Giovedì, 09 Novembre 2017 11:54

Triestina-Teramo 1-1, Gasperutti: "Unione l'ammazza campionato, ma solo alla sera"

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)
Bruno Gasperutti Bruno Gasperutti

Ancora un pareggio interno per la Triestina, che con un avvio troppo morbido,

ha offerto agli avversari su un piatto d'argento, la possibilità di giocare la partita che avevano sperato in cuor loro, di disputare a Trieste.

Singolare fin qui, il percorso della nostra Unione: quando ha giocato alla sera, ha vinto 4 volte e 2 le ha pareggiate, per 14 punti; giocando di pomeriggio ha pareggiato 4 volte e 2 le ha perse, per 4 punti!! Di sera la Triestina è l'ammazza campionato, di pomeriggio invece è la Cenerentola del girone. E poi ci domandiamo perchè il Teramo non voleva giocare alle 18 e 30? E' un caso e ci sorridiamo sopra, ma sembra invece che la squadra approcci le gare al Rocco con un po' di titubanza.

In genere la squadra padrona di casa, parte lancia in resta, con l'intenzione di spaccare il mondo e in genere, solo dopo 15 minuti, quando ha bisogno di rifiatare, la gara s'incanala sui giusti binari. Invece a noi succede che in 3 partite su 6 (una percentuale assurda), partiamo dallo 0 a 1; è successo con la Reggiana, col Sudtirol e appunto contro il Teramo, e se vogliamo anche col Renate, quando non siamo riusciti a recuperare. Non voglio pensare ad un certo timore dei giocatori del palcoscenico su cui giocano, perchè il pubblico è sempre stato dalla loro parte, sostenendoli affettuosamente, ma qualcosa ci deve essere e deve esser bravo Sannino a sbloccare le loro teste liberandole. Per le sue caratteristiche, la squadra è indubbiamente più portata a giocare negli spazi, perchè ha due mediani normalizzatori di gioco e degli attaccanti agili e veloci nel contropiede. Quando deve far la partita contro squadre asserragliate, a maggior ragione se vanno pure in vantaggio, trova le sue brave difficoltà.

Stavolta la Triestina a me non è dispiaciuta, non mi ha deluso, ha fatto la sua onesta partita contro una buona squadra, perchè dobbiamo dare i suoi meriti anche agli avversari. Il Teramo, anzi, ha disputato una gara molto valida, arcigno in difesa, con un ottimo centrocampo e delle punte agili e abili nel tenere il pallone, forse per fortuna, poco pericolose nelle conclusioni.

Dopo il primo tempo la partita sembrava molto difficile da raddrizzare perchè gli ospiti erano molto abili nel chiudere tutti gli spazi ed è stata molto brava l'Alabarda, ad iniziare la ripresa con un grande spirito. Raggiunto il pareggio ci si aspettava l'assalto finale, perchè mancava mezz'ora, invece è stato abile Asta a cambiare assetto alla sua squadra immettendo due punte fresche e arretrando Tulli, ottimo palleggiatore, alle loro spalle.

Nella Triestina invece, usciti i due mediani che giocano un calcio forse un po' troppo compassato, ma misurato e preciso, per Acquadro e Castiglia, più vivaci e aggressivi ma disordinati, e uscito lo stremato Mensah, ha perso un po' il filo del gioco e il finale è stato così più equilibrato, dove nessuna delle due squadre, ha dato la sensazione di prevalere.

L'inizio è stato scioccante e per 3 minuti gli ospiti hanno aggredito la Triestina, conquistando due, tre palloni e non consentendole di superare la metà campo. Poi il bravo Ventola ha fatto uno slalom sulla destra, novello Tomba, entrando come nel burro in area alabardata e consentendo a Tulli di tirare verso la porta, l'unico pallone per la sua squadra di tutta la partita, Boccanera non è stato impeccabile e Ventola proseguendo la sua volata, in tap-in ha messo in rete.

Da quel momento la Triestina ha attaccato con continuità, ma anche con raziocinio e nulla le si può imputare, perchè le ha tentate tutte, ma ci sono anche gli avversari e stavolta si sono comportati oltre le aspettative. Mensah ha fatto una gran partita e il suo uomo se lo è bevuto innumerevoli volte, ma sempre defilato e gli hanno chiuso sempre, lo specchio per il tiro, così lui è stato costretto a mettere palloni in mezzo dove i difensori, molto fisici e in sopra numero, avevano sempre la meglio. Bracaletti più avanzato del solito, dietro ad Arma, si è dannato l'anima giocando un'ottima partita e ha anche realizzato al volo, un bellissimo gol. Detto dei mediani, i terzini hanno disputato una gara difficile, perchè pur godendo di parecchio spazio davanti, dato che gli avversari, con 3 centrocampisti in linea che dovevano coprire tutta l'asse del campo, arrivavano a scalare la marcatura sempre in ritardo, non sono stati particolarmente incisivi nell'inserirsi in sovrapposizione o attaccare la profondità. Qualche difficoltà nell'appoggio e nel far partire l'azione per i due centrali difensivi e qualche incertezza per il portiere nel gol, ma anche su qualche pallone vagante attraverso l'area.

Complessivamente una discreta Triestina, ma un risultato sotto le aspettative che non le consente di spiccare il volo verso i vertici della classifica e purtroppo domenica, perdipiù, anche riposiamo mentre i nostri avversari bene o male qualche punto lo faranno così il divario si allargherà.

Questo è un campionato grazie ai nostri Soloni che comandano la Lega, veramente falsato e la classifica bisogna proprio sforzarsi di non guardarla. La Triestina dalla prima giornata gioca con l'handicap della gara in meno e con l'assillo di correre sempre dietro alle avversarie, certo riposeranno anche loro prima o poi, ma non è un bel giocare sempre a rincorrere.

Bruno Gasperutti

Letto 50 volte

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna