Domenica, 06 Agosto 2017 21:33

La Triestina fa sudare Zeman, il Pescara passa solo ai supplementari

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)
Mister Zeman a sinistra. Foto da Facebook Mister Zeman a sinistra. Foto da Facebook

Il sogno dell’Unione svanisce al 91’. All’Adriatico la Triestina infatti fa un figurone in casa di Zeman,

in vantaggio sino appunto al 91’ si fa riprendere e superare nei tempi supplementari subendo, su quel campo, ancora una volta 5 reti. Il 5 novembre del 2005 infatti finì 5-1 per gli abruzzesi con quaterna locale di Matteini dopo il vantaggio alabardato di Rigoni. Sulla panchina giuliana siedeva Vierchowood, su quella pescarese Sarri.
Gara dunque con mille emozioni per la Triestina all'Adriatico in occasione del secondo turno di Coppa Italia per squadre professionistiche. Un confronto tra una neo-retrocessa in B e una neo-ripescata in C; squadre entrambe rimaneggiate – i “nostri” ben di più comunque - e caldo anche a Pescara come in tutta Italia (33 gradi alle 20 dopo i 36 pomeridiani). Niente pioggia/grandine e vento come pian piano si sono appalesate in Friuli Venezia Giulia. Stop con grande onore per la compagine di Beppe Sannino e ora il Pescara renderà visita sabato 12 al Brescia (vincente per 1-0 sul Padova) nel terzo turno di Coppa Italia. Per la formazione del capoluogo Fvg ci sarà in ogni caso la Coppa Italia di serie C, per la quale è stata annullata l'amichevole del 19 agosto contro il Venezia di Pippo Inzaghi (originariamente prevista al Nereo Rocco).
La partita dello stadio Cornacchia è l'unica di quelle fissate alle 20.30 a iniziare in ritardo, “addirittura” alle 20.38 e segna subito una partenza convinta dei biancocelesti neo-retrocessi in serie B. E già al 1' il portiere ospitato Boccanera è chiamato a salvare i suoi pali. La replica clamorosa dell'Unione, seguita da una decina di tifosi – sistemati nella curva ospiti - arriva al 4'. I locali cercano di attuare un fuorigioco alto e Franca impegna Fiorillo, che sventa il mancino in angolo. E sul corner di Bracaletti c'è Aquaro a svettare di testa così da infilare lo 0-1, anticipando il suo marcatore e un Fiorillo incerto in uscita. Il difensore centrale fu l'ultimo marcatore della scorsa stagione (nella finale dei play-off con la Virtus Vecomp Verona) ed è il primo goleador della nuova annata...
I padroni di casa provano allora a reagire e al 7' il piattone di Bruckmann dai 18 metri è di poco alto. Primo tempo piacevole con difese allegre e alcune buone giocate sul piatto della bilancia (bene gli ospiti, che non rinunciano a proporsi pur in versione giovane). Al 12', su un assist dalla bandierina, scavetto invece di Brugman per Mazzotta e palla per Proietti, che insacca ma dopo che il guardalinee aveva alzato la bandierina e perciò gol annullato per fuorigioco. Ben altre due reti vanificate da offside per i ragazzi di Zeman tra il 18' e il 19' (rispettivamente di Nicastro e Pettinari), poi immediata parata di Fiorillo su Bracaletti e quindi traversa scheggiata di Zampano su un tiro-cross. Al 25' bella giocata di Arma nel controllo e sinistro di poco fuori. Un giro di lancette e arriva l'1-1, segnato da Pettinari su imbeccata dalla sinistra di Mazzotta (il più attivo in campo nei primi 45').
Spazio a seguire per un tiro sbilenco di Arma, una marcatura dello stesso ex Pordenone (su servizio di Mensah) invalidata per fuorigioco e un'incornata di Pettinari da sottomisura finita di un niente fuori al 36'. Raddoppio sfornato in ogni caso da Brugman con un'inserimento finalizzato con un bel piattone mancino al 39'.
Bracaletti dentro per Franca, bel controllo e tocco per Arma, che firma il suo primo gol triestino (quello del 2-2) al termine di una bella azione al 44'45”.
In avvio di ripresa (1') Zampano si sgancia e va alla battuta con Bloccanera a bloccare sicuro. Pescara offensivo e al 5' traversa di Pettinari e sul tap-in di Burgman c'è il salvataggio d'istinto dell'estremo difensore Boccanera. Ritmi ancora alti e match sempre gradevole fino a metà ripresa, poi si gioca più compassati (l'afa tiene duro), si è un po' spaccati a centrocampo per colpa della stanchezza, ma la Triestina tiene comunque il campo con orgoglio. Al 10' punizione centrale proprio dal limite di Franca e palla sulla barriera, l'attaccante brasiliano la recupera e serve il terzino Brandmayr, la cui conclusione viene sporcata e bloccata perciò senza patemi da Fiorillo. Al 16' Brugman, vedendo il numero uno avversario avanzato, ci prova da ben 40 metri, ma Boccanera arretra e sventa la minaccia. Passano 5' e viene espulso il mister dei giuliani Sannino. Al 29' altro guizzo di Pettinari e Boccanera è pronto; però i delfini – due “gol” infilati a gioco fermo per fuorigioco nel corso della seconda frazione - concedono spazi e al 30' l'Alabarda ne approfitta con un'avanzata di Bracaletti, che innesca il marocchino Arma; questi potrebbe tirare subito di destro, ma tergiversa, controlla il rimbalzo successivo e infila di sinistro il 3-2 pro “muli”. E al 45' rigore per il Pescara con ammonizione per Aquaro (per fallo a palla lontana). Lo trasforma al 46' il figlio d'arte Ganz. Realizzazione che sancisce l'overtime.
E al 4' del p.t.s. il 4-3: cross di Zamparo e piattone vincente di Coulibaly. Al 12', quindi, scambio Bracaletti-Arma e Coda devia in corner il tiro del bomber arrivato da meno un mese. Sulla ripartenza, dopo la battuta dalla bandierina, gli ospitanti gestiscono male la chiusura dell'azione e mancano il colpo dell'ulteriore allungo con Capone, che concede il bis al 15' (ben stoppato in angolo da Boccanera).
In partenza di s.t.s. (1') viene sfornato il quarto centro pescarese viziato da offside e perciò tabellino non aggiornato come al 7' quando Boccanera manda la deviazione di Coulibaly oltre la linea di fondo. Lo è invece all'11' da Del Sole, che è tutto solo, scarta Boccanera (che poi lo fermerà 2' dopo) e insacca il 5-3.

