (Marocco) ma di nazionalità olandese, 187 cm di statura, Reda Boultam è un centrocampista di grande talento e duttilità, impiegabile in tutti i ruoli nel centrocampo a tre e all’occorrenza anche in posizione più avanzata tra le linee. Muove i primi passi da calciatore ad Almere (Olanda) prima di trasferirsi nelle giovanili dell’Ajax nel 2013, imponendo le sue qualità in un gruppo che annoverava talenti del calibro di Matthijs de Ligt e Justin Kluivert. Approdato in Italia alla Cremonese in Serie B, nelle stagioni 2018/2019 e 2019/2020 ha collezionato 18 presenze con un gol all’attivo. Una rete da ricordare (contro il Crotone), il gol del pareggio dopo appena 7 secondi dal suo ingresso in campo. All’attivo convocazioni nelle selezioni giovanili dell’Olanda, il centrocampista classe ’98 ha scelto Trieste nonostante fosse cercato anche in cadetteria e da oggi è ufficialmente un nuovo giocatore alabardato, con potenzialità e prospettive per dare ulteriore linfa al settore nevralgico del campo.

Alessio Di Massimo. Il giocatore ha sottoscritto un accordo di durata biennale con l'Unione, con scadenza fissata al 30 giugno 2022.
Nato a Sant'Omero (Teramo) il 7 maggio 1996, 180cm di statura, Alessio Di Massimo è un attaccante esterno con spiccate doti tecniche, unite a forza fisica ed imprevedibilità. Di piede destro, predilige la corsia mancina del fronte offensivo ma può all'occorrenza essere impiegato sulla fascia opposta così come giostrare da seconda punta.
Dopo l'esordio ancora giovanissimo al Sant’Omero Palmense (Promozione) andando a segno 17 volte, passa nel 2014/2015 all’Alba Adriatica, in Eccellenza (14 gol). Nel 2015/2016 altro salto di categoria in serie D con la casacca dell’Avezzano, 12 partite di campionato e 5 reti. Mette gli occhi su di lui la Juventus che lo ingaggia a gennaio, mettendolo a disposizione della Primavera allenata da Fabio Grosso nella quale in 10 gare va a segno 6 volte, realizzando tra l'altro il rigore decisivo nella finale del Torneo di Viareggio contro il Palermo. Nella stagione 2016/2017 viene ingaggiato dal Pescara e girato alla Sambenedettese divenendone punto fermo, in quattro campionati nelle Marche colleziona 112 presenze condite da 12 reti e 20 assist. Elemento giovane ma con alle spalle un bagaglio di esperienza già importante, corteggiato da diversi club di Serie B è da oggi ufficialmente un nuovo giocatore alabardato, voglioso di proseguire il suo percorso di crescita in sintonia con le ambizioni della nostra Società.

Mirco Petrella. Il giocatore arriva a titolo definitivo dal FC Sudtirol e ha sottoscritto con l'Unione un contratto di durata biennale, con scadenza fissata al 30 giugno 2022.
Nato a Pratola Peligna (L'Aquila) il 30 luglio 1993, Mirco Petrella torna a Trieste dopo la passata stagione a Bolzano, nel corso della quale ha collezionato 25 presenze tra campionato e Coppa Italia andando 3 volte a bersaglio e servendo 4 assist.
Cresciuto nel settore giovanile del Pescara Calcio nel quale ha fatto l’intera trafila a partire dalla formazione Esordienti, ha militato per sei stagioni nel Teramo, vincendo tre campionati (Serie D, Serie C2, Serie C). Nel 2017 l'approdo in alabardato, due stagioni con all'attivo 59 presenze tra campionato, Coppa Italia e playoff, impreziosite da 14 reti e 7 assist.
Un'ulteriore importante freccia a disposizione dell'attacco alabardato, un giocatore che conosciamo bene e che con le sue fiammate può dare ancor più pericolosità al nostro reparto offensivo.

Giuseppe Rizzo. Il giocatore ha sottoscritto in questi minuti un contratto di durata biennale con l’Unione, con scadenza fissata al 30 giugno 2022.
Nato a Messina il 18 marzo 1991, 180 cm di statura per 71 kg, Rizzo è un centrocampista centrale di grande esperienza con spiccate qualità di interdizione, molto ben conosciuto dall’attuale regista alabardato Ciccio Lodi, avendolo affiancato in mediana nella precedente esperienza al Catania. Cresciuto nel settore giovanile del Messina per poi passare alla Primavera della Reggina, con i calabresi esordisce in prima squadra in Serie B nella stagione 2009/2010. Due stagioni e mezzo in prima squadra con i granata, mettendo insieme 90 presenze condite da 3 reti. A gennaio 2013 il passaggio in prestito al Pescara coincide con l’esordio in Serie A, Rizzo colleziona undici presenze rimanendo in Abruzzo anche nella successiva stagione in Serie B (23 gettoni).
La stagione 2014-2015 viene divisa tra la prima parte alla Reggina (in Lega Pro, 14 presenze) e la seconda al Perugia in Serie B (9 presenze, compreso il playoff contro il Pescara). Il campionato 2015/2016 lo vede ancora protagonista in Umbria, collezionando altre 30 partite sempre con la casacca del Perugia. Nel 2016/2017 veste la maglia del Vicenza, sempre in Serie B, mettendo insieme 29 presenze impreziosite da una rete contro il Cittadella. La stagione 2017/2018 lo vede nella prima parte ancora in cadetteria con la maglia della Salernitana, mentre a gennaio 2018 avviene il passaggio al Catania in Lega Pro. In due campionati e mezzo con i rossazzurri colleziona 73 presenze (9 delle quali ai playoff) condite da una rete. 11 presenze in Serie A, 183 in Serie B, oltre 80 in terza serie, un curriculum di valore assoluto per Giuseppe Rizzo, cercato anche da club di categoria superiore e da oggi nuovo tassello ‘da battaglia’ del centrocampo alabardato.

Letto 120 volte

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Ultimi commenti agli articoli