Il tabellino.


PESCARA    5
TRIESTINA 3

(ai supplementari)
MARCATORI: p.t. 5' Aquaro, 26' Pettinari, 39' Brugman, 44' Arma; s.t. 30' Arma, 46' Ganz (rig.); p.t.s. 4' Coulibaly; s.t.s. 11' Del Sole.
PESCARA (4-3-3): Fiorillo, Zampano, Coda, Brugman, Pettinari (s.t. 23' Del Sole), Delli Carri, Mazzotta, Nicastro (s.t. 23' Simone Ganz), Capone, Carraro (s.t. 1' Coulibaly), Proietti. A disposizione Pigliacelli, Crescenzi, Valzania, Latte Lath, Perrotta, Selasi, Palazzi, Cappeluzzo. All.: Zeman
TRIESTINA (4-4-2): Boccanera, Brandmayr (40' s.t. Erman), Pizzul, Codromaz, Meduri, Aquaro, Bracaletti, Celestri (s.t.s. 12' Crevatin), Arma, Franca (s.t. 31' Zoom Langwa), Mensah. A disposizione Puccini, Marco Loschiavo, Colavecchio. All.: Sannino
ARBITRO: Francesco Forneau di Roma 1 (assistenti Maurizio De Troia di Termoli e Vito Mastrodonato di Molfetta; quarto ufficiale Aleandro Di Paolo di Avezzano).
NOTE Espulso Giuseppe Sannino (allenatore della Triestina) al 20' s.t. Ammoniti Pettinari (19' s.t.), Meduri (24' s.t.), Arma (42' s.t.), Aquaro (45' s.t.). Mensah (50' s.t.). Corner: 9-5 per il Pescara. Minuti di recupero: p.t. 1', s.t. 5'50”; p.t.s. 1', s.t.s. 1'.

Letto 49 volte Ultima modifica il Domenica, 06 Agosto 2017 21:41

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna